Haiti: esilio per Aristide

Stampa

Haiti da WFP

L'ex presidente haitiano Jen-Bertrand Aristide è atterrato questa mattina presto a Bangui, capitale della Repubblica Centroafricana. Settanta morti, tre settimane di insurrezione armata e le pressioni della comunità internazionale (Usa e Francia) hanno convinto il primo capo di stato haitiano democraticamente eletto a farsi da parte e a scegliere l'esilio. Sarà il giudice della Corte Suprema Boniface Alexandre a prendere temporaneamente le redini di Haiti. Lo prevede la costituzione e lo ha dichiarato Alexandre stesso, lanciando un appello alla responsabilità e alla pace.

In nottata il Consiglio di Sicurezza dell'Onu ha votato all'unanimità l'invio di una forza di pace internazionale per tre mesi ad Haiti, per ristabilirvi l'ordine e la sicurezza. Il sì dell'Onu, giunto dal Palazzo di Vetro di New York, è stato contemporaneo all'annuncio, da parte del Pentagono, dello sbarco ad Haiti di un primo contingente di marines, avanguardia della forza di pace internazionale. Il Consiglio di Sicurezza ha preferito autorizzare l'impiego della forza per tre mesi, piuttosto che varare il testo inizialmente proposto che prevedeva due mesi e poi la creazione di una forza di stabilizzazione a tempo indeterminato. Il segretario generale Kofi Annan ha obiettato che due mesi non era un periodo di tempo realistico, perché l'Onu non ha proprie unità e deve chiedere ai Paesi che ne fanno parte di mettere a disposizione truppe, se lo vogliono.

George Bush ha dato perciò l'ordine ai marines di sbarcare ad Haiti dichiarando "è l'inizio di un nuovo capitolo nella storia di Haiti". I marines - ha detto Bush - saranno la componente guida di una forza internazionale che dovrà contribuire a ristabilire l'ordine e la stabilità ad Haiti. Nelle scorse settimane gli Stati Uniti avevano comunque dimostrato una pilatesca indifferenza nei confronti della guerra civile della vicina isola caraibica attirandosi anche le critiche del Washington Post che ricordava al Presidente Bush la responsabilità di soccorrere Haiti per gli stretti legami che l'isola tiene con gli Stati Uniti.

Intanto la situazione per la popolazione si fa sempre piu' drammatica. Il Paese è diviso in due: il nord è del tutto isolato, la scarsità di cibo è ormai un emergenza, con le scorte del World food program in rapido esaurimento. [RB]

Altre Fonti: World food program, Rainews 24, Warnews, Un News

Ultime notizie

Acqua: specchio di inquinamento e cambiamento climatico

24 Aprile 2019
Negli ultimi anni gli scarichi diretti nei corpi idrici da parte di grandi siti industriali europei sono diminuiti, ma… (Alessandro Graziadei)

Artifishal, o della pesca che ci uccide

23 Aprile 2019
La strada verso l'estinzione è lastricata di buone intenzioni. (Anna Molinari)

A Roma la cucina va Oltre

20 Aprile 2019
Di papaline, cicorie e caciaroni: una cooperativa sociale romana ci racconta un modello originale di relazione con la disabilità. (Michele Focaroli

A 12 anni chiede al Papa di fare una Pasqua Vegana. Francesco le risponde

19 Aprile 2019
Combattere il cambiamento climatico cambiando dieta: con questo obiettivo, qualche settimana fa, la giovanissima attivista Genesis Butler ha proposto a Papa Francesco di sponsorizzare una Pasqua ve...

Le montagne esigono rispetto

19 Aprile 2019
Nonostante la loro “durezza”, le Alpi sono estremamente fragili, un terra di equilibri instabili, instaurati dall’uomo in millenni di non facile convivenza con la natura. Un luogo di sfide, che han...