Nepal: guerra civile, insicurezza e fame

Stampa

Il Nepal, con la rottura il 27 agosto scorso dell'accordo di tregua tra Governo e ribelli maoisti, è ripiombato nella guerra civile. I ribelli maoisti hanno iniziato la loro "guerra del popolo" nel febbraio 1996 e hanno effettuato i primi attacchi nella regione di Rolpa (300 chilometri da Katmandu) con l'obiettivo di rovesciare la monarchia costituzionale. Circa 8.000 persone, secondo l'organizzazione non governativa nepalese Insec, sono state uccise dall'inizio della rivolta; mentre Warnews precisa che dalla fine della tregua sono 1200 le vittime degli scontri.

La Commissione nazionale per i diritti umani (Nhrc), riferisce l'agenzia Misna, riporta che sono oltre 700, tra esponenti delle forze di sicurezza e ribelli, le persone scomparse negli ultimi quattro anni in Nepal. Nain Bahadur Khatri, presidente della Nhr rivela che, "dal crescente numero di persone scomparse, si deduce che entrambe le parti - esercito e guerriglia - stiano adottando soluzioni militari". Khatri ricorda poi che il problema delle sparizioni sarà il primo che la Commissione affronterà in occasione del 10 dicembre prossimo, giornata internazionale dei diritti umani.

La ripresa delle violenze e l'imperante incertezza politica hanno colpito anche l'economia del Nepal. Cédric Gouverneur dalle pagine di Le Monde Diplomatique analizza il fenomeno del controllo della guerriglia maoista sulla popolazione, sostenendo che "in condizioni del genere non deve sorprendere se una parte della popolazione ha fatto ricorso alla violenza per cercare di cambiare la propria condizione sociale."
Il deficit commerciale del Paese è cresciuto del 26,2%, per un valore di 76,3 miliardi di Rupie. In questo paese privo di risorse naturali, il 71% degli abitanti vive in una povertà assoluta e l'80% della popolazione sopravvive grazie all'agricoltura. "La crescita agricola, del 2,2% annuo, è insufficiente", spiega Laurent Chazée, esperto della Banca asiatica di sviluppo a Katmandu. "I contadini hanno spesso solo un terzo di ettaro. È un terzo della quantità di terra necessaria per sopravvivere". Nel 1992 il Nepal, spinto dalle istituzioni finanziarie internazionali, si è lanciato in un processo neoliberale di privatizzazioni - ricorda ancora Gouverneur - facendo scomparire i pochi servizi esistenti: l'acqua potabile e la sicurezza sono diventate delle opportunità di mercato". [RB]

Altre Fonti: Warnews, Equilibri

Ultime notizie

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)

Balene: creature fragili e misteriose

28 Novembre 2022
Di tragedie o di scoperte fondamentali per la biologia, i cetacei sono protagonisti. (Anna Molinari)

Dossier/ Iran, Afghanistan e Golfo: i diritti violati delle donne

27 Novembre 2022
Nei Paesi del Golfo Persico, in Iran e in Afghanistan le discriminazioni nei confronti delle donne sono diffuse e, in vari casi, normate. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)