Il Muro della Gentilezza arriva a Trento, un modo nuovo per essere generosi

Stampa

Foto: Corriere.it

«Se non ne hai bisogno, lascialo. Se ne hai bisogno, prendilo». È lo slogan di Wall of Kindness (il Muro della Gentilezza), un modo nuovo per essere generosi con i senzatetto che prese il via in Iran nell’inverno a cavallo tra il 2015 e il 2016 nella città di Mashhad. I Muri della Gentilezza si sono diffusi in Cina a Liuzhou, in Svezia nella città di Uppsala, in Pakistan a Karachi e in tanti posti del mondo. Ce ne sarà uno anche a Trento. Chi non ha un cappotto, una giacca, un pantalone a Trento lo potrà portare in piazza Fiera. Il muro è in realtà una sorta di armadio per i più poveri della città, per chi non ce la fa ad acquistare un cappotto necessario alla stagione fredda. La proposta è stata approvata dal consiglio comunale della città. 

Lo spirito è quella di incoraggiare a donare abiti che non si usano più ma che sono ancora in buono stato per donarli a chi ne ha bisogno. In questo fine settimana il muro di Trento sarà decorato dall’artista Senka Semak per trasformare l’armadio in una specie di corridoio nello spazio da cui escono palloncini bianchi che porteranno appesi i vari capi d’abbigliamento. «Oltre alla sua funzione pratica - spiegano sul sito dell’amministrazione comunale - il Muro della Gentilezza veicola già di per sé un messaggio di condivisione e di solidarietà sociale. Per questo motivo nello studio della decorazione destinata alla struttura si è scelto appositamente di non rimarcare questi aspetti, ma piuttosto lavorare in una direzione il cui il ”muro” stesso acquisti una forma più romantica nello spazio. Il palloncino, trascinato dalle correnti, si presta al concetto del donare senza ricevere, del dare all’altro senza necessità di conoscerlo, del lasciare che il vento porti il tuo dono a chi ne ha bisogno».

Il problema riguarda la gestione: se non c’è qualcuno che se ne occupa, il Muro rischia di diventare una discarica di vestiti abbandonati.

Fausta Chiesa da Corriere.it

Ultime notizie

Comunità in lotta contro i matrimoni infantili

28 Gennaio 2020
In Malaysia il Governo si mobilita contro le leggi islamiche e civili che consentono ai minorenni di sposarsi. In Pakistan è quasi fatta. (Alessandro Graziadei)

Io non ho paura del lupo, e tu?

27 Gennaio 2020
Conoscere è sempre il primo passo per un percorso di convivenza. Anche con i lupi. (Anna Molinari)

La palestra di Mohammed Alì a New York apre ai ragazzi di strada

26 Gennaio 2020
La Gleason’s Gym fondata nel 1937 da un pugile italiano immigrato ha fatto la storia della boxe. La nuova proprietà aiuta i giovani in difficoltà. (Claudio Arrigoni)

Migrazioni: da dove iniziano i viaggi della morte

25 Gennaio 2020
Illusioni, sogni, speranze e disinformazione. Queste le forze trainanti di un fenomeno apparentemente inarrestabile. (Lucia Michelini)

Il terrorismo di serie B

24 Gennaio 2020
L’anno è appena iniziato ed è un susseguirsi di attentati di matrice jihadista nel continente africano, con decine di morti, soprattutto nel Sahel e nel Corno. Eppure l’attenzione dell’opinione pub...