Rsf: bene in Etiopia ma tre radio chiuse in Madagascar

Stampa

da rsfitalia.org

Tre radio private di Toamasina, città portuale della costa est dell'isola di Madagascar, sono state chiuse dal governo dopo aver ospitato sulle loro onde l'intervento di alcune personalità dell'opposizione. Radio Ny Antsika (RNA), Sky FM e Radio Feon'i Toamasina (RFT) non emettono più dal 10 dicembre scorso e i loro responsabili sono stati convocati dalla gendarmeria locale per essere interrogati.

"Noi stimiamo che la diffusione di questo tipo di interviste sia l'espressione della diversità di opinioni che deve poter esistere in Madagascar per garantire il diritto a un'informazione libera e pluralista", ha dichiarato Reporter senza frontiere in una lettera inviata al ministro delle Telecomunicazioni, Poste e Comunicazione, Bruno Ramaroson Andriantavison. "Per questo motivo chiediamo che queste tre radio possano riprendere a trasmettere il prima possibile e che le autorità locali ordinino il dissequestro dei ripetitori di RFT e di RNA", continua l'organizzazione internazionale per la difesa della libertà di stampa.

Intanto in Etiopia è stata riabilitata l'Associazione dei giornalisti etiopi dopo 13 mesi di messa al bando. L'Alta Corte federale d'Etiopia si è pronunciata, il 24 dicembre scorso, sulla controversia che oppone l'EFJA (l'Associazione dei giornalisti etiopi per la libertà di stampa) al ministero della Giustizia e ha deciso di riabilitare l'associazione a cui dal novembre 2003 era stata interdetta l'operatività.

"Ci felicitiamo per questa vittoria dell'EFJA che rappresenta un passo avanti per l'affermazione della libertà di stampa in Etiopia", ha dichiarato Reporter senza frontiere. "La vigilanza rimane comunque d'obbligo, poiché la situazione dei media nel Paese continua a essere molto precaria: i giornalisti temono infatti la prossima adozione di una legge che permetterebbe allo Stato di metterli in carcere "per aver commesso errori nei loro articoli". Inoltre, la stampa estera è sorvegliata a vista e gli Etiopi non possono ancora accedere alle televisioni e alle radio indipendenti", ricorda l'organizzazione internazionale per la difesa della libertà di stampa. [AT]

Ultime notizie

La terra che dorme

21 Marzo 2019
A Ulan Udè (la Porta Rossa) diparte la Transmongolica, ferrovia a binario unico e non elettrificata, che attraversa la Mongolia passando per Ulan Bator. (Matthias Canapini)

Jair Bolsonaro e il futuro dei circa 300 popoli indigeni

20 Marzo 2019
Bolsonaro fin dal primo giorno di mandato non ha perso occasione per attaccare i diritti territoriali dei popoli indigeni del Brasile. (Alessandro Graziadei)

La nuova destra europea frena la lotta al riscaldamento globale

20 Marzo 2019
Sul finire di un inverno insolitamente tiepido su tutta l’Europa occidentale, bisogna chiedersi: l’Unione europea sarà in grado di fare la sua parte per contrastare il riscaldamento globale? Stiamo...

Economia circolare: l’Ue alla ricerca dell’anello mancante

19 Marzo 2019
La Commissione europea ha pubblicato una relazione completa sull’attuazione del piano d’azione per l’economia circolare adottato nel dicembre 2015  «per spianare la strada verso un’e...

La verità sull’industria del latte

19 Marzo 2019
Cosa succede quando si perde di vista la realtà. (Anna Molinari)