Haiti: rischio crisi umanitaria

Stampa

Haiti da Oneworld

A una settimana dall'inizio di un'insurrezione armata contro il governo del presidente Jean-Bertrand Aristide, resta alta la tensione nel Paese. L'Opposizione dei 184 e della Piattaforma della Società Civile, sottolineando la gravità degli eventi e ribadendo la propria contrarietà all'uso della violenza, avevano organizzato una una marcia pacifica per chiedere le dimissioni dalla presidenza di Jean-Bertrand Aristide che è però stata impedita da le 'chimeres' le bande armate dei giovani supporter del Presidente.

L'agenzia Misna ha raccolto "il grido d'allarme del 'Gruppo d'appoggio ai rimpatriati e ai rifugiati' (Garr), che in un documento denuncia un incremento degli sfollati in fuga dai disordini e diretti verso la capitale. L'organizzazione rileva alcuni fattori che rischiano di trascinare l'ex "Perla dei Caraibi" in un catastrofe umanitaria: enorme circolazione di armi da fuoco, creazione di gruppi ribelli non controllati, distruzione attraverso incendi di molte infrastrutture commerciali, difficoltà di approvvigionamento e di spostamento tra i diversi centri del Paese".

L'organizzazione internazionale Save the Children riferisce che fino ad oggi, oltre 45 persone hanno perso la vita negli scontri e teme che "l'attuale instabilità e il clima di violenze possa ulteriormente peggiorare una situazione umanitaria già largamente compromessa". Circa il 65% degli 8 milioni di abitanti di Haiti vive, infatti, sotto la soglia della povertà e circa il 30% della popolazione non ha accesso ad alcun servizio sociale di base. "I bambini saranno i primi ad essere colpiti dalla crisi - dichiara Filippo Ungaro, portavoce di Save the Children Italia - poiché se questo clima di insicurezza dovesse proseguire, il nostro lavoro sarà compromesso, così come quello di tante altre ONG e Agenzie ONU, abbandonando praticamente a se stessa gran parte della popolazione".

Medici senza frontiere (Msf) denuncia non solo che "gran parte dei feriti nelle manifestazioni e negli incidenti sono privi di assistenza", ma anche che "alcune strutture sanitarie rifiuterebbero dei pazienti perché 'non graditi' politicamente". [RB]

Ultime notizie

Acqua: specchio di inquinamento e cambiamento climatico

24 Aprile 2019
Negli ultimi anni gli scarichi diretti nei corpi idrici da parte di grandi siti industriali europei sono diminuiti, ma… (Alessandro Graziadei)

Artifishal, o della pesca che ci uccide

23 Aprile 2019
La strada verso l'estinzione è lastricata di buone intenzioni. (Anna Molinari)

A Roma la cucina va Oltre

20 Aprile 2019
Di papaline, cicorie e caciaroni: una cooperativa sociale romana ci racconta un modello originale di relazione con la disabilità. (Michele Focaroli

A 12 anni chiede al Papa di fare una Pasqua Vegana. Francesco le risponde

19 Aprile 2019
Combattere il cambiamento climatico cambiando dieta: con questo obiettivo, qualche settimana fa, la giovanissima attivista Genesis Butler ha proposto a Papa Francesco di sponsorizzare una Pasqua ve...

Le montagne esigono rispetto

19 Aprile 2019
Nonostante la loro “durezza”, le Alpi sono estremamente fragili, un terra di equilibri instabili, instaurati dall’uomo in millenni di non facile convivenza con la natura. Un luogo di sfide, che han...