Il Sudan non è solo il Darfur

Stampa

Campagna Sudan

Passato il festival di Sanremo, c'è il rischio che l'opinione pubblica si ricordi solo dell'emergenza umanitaria nel Darfur e si dimentichi della pace che quest'anno si tenta faticosamente di costruire nell'intero Sudan.

Il più vasto paese africano è grande otto volte l'Italia; nella regione del Darfur -che confina con il Ciad- si sta consumando una emblematica crisi politica e sociale. Una commissione Onu a febbraio ha dichiarato che il governo sta portando avanti "crimini di guerra e crimini contro l'umanità" che "sono forse non meno gravi di un genocidio". Da due anni in Darfur musulmani combattono altri musulmani, nell'ennesimo conflitto tra potere centrale e periferia.

Eppure nel Sudan ci sono segnali di pace che non possono essere trascurati: dopo vent'anni di guerra civile (che ha causato, direttamente o indirettamente, oltre due milioni di morti) a cui sono seguiti due anni di lente e faticose trattative diplomatiche, la firma dei protocolli di Naivasha (in Kenya, il 9 gennaio) segna sicuramente una tappa fondamentale e imprescindibile del cammino verso la pace in Sudan; una tappa storica che però non è la fine del cammino.

La crisi nel Darfur -così come la crescente tensione nelle regioni dell'est- dimostra che si corre il rischio di lasciare irrisolti problemi che possono minare il processo democratico verso un reale sviluppo economico, umano, sociale del paese.

Quale pace per il Sudan? La parola alla società civile. È il titolo del forum in cui analisti ed esponenti della società civile italiana e sudanese che in modi diversi hanno contribuito alla pace si ritrovano venerdì 18 marzo e sabato 19 marzo 2005 a Milano a Palazzo Isimbardi, via Vivaio 1, ospiti della Provincia, per valutare il percorso compiuto finora e quello ancora da compiere.

Per la Campagna italiana per la pace e il rispetto dei diritti umani in Sudan, che raggruppa diverse espressioni della società civile che si impegnano per una pace duratura, è anche l'occasione per valutare un decennio di lavoro.

Alleghiamo a questo comunicato il programma completo del forum. L'ufficio stampa (forum@campagnasudan.it; tel. 02-48951149) è a disposizione dei giornalisti per qualsiasi informazione, oltre che per facilitare interviste ai singoli relatori.

CONFERENZA STAMPA

VENERD㌀ 18 MARZO

Fotografie, immagini e materiale d'archivio sul Sudan saranno a disposizione nei giorni del Forum e durante la conferenza stampa di presentazione, a cui parteciperanno alcuni fra i relatori, che si svolgerà venerdì 18 marzo, dalle ore 11.00 alle ore 12.30, nella sala degli Affreschi di Palazzo Isimbardi, Via Vivaio 1 Milano.

Molte informazioni relative al forum e alle attività della Campagna italiana per la pace e il rispetto dei diritti umani in Sudan si trovano anche sul sito www.campagnasudan.it.

Ultime notizie

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)

Quel che “Vaia” ci insegna *

17 Aprile 2019
La tempesta di acqua e vento che nell'ottobre scorso ha spazzato via 41.491 ettari di bosco ci parla del cambiamento climatico e della nostra insostenibilità. Di un clima sempre più segnato da even...