La nuova ossessione si chiama sicurezza

Stampa

L’ossessione sicurezza. Mondo, Italia, condominio. In una esistenza già iper-tecnologica, iper-garantita, iper-assicurata, ci opprime la necessità psicofisica di sentirci e dirci sicuri. Michele Nardelli e Mauro Cereghini, che di Balcani e di promozione della cultura di pace ne sanno parecchio, partono dalle false sicurezze della Bosnia 1992 per iniziare il loro viaggio in questa parola che oggi è una delle più abusate sul mercato della politica. Il libro, “Sicurezza”, collana “Parole allo specchio”, edizioni Messaggero Padova, è stato presentato a Trento lo scorso 13 luglio.

«Qui non accadrà» dicevano a Sarajevo 26 anni fa, mentre apprestavano le trincee. E gli autori commentano: “Vediamo solo quel che vogliamo vedere. È così anche per l’insicurezza e la paura. Si è diffuso in modo quasi virale, sotto pelle, un sentimento di precarietà esistenziale, come vivessimo una costante minaccia personale e di gruppo. I dati indicano il progressivo calo dei reati in Italia, ma non lo si vede e si continua a chiedere più sicurezza”.

Con un esergo affidato alla Ginestra di Leopardi, sulle “magnifiche sorti e progressive” che non arrivano mai mentre si resta invischiati nel “secol superbo e sciocco”, Cereghini e Nardelli citano l’enciclica “Laudato si’” di papa Francesco e la sua bella immagine della “terza guerra mondiale a pezzetti”, citano Bauman (la “paura liquida”) e Hillman, Balducci e Morin. Contestano lo sfondo falso dello “scontro di civiltà”, e ritornano al Novecento, secolo breve sì, secolo dei diritti e del progresso certamente, ma anche secolo degli assassini e della violenza organizzata, che culmina nei lager come picco tragico e finisce nel 2001 con l’attacco alle Torri Gemelle, simbolo dell’insicurezza globalizzata.

Con un bel verso di un gran poeta friulano da poco scomparso, Pierluigi Cappello, Cereghini e Nardelli traghettano il loro discorso dagli Stati alle città: “Già s’insinua fra le case,/ trova l’estuario nelle vie sfollate,/ con lento incedere di lava, il buio”. La città che è bazar ma pure giungla. Quartieri, incroci, palazzi videosorvegliati, zone blindate e “sicure” che si contrappongono a banlieue e favelas abbandonate a se stesse, celebrazione di una miseria insormontabile e di un’ingiustizia insopportabile.

Davvero, il buio avanza e le inferriate non lo tengono fuori, perché i diversi sono fra noi e mettono in crisi le tranquillità identitarie consolidate. Rancore sotto la cenere, paura come vuoto di pensiero: l’insicurezza internazionale si trasferisce sotto pelle, a livello personale. E gli autori non possono che ribadire: “Apertura, incontro e conoscenza reciproca sono l’antidoto alla paura. Entrare nella storia, nelle culture, negli usi, negli idiomi degli altri è la condizione per riconoscerli e sapervi interloquire”. Parole che oggi la vulgata dominante bollerà come “buonismo” da snob che non interpretano gli umori del popolo.

Il quarto e ultimo capitolo, allora, propone il “prendersi cura” come risposta alla domanda di protezione: che non è solo difesa dalla microcriminalità, che non va sottovalutata, ma esigenza di servizi, di tutela delle famiglie, di decoro urbano e di dignità sociale. Bella l’idea finale, della sicurezza come “con-fusione”. Non nel senso di caos, naturalmente, ma nel significato di intreccio, compenetrazione, inclusione, accoglienza reciproca: io riconosco te, noi incontriamo voi e insieme abitiamo una casa comune, una città condivisa, dove le differenze non sono divaricazioni insanabili ma possibilità di conoscenza.

Nardelli e Cereghini - dopo tante parole di sociologi, politologi e filosofi - finiscono il loro breve viaggio nella “Sicurezza” approdando alla “Prospettiva Nevskij” di Battiato: “il mio maestro mi insegnò com’è difficile trovare l’alba dentro l’imbrunire”. Ecco, spingere la notte più in là, intravvedere in anticipo i segni dell’aurora. E scegliersi, anziché cattivi agitatori di paura, buoni maestri, che ci insegnino a distinguere, a decifrare, a non maledire i tempi bui.

Paolo Ghezzi, ha pubblicato questa recensione nella rubrica “L'isola del Giovedì” sul quotidiano L'Adige

Ultime notizie

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

In Messico è altolà ai narcos

17 Maggio 2019
Il neo presidente del Messico lavora per una riduzione della violenza dei narcotrafficanti. (Miriam Rossi)

Le nostre “eco-colpe” non sono compensabili!

16 Maggio 2019
Termini come “eco-friendly” o “green” incoraggiano l’idea che esistano oggetti e comportamenti “buoni” per l’ambiente. Ma non è sempre così… (Alessandro Graziadei)

Succede in questo paese anche ai bambini

16 Maggio 2019
Succede, quando l’aria che spira in un paese da stato di diritto, a poco a poco, si trasformi in stato di polizia, succede quando la voglia di controllo dell’ordine costituito, diventi talmente for...