Lavoro minorile: 92 milioni i bambini lavoratori africani

Stampa

L’Organizzazione internazionale del lavoro (Oil) ha denunciato il 15 settembre gli alti tassi di lavoro minorile in Africa in un contesto di povertà crescente.

Wellington Chibebe, direttore nazionale dell’Oil per Tanzania, Burundi, Kenya, Rwanda e Uganda, ha detto ai giornalisti a Nairobi (Kenya), che in Africa lavorano 92 milioni di bambini. Mentre nel mondo sarebbero 160 milioni.

«L’Africa è la regione con la più alta prevalenza di lavoro minorile e il maggior numero di bambini lavoratori», ha affermato Chibebe al simposio nazionale sulla protezione sociale universale.

Ha osservato che il lavoro minorile è prevalentemente un fenomeno rurale e agricolo, mentre i lavoratori minori domestici sono più comuni nelle aree urbane.

Chibebe ha sottolineato che mentre molte parti del mondo hanno affrontato con successo il problema del lavoro minorile prima dello scoppio della pandemia di Covid-19, in Africa l’incidenza ha continuato, invece, ad aumentare.

Secondo lui, i tassi di lavoro minorile sono aumentati nel continente dal 2012 e la pandemia di Covid-19 ha esacerbato la situazione. Per dire, nel 2016 l’Oil stimava che fossero 72,1 milioni i bambini africani coinvolti nel lavoro minorile e 31,5 milioni in lavori pericolosi...

Segue su Nigrizia.it

Ultime notizie

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)