India: milioni di donne in piazza contro il conservatorismo religioso

Stampa

Milioni di donne si sono unite, mano nella mano, lungo tutta la costa dello stato indiano del Kerala: è successo il 1 gennaio 2019. Un cordone lunghissimo che la stampa ha chiamato “women’s wall”  ha percorso 620 chilometri di costa indiana del Kerala, così riporta il quotidiano ‘Times of India’: «[…] milioni di donne indiane si sono unite mano nella mano lungo i 620 km di lunghezza della costa del Kerala: dalla punta settentrionale all’estremità meridionale per formare un “women’s wall” [muro di donne] contro i conservatori religiosi che si sono opposti alla [storica] sentenza della Corte Suprema che ha permesso l’ingresso di donne con le mestruazioni nel tempio di Sabarimala».

L’antefatto

Una storica ‘prima volta’: Bindu Ammini (42 anni) e Kanaka Durga (44 anni) hanno varcato la soglia di uno dei più sacri templi indù, il Sabarimala Temple. Sono state le prime a compiere lo storico passo dopo che a «settembre la Corte Suprema aveva cancellato il divieto di ingresso alle donne “in età mestruale”, tra i 10 e i 50 anni, perché considerate impure».

Quando Ammini e Durga sono uscite dal tempio, i custodi hanno compiuto i riti di “purificazione” per “decontaminare” l’area: nella società indiana, infatti, patriarcale, classista e conservatrice, le donne, giacché hanno le mestruazioni, sono considerate ancora “impure”. Tuttavia la protesta è montata in tutta la regione: il governo del Kerala, retto dal Partito comunista (marxista) dell’india (Pci(m)), ha sostenuto il diritto alla libertà religiosa delle donne: «Abbiamo dato ordine permanente alla polizia di fornire tutta la protezione possibile a qualsiasi donna che voglia entrare nel tempio», ha affermato il governatore Pinarayi Vijayan. Il Pci(m), contestando apertamente la decisione dei custodi e del Governo centrale di Modi per essersi schierato dalla parte dei “purificatori” in nome della tradizione, ha chiamato alla mobilitazione spiegando le ragioni dell’insensatezza del gesto dei custodi.

A seguito della mobilitazione, Pinarayi Vijayan ha chiesto la destituzione dei custodi del tempio che hanno offeso e calpestato la dignità delle donne e «stralciato il verdetto della Corte Suprema».

La protesta nonviolenta

La catena umana è stata promossa dal Pci(m) e sostenuta da 176 organizzazioni di cui ancora non si sconosce  il numero effettivo, anche se gli organizzatori hanno parlato di più di 5 milioni di presenze. Nonostante la stampa non sia benevola nei confronti delle sinistre e dei comunisti, il quotidiano ‘Times of India’, a seguito dell’imponente mobilitazione, ha riportato: «i numeri delle donne scese in piazza su impulso del governo e del Partito comunista (marxista), rappresentano la consapevolezza diffusa delle donne e la forza dell’aspirazione all’uguaglianza di genere, in Kerala e in India». Grande soddisfazione è stata espressa dai vertici regionali e nazionali del Pci(m): «L’ufficio politico rivolge un caloroso saluto e le sue congratulazioni alle donne del Kerala e a tutte le 176 organizzazioni sociali e di massa per lo storico “women’s wall” il 1 gennaio. La partecipazione di oltre 55 lakh [circa 5 milioni e mezzo] di donne, partecipazione interclassista di caste/comunità diverse e di tutti i ceti sociali, ha dato un forte messaggio di unità per sostenere i valori della rinascita del Kerala, per i diritti delle donne e la riforma sociale. In un momento in cui le forze di destra guidate dal RSS e dal governo Modi cercano di imporre ideologie retrograde in tutto il paese, questo muro delle donne ha un significato più ampio e incoraggerà una più diffusa resistenza».

Marco Piccinelli

Fonte: pressenza.com

Ultime notizie

“Acqua per tutti, non lasciamo indietro nessuno”

22 Marzo 2019
“Acqua per tutti, non lasciamo indietro nessuno” è l’appello delle Nazioni Unite per la Giornata Mondiale dell’Acqua di quest’anno, il 22 marzo 2019. (Lia Curcio)

Preoccupazione per una spedizione dell'Agenzia brasiliana per gli Affari Indigeni

21 Marzo 2019
L'Associazione per i Popoli Minacciati esprime la sua profonda preoccupazione per la spedizione organizzata dall'Agenzia brasiliana per gli Affari Indigeni partita per regione amazzonica di fr...

La terra che dorme

21 Marzo 2019
A Ulan Udè (la Porta Rossa) diparte la Transmongolica, ferrovia a binario unico e non elettrificata, che attraversa la Mongolia passando per Ulan Bator. (Matthias Canapini)

Jair Bolsonaro e il futuro dei circa 300 popoli indigeni

20 Marzo 2019
Bolsonaro fin dal primo giorno di mandato non ha perso occasione per attaccare i diritti territoriali dei popoli indigeni del Brasile. (Alessandro Graziadei)

La nuova destra europea frena la lotta al riscaldamento globale

20 Marzo 2019
Sul finire di un inverno insolitamente tiepido su tutta l’Europa occidentale, bisogna chiedersi: l’Unione europea sarà in grado di fare la sua parte per contrastare il riscaldamento globale? Stiamo...