Serbia: contraddizioni sul rispetto dei diritti umani

Stampa

Il nuovo premier serbo Vojislav Kostunica

Il Ministro degli esteri della Serbia e Montenegro, Goran Svilanovic il 3 marzo scorso ha sottoscritto presso il Consiglio d'Europa la Convenzione sulla salvaguardia dei Diritti dell'Uomo e delle Libertà fondamentali.

"Un segnale positivo" - afferma Luka Zanoni dell'Osservatorio sui Balcani - "se non fosse per alcune questioni interne ancora irrisolte. Ad esempio alla vigilia dell'accoglienza nel Consiglio d'Europa, l'allora ministro della difesa Vladan Batic, non esitò ad invocare la riammissione della pena di morte. Buona parte dei cittadini della Serbia è infatti favorevole a quest'ultima".

Zanoni ricorda inoltra la reticenza in Serbia ad affrontare i crimini commessi durante gli anni '90 e l'allergia a collaborare con il Tribunale dell'Aja. "La collaborazione con la giustizia internazionale è stata ad esempio messa all'ultimo posto dell'agenda politica del nuovo governo".

Di queste incongruenze si è accorta anche l'organizzazione internazionale Amnesty International, la quale ha sollevato delle riserve sul rispetto dei diritti umani in Serbia. Nel rapporto di Amnesty sulla Serbia e Montenegro viene sollevata una certa preoccupazione per via del fatto che la Serbia e Montenegro non sembra rispettare gli impegni relativi alla consegna degli accusati dal Tribunale dell'Aia, ma anche perché vengono condotte torture da parte della polizia e perché un pessimo trattamento viene riservato ai detenuti malati. Amnesty International ha invitato il Consiglio d'Europa a far sentire la propria influenza sulla Serbia e Montenegro al fine di far rispettare gli obblighi riguardanti i diritti umani.

Anche le ONG serbe in questi giorni hanno detto la loro. Le rappresentanti delle "Donne in nero" hanno richiesto al parlamento la consegna al tribunale dell'Aia di tutti i suoi accusati. Le "Donne in nero", a nome di 70 ong della Serbia e Montenegro, hanno lanciato la campagna "Non nel nostro nome, non con i nostri soldi" con la quale si richiede che ai reclusi nel carcere internazionale e alle rispettive famiglie non vengano pagate le spese legali col denaro statale. [DS]

Ultime notizie

Elezioni in Tunisia: un presidente post ideologico

16 Ottobre 2019
Sono molte le incognite scaturite dal voto per l’Assemblea legislativa e per il presidente. (Ferruccio Bellicini)

Commissione Europea, una partenza in salita

15 Ottobre 2019
Tre commissari non hanno superato l’esame del Parlamento Europeo: ragioni e conseguenze. (Matteo Angeli)

Il principe assassino di Khashoggi a rischio regno ricatta col petrolio

14 Ottobre 2019
Trump impone il silenzio, un anno dopo non c’è giustizia per Khashoggi, il giornalista saudita assassinato e fatto a pezzi nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul. Guerra del golfo a perdere p...

Il Senegal ha sete

14 Ottobre 2019
La crisi idrica causata da un ritardo della stagione delle piogge e le anomalie della produzione di biomassa mettono in ginocchio il nord del Paese africano. (Lucia Michelini)

Pescara: dalla periferia nasce una nuova mappa del bene comune

13 Ottobre 2019
Al via cinque progetti realizzati da reti di associazioni con il supporto del Csv locale.