Rohingya, fallimenti sistematici dell'Onu nel gestire la crisi

Stampa

Foto: Asianews.it

Il segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, accetta conclusioni e raccomandazioni contenute in un rapporto interno, che evidenzia "fallimenti sistematici" da parte Onu nella gestione della crisi umanitaria Rohingya. Commissionato da Guterres nel febbraio scorso e pubblicato due giorni fa, il documento analizza l'operato dell'organizzazione negli anni precedenti all'esodo di massa della minoranza etnica dal Myanmar. Esso conclude che gli errori commessi hanno impedito l'attuazione di una strategia unificata.

Autore dell'inchiesta pubblicata due giorni fa è Gert Rosenthal, ex ministro guatemalteco degli Esteri, ambasciatore delle Nazioni Unite ed alto dirigente della Commissione economica Onu per l'America latina e i Caraibi (Eclac). Rosenthal afferma che il sistema Nazioni Unite nel complesso è stato "incapace di lavorare in modo efficace con le autorità del Myanmar, per invertire le tendenze negative nelle aree dei diritti umani e consolidare quelle positive in altri settori". Il rapporto del diplomatico guatemalteco copre il periodo 2010-2018. Esso comprende la risposta dell'Onu agli abusi subiti dai Rohingya nello Stato di Rakhine, per mano del Tatmadaw (l'esercito nazionale) e delle forze di sicurezza a partire dall'agosto 2017. Il Consiglio delle Nazioni Unite per i diritti umani (Unhrc) ha descritto la condotta delle truppe di Naypyidaw come un "esempio di pulizia etnica da libro di testo". Il governo del Myanmar nega abusi diffusi e sostiene che la campagna militare in centinaia di villaggi nel nord del Rakhine è stata attuata in risposta agli attacchi dei ribelli Rohingya.

Nelle sue conclusioni e raccomandazioni, Rosenthal scrive che la colpa per i gravi abusi è soprattutto del governo. Ma anche se i "fallimenti sistematici" dell'Onu non sono attribuibili a nessuna singola entità o persona, "è chiaro che vi sia una responsabilità condivisa da tutte le parti coinvolte". Queste non sono state in grado di "accompagnare il processo politico dell'esecutivo con azioni costruttive, e allo stesso tempo di trasmettere con maggiore forza le preoccupazioni Onu in merito alle gravi violazioni dei diritti umani". Rosenthal rileva inoltre che il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite dovrebbe assumersi alcune responsabilità "per non aver fornito un sostegno sufficiente al Segretariato, quando tale sostegno era e continua ad essere essenziale". L'autore del rapporto afferma che la lezione chiave è "promuovere un ambiente che incoraggi diverse entità del sistema Nazioni Unite a lavorare insieme", per rafforzare una "più ampia strategia di sistema".

António Guterres, si dichiara "grato al signor Rosenthal per aver prodotto un rapporto schietto, franco ed utile". Guterres accetta le raccomandazioni e s'impegna "ad attuarle in modo da migliorare le prestazioni del sistema Nazioni Unite. Questo documento è prezioso per il coordinatore residente e per la squadra Onu in Myanmar, così come in altri Paesi in cui l'Onu opera in condizioni altrettanto difficili". La crisi umanitaria che affligge la minoranza etnica Rohingya è una delle più gravi al mondo. Il governo birmano gestisce diversi campi profughi, con una popolazione totale di circa 128mila musulmani Rohingya e Kaman. Questi vivono nei campi per sfollati interni (IDPs) dal 2012, quando le violenze tra buddisti di etnia Rakhine e musulmani hanno causato la morte di oltre 200 persone e creato circa 140mila sfollati, in maggioranza Rohingya. Ai residenti nei campi per IDPs si aggiungono più di 720mila profughi che hanno trovato rifugio in Bangladesh dopo le campagne militari del Tatmadaw nel 2016 e 2017.

Da Asianews.it

Ultime notizie

Il Senegal ha sete

14 Ottobre 2019
La crisi idrica causata da un ritardo della stagione delle piogge e le anomalie della produzione di biomassa mettono in ginocchio il nord del Paese africano. (Lucia Michelini)

Pescara: dalla periferia nasce una nuova mappa del bene comune

13 Ottobre 2019
Al via cinque progetti realizzati da reti di associazioni con il supporto del Csv locale.

Saturday For Future

12 Ottobre 2019
Un giorno buono per fare qualcosa contro il cambiamento climatico? Tutti, ma soprattutto il sabato. (Lia Curcio)

Cosa c’è nella plastisfera del Santuario dei Cetacei?

11 Ottobre 2019
Secondo Expèdition Med e Legambiente, la plastisfera si può definire «un nuovo ecosistema marino sviluppatosi intorno ai rifiuti plastici, composto da microorganismi potenzialmente dannosi per pesc...

Rete Disarmo: stop ad armi italiane verso la Turchia dopo inizio bombardamenti in Siria

11 Ottobre 2019
Rete Disarmo esprime una "Forte preoccupazione per le notizie che giungono dalle aree controllate dalle forze curde. La Turchia è uno dei principali clienti dell’industria bellica italiana: ne...