L'Europa ripudia la guerra

Stampa

Nuova campagna della Tavola della Pace per chiedere che nell'articolo 1 della Costituzione Europea sia scritto a chiare lettere: "L'Europa ripudia la guerra".

Fuori l'Europa dalla guerra. Fuori la guerra dalla storia.

Chiediamo che nell'articolo 1 della Costituzione europea sia scritto a chiare lettere che:

"L'Europa ripudia la guerra come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali e riconosce nella pace un diritto fondamentale delle persone e dei popoli. L'Europa contribuisce alla costruzione di un ordine internazionale pacifico e democratico; a tale scopo promuove e favorisce il rafforzamento e la democratizzazione dell'Organizzazione delle Nazioni Unite e lo sviluppo della cooperazione internazionale."

La nuova Europa deve ripudiare la guerra. Per sempre.
Firma anche tu. E invita i tuoi amici a firmare. www.tavola della pace.it

Perché è importante farlo ora?
In questi giorni la Convenzione Europea sta discutendo i primi 15 articoli della Costituzione Europea. E' urgente far sentire la nostra voce ai membri della Convenzione.

Aderiscono alla campagna per l'Articolo 1: Tavola della Pace, Movimento Federalista Europeo, Rete Lilliput.

Ultime notizie

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti

Elezioni in Tunisia: un presidente post ideologico

16 Ottobre 2019
Sono molte le incognite scaturite dal voto per l’Assemblea legislativa e per il presidente. (Ferruccio Bellicini)

Commissione Europea, una partenza in salita

15 Ottobre 2019
Tre commissari non hanno superato l’esame del Parlamento Europeo: ragioni e conseguenze. (Matteo Angeli)

Il principe assassino di Khashoggi a rischio regno ricatta col petrolio

14 Ottobre 2019
Trump impone il silenzio, un anno dopo non c’è giustizia per Khashoggi, il giornalista saudita assassinato e fatto a pezzi nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul. Guerra del golfo a perdere p...

Il Senegal ha sete

14 Ottobre 2019
La crisi idrica causata da un ritardo della stagione delle piogge e le anomalie della produzione di biomassa mettono in ginocchio il nord del Paese africano. (Lucia Michelini)