Nepal: guerra civile, insicurezza e fame

Stampa

Nepal - da Warnews

Il Nepal, con la rottura il 27 agosto scorso dell'accordo di tregua tra Governo e ribelli maoisti, è ripiombato nella guerra civile. I ribelli maoisti hanno iniziato la loro "guerra del popolo" nel febbraio 1996 e hanno effettuato i primi attacchi nella regione di Rolpa (300 chilometri da Katmandu) con l'obiettivo di rovesciare la monarchia costituzionale. Circa 8.000 persone, secondo l'organizzazione non governativa nepalese Insec, sono state uccise dall'inizio della rivolta; mentre Warnews precisa che dalla fine della tregua sono 1200 le vittime degli scontri.

La Commissione nazionale per i diritti umani (Nhrc), riferisce l'agenzia Misna, riporta che sono oltre 700, tra esponenti delle forze di sicurezza e ribelli, le persone scomparse negli ultimi quattro anni in Nepal. Nain Bahadur Khatri, presidente della Nhr rivela che, "dal crescente numero di persone scomparse, si deduce che entrambe le parti - esercito e guerriglia - stiano adottando soluzioni militari". Khatri ricorda poi che il problema delle sparizioni sarà il primo che la Commissione affronterà in occasione del 10 dicembre prossimo, giornata internazionale dei diritti umani.

La ripresa delle violenze e l'imperante incertezza politica hanno colpito anche l'economia del Nepal. Cédric Gouverneur dalle pagine di Le Monde Diplomatique analizza il fenomeno del controllo della guerriglia maoista sulla popolazione, sostenendo che "in condizioni del genere non deve sorprendere se una parte della popolazione ha fatto ricorso alla violenza per cercare di cambiare la propria condizione sociale."
Il deficit commerciale del Paese è cresciuto del 26,2%, per un valore di 76,3 miliardi di Rupie. In questo paese privo di risorse naturali, il 71% degli abitanti vive in una povertà assoluta e l'80% della popolazione sopravvive grazie all'agricoltura. "La crescita agricola, del 2,2% annuo, è insufficiente", spiega Laurent Chazée, esperto della Banca asiatica di sviluppo a Katmandu. "I contadini hanno spesso solo un terzo di ettaro. È un terzo della quantità di terra necessaria per sopravvivere". Nel 1992 il Nepal, spinto dalle istituzioni finanziarie internazionali, si è lanciato in un processo neoliberale di privatizzazioni - ricorda ancora Gouverneur - facendo scomparire i pochi servizi esistenti: l'acqua potabile e la sicurezza sono diventate delle opportunità di mercato". [RB]

Altre Fonti: Warnews, Equilibri

Ultime notizie

Io non ho paura del lupo, e tu?

27 Gennaio 2020
Conoscere è sempre il primo passo per un percorso di convivenza. Anche con i lupi. (Anna Molinari)

La palestra di Mohammed Alì a New York apre ai ragazzi di strada

26 Gennaio 2020
La Gleason’s Gym fondata nel 1937 da un pugile italiano immigrato ha fatto la storia della boxe. La nuova proprietà aiuta i giovani in difficoltà. (Claudio Arrigoni)

Migrazioni: da dove iniziano i viaggi della morte

25 Gennaio 2020
Illusioni, sogni, speranze e disinformazione. Queste le forze trainanti di un fenomeno apparentemente inarrestabile. (Lucia Michelini)

La nostra democrazia a sovranità limitata

24 Gennaio 2020
Un Polemos di facile ironia. Il mondo precipita da decenni in una lunga e ininterrotta guerra nel nome del Capitale. Con nomi diversi, combattuta in luoghi diversi, anche da noi che non contiamo ni...

Madri e bambini in carcere: una mostra che fa riflettere

24 Gennaio 2020
Essere madri oltre la pena” è la tappa finale di un laboratorio fotografico educativo, per riflettere sul rapporto delle donne con i propri figli all’interno del carcere. (Anna Toro)