Tunisia: il rieletto presidente rispetti i diritti umani

Stampa

I presidenti Ben Ali e George W. Bush

All'indomani della rielezione per un quarto mandato con oltre il 94% dei voti, Amnesty International ha chiesto al presidente tunisino Ben Ali di rispettare gli obblighi previsti dal diritto internazionale dei diritti umani e dalle stesse leggi nazionali e porre fine alle violazioni dei diritti umani che hanno pervaso il paese per più di dieci anni.

"Dall'inizio degli anni '90 la libertà di espressione, di associazione e di riunione è stata ampiamente limitata. Le organizzazioni indipendenti per i diritti umani si sono viste negare il riconoscimento legale o hanno subito forti restrizioni. La libertà di stampa è praticamente inesistente e il governo ha ripetutamente bloccato l'accesso a numerosi siti internet" -nota Amnesty.

Amnesty International ha ricevuto, negli ultimi tempi, denunce di attacchi nei confronti di oppositori politici e persone che osano criticare il governo. Jallel Zoughlami, fondatore del mensile non autorizzato "L'arco della dignità", è stato arrestato il 22 settembre insieme al fratello Nejib e accusato di tre distinte fattispecie penali. Poco prima i due erano stati assaliti a Tunisi, in pieno centro, da persone sconosciute poi allontanatesi indisturbate. Amnesty International teme che l'episodio sia stato orchestrato dalle autorità che cercavano il pretesto per arrestare un noto critico del governo di Ben Ali.

La libertà di movimento degli oppositori politici è soggetta a limitazioni. Il 13 ottobre Moncef Marzouki, leader del Congresso repubblicano (un partito politico non autorizzato) è stato fermato e interrogato per tre ore all'aeroporto di Tunisi mentre era in procinto di partire per Parigi, dove si sarebbe svolta una riunione dell'opposizione tunisina. È stato poi autorizzato a partire ma è stato incriminato per "partecipazione a riunione non autorizzata", "direzione di un partito politico non riconosciuto" e "attacco al morale della nazione". L'11 ottobre Hamma Hammani, leader del Partito comunista dei lavoratori tunisini (un'altra formazione politica non autorizzata) è stato aggredito da un gruppo di uomini in borghese, ritenuti agenti di polizia, che gli hanno strappato la maglia, gli hanno rotto gli occhiali e lo hanno sottoposto a pesanti insulti.

Questi episodi si verificano in un contesto di disprezzo per la legge e per gli standard internazionali sui diritti umani da parte delle autorità tunisine. Da anni Amnesty International esprime preoccupazione per le sistematiche violazioni dei diritti umani, gli attacchi ai difensori dei diritti umani, la tortura e i maltrattamenti in detenzione, le irregolarità nei processi di natura politica, i provvedimenti discriminatori e arbitrari adottati nelle prigioni e le intimidazioni nei confronti degli ex prigionieri politici e delle loro famiglie.

La criminalizzazione di pacifiche iniziative politiche, infine, potrebbe derivare anche dalla legge "anti-terrorismo" introdotta nel dicembre 2003 - nota Amnesty. Questo testo contiene una definizione molto ampia di "terrorismo", che può determinare carcerazioni ingiuste, consente l'estensione a tempo indeterminato della detenzione preventiva ed è priva di garanzie riguardo alle persone che potrebbero essere estradate verso paesi in cui rischierebbero gravi violazioni dei diritti umani. La legislazione attualmente in vigore sul "terrorismo" - soprattutto l'art. 123 del codice di giustizia militare e l'art. 52 del codice penale - è stata utilizzata per criminalizzare attività pacifiche dell'opposizione.

Va ricordato che l'amministrazione Bush ha indicato nel governo Ben Alì una delle poche certezze in Medio Oriente. Le organizzazioni internazionali Human Rights Watch e Amnesty International hanno denunciato la condizione dei detenuti politici in Tunisia: sevizie, detenzione in isolamento senza sosta, malnutrizione, violenze e torture. [GB]

Ultime notizie

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Quel che “Vaia” ci insegna *

17 Aprile 2019
La tempesta di acqua e vento che nell'ottobre scorso ha spazzato via 41.491 ettari di bosco ci parla del cambiamento climatico e della nostra insostenibilità. Di un clima sempre più segnato da even...