Haiti: rischio crisi umanitaria

Stampa

A una settimana dall'inizio di un'insurrezione armata contro il governo del presidente Jean-Bertrand Aristide, resta alta la tensione nel Paese. L'Opposizione dei 184 e della Piattaforma della Società Civile, sottolineando la gravità degli eventi e ribadendo la propria contrarietà all'uso della violenza, avevano organizzato una una marcia pacifica per chiedere le dimissioni dalla presidenza di Jean-Bertrand Aristide che è però stata impedita da le 'chimeres' le bande armate dei giovani supporter del Presidente.

L'agenzia Misna ha raccolto "il grido d'allarme del 'Gruppo d'appoggio ai rimpatriati e ai rifugiati' (Garr), che in un documento denuncia un incremento degli sfollati in fuga dai disordini e diretti verso la capitale. L'organizzazione rileva alcuni fattori che rischiano di trascinare l'ex "Perla dei Caraibi" in un catastrofe umanitaria: enorme circolazione di armi da fuoco, creazione di gruppi ribelli non controllati, distruzione attraverso incendi di molte infrastrutture commerciali, difficoltà di approvvigionamento e di spostamento tra i diversi centri del Paese".

L'organizzazione internazionale Save the Children riferisce che fino ad oggi, oltre 45 persone hanno perso la vita negli scontri e teme che "l'attuale instabilità e il clima di violenze possa ulteriormente peggiorare una situazione umanitaria già largamente compromessa". Circa il 65% degli 8 milioni di abitanti di Haiti vive, infatti, sotto la soglia della povertà e circa il 30% della popolazione non ha accesso ad alcun servizio sociale di base. "I bambini saranno i primi ad essere colpiti dalla crisi - dichiara Filippo Ungaro, portavoce di Save the Children Italia - poiché se questo clima di insicurezza dovesse proseguire, il nostro lavoro sarà compromesso, così come quello di tante altre ONG e Agenzie ONU, abbandonando praticamente a se stessa gran parte della popolazione".

Medici senza frontiere (Msf) denuncia non solo che "gran parte dei feriti nelle manifestazioni e negli incidenti sono privi di assistenza", ma anche che "alcune strutture sanitarie rifiuterebbero dei pazienti perché 'non graditi' politicamente". [RB]

Ultime notizie

Superati i 9 mesi dall’inizio dell’invasione russa. Il punto

02 Dicembre 2022
Di fatto, la guerra in Ucraina somiglia sempre più ad una “nota di fondo”, a cui il Mondo sembra abituarsi. (Raffaele Crocco)

Anche la Germania indaga sulle stazioni di polizia illegali di Pechino

01 Dicembre 2022
La ong Safeguard le ha individuate in 30 Paesi europei; quattro solo in Italia. Stabilite all’interno di ambasciate e consolati. Inchieste già avviate da Paesi Bassi, Spagna e Irlanda. (AsiaNews...

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)