La terra di Google

Stampa

Dal capitalismo della sorveglianza alla sorveglianza – il controllo e la vendita – di tutti i dati che riguardano l’agricoltura e quel che mangiamo, il passo è non solo breve ma inevitabile. L’utilizzo di automi, droni, satelliti, sensori e big data avanza a grandi falcate perfino nei paesi del Sud e in aree dell’agricoltura familiare e contadina, con false promesse di maggiore efficienza e informazione per migliorare la produzione. È quello che potremmo forse chiamare anche l’estrattivismo delle informazioni. Gli agricoltori registrano i dati relativi ai loro campi: quelli sul suolo, l’umidità, le sementi, la produzione, le malattie delle colture, le piante infestanti e gli insetti che potrebbero essere considerati parassiti, ecc. Memorizzano ed elaborano le informazioni nei cloud informatici di grandi imprese tecnologiche che restituiscono “suggerimenti” agli agricoltori, indicando che cosa, quanto e dove utilizzare determinati prodotti nel loro campo. La diffusione della digitalizzazione e della robotizzazione nelle campagne, naturalmente, aumenta la dipendenza e riduce l’autonomia delle scelte dei coltivatori. Oltre che con la commercializzazione dei dati, è poi andata di pari passo con accordi e fusioni tra le più grandi imprese agroalimentari (sementi, agrotossici, fertiliz­zanti, commercializzazione) con quelle delle macchine agricole e con i colossi tecnologici. Ognuna delle fasi della catena agroalimentare industriale è dominata da poche imprese: tra le 5 e le 10 in ogni settore controllano più della metà del mercato globale. Il cambiamento più forte nel settore agroalimentare negli ultimi anni è l’irruzione dei giganti tecnologici statunitensi (noti come GAFAM prima che cambiassero i loro nomi commerciali: Google, Amazon, Facebook, Apple, Microsoft) insieme ai cinesi Alibaba e Tencent.

Dal campo al piatto, la digitalizzazione dei sistemi agroalimentari sta progredendo in tutto il pianeta, con impatti poco conosciuti. Si potrebbe pensare che essendo un pacchetto ad alta tecnologia sia utilizzato solo nei sistemi agricoli industriali, ma sta avanzando anche nei paesi del Sud e in aree dell’agricoltura familiare e contadina, con false promesse di maggiore efficienza e informazione per migliorare la produzione.

Di fronte a questa nuova ondata di tecnicizzazione della campagna, sorgono molte domande. Cos’è e cosa significa? Che impatto ha sui contadini e sull’agricoltura familiare e di piccola scala? Condivido qui un documento con esempi di possibili impatti e di riflessioni su queste domande.

In Messico, tra gennaio e maggio 2022, le più grandi imprese globali di sementi e agrotossici come Bayer-Monsanto, Basf e Corteva (fusione di DuPont e Dow) hanno lanciato nuove piattaforme agricole digitali, che vendono servizi agli agricoltori. Si aggiungono a quelle che già erano presenti negli ultimi anni e alla loro diffusione in altri paesi dell’America Latina.

Fondamentalmente, per entrare nelle piattaforme digitali gli agricoltori devono stipulare un contratto di abbonamento, dopo di che, attraverso sistemi che possono essere droni, satelliti o fotografie delle proprie colture scattate col telefono cellulare dagli agricoltori stessi, le aziende registrano una serie di dati relativi ai loro campi, come ad esempio dati sul suolo, l’umidità, le sementi, la produzione, le malattie delle colture, le piante infestanti e gli insetti che potrebbero essere considerati parassiti, la vegetazione e le foreste, ecc. Memorizzano ed elaborano le informazioni nei cloud informatici di grandi imprese tecnologiche e restituiscono “suggerimenti” agli agricoltori, indicando che cosa, quanto e dove utilizzare determinati prodotti nel loro campo. 

Generalmente, i contratti stabiliscono come condizione per il raggiungimento dei risultati l’impegno ad utilizzare le sementi e gli agrotossici delle imprese stesse.

Bayer – che dopo aver acquistato Monsanto è diventata proprietaria della piattaforma digitale Climate Fieldview, una delle più diffuse – ha annunciato nel 2022 il suo accordo con Microsoft Azure (cloud informatico) per attivare, oltre all’azione nei campi, il monitoraggio digitale delle catene di distribuzione. Microsoft offriva già il programma Farmbeat. Basf ha lanciato in Messico la piattaforma Xarvio, che promette di rilevare erbe infestanti, parassiti e malattie locali nelle principali colture a partire dalle foto dei telefoni cellulari. Corteva aggiunge a molte delle sue piattaforme – come Granular e MiLote, dotate di funzioni simili a quelle citate sopra – la possibilità di misurare “l’impronta di carbonio” nei campi. Si affianca così a Bayer nella corsa a potenziali crediti di carbonio nei suoli agricoli, una questione con molti risvolti, tutti negativi... 

Segue su Comune-info.net

Ultime notizie

Dopo 220 giorni di guerra. Il punto

07 Ottobre 2022
I due contendenti intendono scrivere la parola fine ai combattimenti solo a fronte di una vittoria militare? (Raffaele Crocco)

Colombo: ministra del Turismo vuole trasformare Mannar in una nuova Macao

06 Ottobre 2022
Per Diana Gamage l'isola può attirare turisti stranieri con il gioco d'azzardo. L'economia locale si basa però soprattutto su pesca e agricoltura: sarebbe difficile riconvertire il modello di svilu...

La Cina oggi: un’analisi in vista del XX Congresso

06 Ottobre 2022
Taiwan, gli Usa, la Russia, il Covid : Xi Jing Ping di fronte a una sfida senza precedenti. Intervista con Simone Dossi. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Siria: la situazione drammatica spinge ancora i cittadini a fuggire dal Paese

05 Ottobre 2022
Gli ultimi eventi e nuovi rapporti lo denunciano chiaro e forte: in Siria siamo di fronte a una delle peggiori crisi dopo oltre 11 anni di guerra. E la situazione attuale continua a costringere mig...

Basta avere fortuna

05 Ottobre 2022
"Siamo un gruppo di donne e uomini che credono nel diritto alla libera circolazione per ogni essere umano". (Matthias Canapini)