L’inquietudine degli uomini

Stampa

Elisa, trentuno anni. Due figlie di tre e sei anni. L’ha strangolata a mani nude. Lui si chiama Riccardo. Scrivono che manifestasse un certo disagio ma, aggiungono che sembrava sano di mente, comunque, verificheranno. Siamo grate.

Scrivono che i due stessero affrontando un periodo difficile. Scrivono che, quella notte, lui avesse una forte inquietudine, per questo si è alzato diverse volte. Lei gli ha chiesto spiegazioni del suo nervosismo e lui ha stretto le sue mani intorno al collo. Ha stretto. Ha stretto. Ha stretto. È così che l’ha uccisa. E in quei minuti o secondi (quanto ci mette una persona a morire?) non ha mai avuto un ripensamento. Ha stretto e basta.

Cosa succede nella mente di un uomo quando l’unico scopo, a un certo punto, è quello di uccidere la compagna, la moglie, la madre dei suoi figli? Cosa succede? Vuole silenziarla? Dominarla? Renderla inerme? Una cosa è certa, sembra che quell’inquitudine cessi solo dopo aver assunto il potere della vita nei confronti della propria donna.

Di certo il movente non va mai cercato nella relazione tra i due, invece, succede. È lì che si punta il dito: litigavano, non andavano d’accordo, lei aveva un altro, lui era geloso.  Le motivazioni vanno cercate negli “assassini” (riusciamo a chiamarli così?) e caso mai nella mancanza di educazione alla mascolinità e alla femminilità, nell’educazione ai sentimenti, nel messaggio sociale che portiamo avanti. Altrimenti la risposta dovrebbe essere questa: care donne, siate consenzienti, fatevi andare bene tutto, altrimenti dentro ai No, al dissenso, alla presa di parola, ai conflitti, il vostro compagno potrebbe uccidervi. È questo il messaggio che arriva, nemmeno troppo celato.

Lei si chiamava Elisa, aveva trentuno anni, due bimbe di tre e sei anni. Lui si chiama Riccardo. L’ha strangolata a mani nude. È ancora vivo. Lei no. E se la memoria, almeno quella va salvaguardata, non scrivete che il problema era la relazione tra i due, il problema sono gli uomini che uccidono le loro mogli, compagne, donne. La giovane donna aveva un nome, Elisa, vorrei ricordarvi che è lei a non esserci più.

La forte inquietudine di quell’uomo, ora è terminata. Giace con Elisa per sempre. Ma i femminicidi sono l’unico e agghiacciante modo per farla cessare? Le donne non muoiono perché non denunciano, denunciare è importante ma non è la soluzione al problema. Il “problema” è legato “all’inquietudine” degli uomini che arrivano ad uccidere e basta. Non ci sono altre “storie” da raccontare.

Cinzia Pennati da Comune-info.net

Ultime notizie

Comunità in lotta contro i matrimoni infantili

28 Gennaio 2020
In Malaysia il Governo si mobilita contro le leggi islamiche e civili che consentono ai minorenni di sposarsi. In Pakistan è quasi fatta. (Alessandro Graziadei)

Io non ho paura del lupo, e tu?

27 Gennaio 2020
Conoscere è sempre il primo passo per un percorso di convivenza. Anche con i lupi. (Anna Molinari)

La palestra di Mohammed Alì a New York apre ai ragazzi di strada

26 Gennaio 2020
La Gleason’s Gym fondata nel 1937 da un pugile italiano immigrato ha fatto la storia della boxe. La nuova proprietà aiuta i giovani in difficoltà. (Claudio Arrigoni)

Migrazioni: da dove iniziano i viaggi della morte

25 Gennaio 2020
Illusioni, sogni, speranze e disinformazione. Queste le forze trainanti di un fenomeno apparentemente inarrestabile. (Lucia Michelini)

Il terrorismo di serie B

24 Gennaio 2020
L’anno è appena iniziato ed è un susseguirsi di attentati di matrice jihadista nel continente africano, con decine di morti, soprattutto nel Sahel e nel Corno. Eppure l’attenzione dell’opinione pub...