I pacifisti di Moldavia

Stampa

Foto di Maria Novella De Luca da Atlanteguerre.it

Quando la guerra è spaventosamente vicina e gli effetti del dolore che provoca arrivano in carne e ossa attraverso i confini c’è bisogno di reagire al panico. Proprio con questa motivazione è nato ‘Moldova for Peace‘, un gruppo di lavoro informale che coinvolge oltre cento volontari. Il gruppo sostiene i profughi che arrivano in Moldavia contribuendo a fornire trasporto, alloggio e a far fronte alle altre esigenze di chi arriva. I bisogni vengono raccolti, tramite la piattaforma Dopomoha, dalle autorità moldave e forniti al gruppo di volontari, che lavorano in collaborazione con la comunità imprenditoriale, le organizzazioni non governative e di beneficenza.

Con l’invasione del 24 febbraio – racconta Vitalie Sprinceana, uno dei coordinatori – abbiamo pensato che mai come in questo momento fosse importante costruire ponti, lavorare sulla solidarietà e abbattere le ostilità che si creano su entrambi i fronti. L’aggressore è la Russia ma questo non vuol dire che tutti i russi siano colpevoli. Ci definiamo pacifisti e cerchiamo di opporci alla fascinazione che la guerra porta con sé. Per noi il pacifismo non è mettersi in una posizione difensiva, ma è essere attivi. Non siamo deboli, ci consideriamo ragionevoli”.

Tra le volontarie sono presenti molte attiviste femministe e per i diritti civili, così come ricercatori universitari e sociologi. “Tutte le persone che arrivano – continua – hanno bisogno di supporto ma la nostra attenzione si rivolge principalmente a coloro che hanno maggiori difficoltà a trovare sistemazione nelle famiglie moldave. La comunità rom, ad esempio, che in Ucraina è molto presente, viene discriminata, così come le persone lgbt, dato che la Moldavia è un Paese con gravi problemi di omofobia. Aiutiamo poi la popolazione di lavoratori di stranieri e gli uomini che lasciano illegalmente l’Ucraina”...

L'articolo di Alice Pistolesi da Palanca segue su Atlanteguerre.it

Ultime notizie

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)

Balene: creature fragili e misteriose

28 Novembre 2022
Di tragedie o di scoperte fondamentali per la biologia, i cetacei sono protagonisti. (Anna Molinari)

Dossier/ Iran, Afghanistan e Golfo: i diritti violati delle donne

27 Novembre 2022
Nei Paesi del Golfo Persico, in Iran e in Afghanistan le discriminazioni nei confronti delle donne sono diffuse e, in vari casi, normate. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)