Guatemala. Nuevo Horizonte, dalla guerriglia alla lotta politica

Stampa

Foto: Fabiana Fuschi ®

Quello della comunità di Nuevo Horizonte, nel nord del Guatemala, è un racconto di passaggio dalla lotta armata a quella politica. Una vicenda che attraversa la dolorosa storia recente del Paese fino ad arrivare ai nostri giorni. “Qui a Nuevo Horizonte oggi tutti hanno una casa, i bambini vanno a scuola e abbiamo aperto un centro di salute e una casa di maternità. Abbiamo un centro di diabete e organizziamo attività di informazione ed iniziative sull’uguaglianza di genere”, racconta a Osservatorio Diritti l'ex guerrigliero “Rony” (questo è il suo pseudonimo di battaglia, creato per non essere rintracciato).

Le origini. Nuevo Horizonte è stata fondata nel 1997 da ex combattenti, uomini e donne, del Frente Norte de las Fuerzas Armadas Rebeldes(Far), che avevano partecipato alla guerra civile terminata un anno prima. Una realtà significativa per il Guatemala, dato che il Frente faceva parte della Unidad Revolucionaria Nacional Guatemalteca, uno dei principali protagonisti degli Accordi di Pace firmati nel ’96 con l’allora presidente Alvaro Arzù. Oggi - dopo aver aderito alla guerriglia nel corso degli anni Settanta, subito dopo l’inizio di espropri e massacri diffusi - nella comunità vivono circa 530 persone. “Molti si unirono alla guerriglia perché non videro alcuna possibilità di dialogare con il governo e l’esercito per ottenere i cambiamenti che desideravamo: rispetto del diritto alla vita dei contadini, sviluppo sociale, diritto ad una vita dignitosa e, soprattutto, diritto alla terra che era stata espropriata”, dice ancora Rony.

La guerra civile. In Guatemala gli scontri sono durati 36 anni e hanno provocato morti e sofferenze. Le stime parlano di circa 200 mila vittime, 45 mila desaparecidos e un numero di sfollati compreso tra mezzo milione e 1 milione (comprendendo sia chi è espatriato sia chi è rimasto nel Paese). Contadini e indigeni in particolare, inoltre, sono stati vittime di violenze ed espropri.

La nuova resistenza. Ronny racconta che dopo la fine degli scontri “decidemmo di creare una nuova strategia di lotta e resistenza all’interno della Comunità di Nuevo Horizonte, chiamata “Los Contra Poderes”, caratterizzata dalla lotta per ottenere una terra comunitaria, in opposizione alla proprietà privata, dalla diversificazione delle colture per lottare contro la malnutrizione, dalla produzione in linea con la protezione dell’ambiente, dalla necessità di garantire l’educazione ai giovani e dalla riforestazione come apporto al pianeta”.

Dal partito alla lotta per i diritti. In un primo momento la comunità partecipò al partito UnidadRevolucionaria Nacional Guatemalteca nelle richieste di rispetto di diritti dei contadini, degli operai, della popolazione indigena e, naturalmente, degli Accordi di pace. Gli abitanti, infine, decisero di lasciare il partito, continuando però a impegnarsi nella difesa dei diritti umani dei guatemaltechi. [...]

L’articolo integrale di Fabiana Fuschi del Master in Diritti umani e gestione dei conflitti della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, che scrive da Nuevo Horizonte (Petén, Guatemala), “Guatemala. Nuevo Horizonte, dalla guerriglia alla lotta politica”, può essere letto su Osservatorio Diritti.

Ultime notizie

Agua limpia, por favor

23 Gennaio 2019
Le radici dell’acqua – o della sua mancanza. (Anna Molinari)

La primavera araba e l'inverno di Tunisi

22 Gennaio 2019
A scendere in piazza non sono stati i giovani ma i meno giovani, i tutelati, gli organizzati, coloro che “sanno stare assieme” sotto l'ombrello del potente sindacato UGTT. (Fabio Pipinato)

Disabili e mobilità europea: una storia in costruzione

21 Gennaio 2019
Dati e volti del progetto Erasmus con i disabili come partecipanti. (Miriam Rossi)

Processi sommari e pena di morte: così ci si sbarazza delle "donne dell'Isis"

21 Gennaio 2019
Medio Oriente. Il duro prezzo pagato dalle mogli dei miliziani islamisti nei tribunali di Iraq e Siria del nord. Almeno 4.500 le donne arrivate da tutto il mondo. Solo una minima parte di...

L'angelo Zeal gira negli ospedali per liberare pazienti «prigionieri»

20 Gennaio 2019
In 30 Paesi del mondo le strutture sanitarie si trasformano in centri di detenzione quando i malati non possono pagare. In Nigeria un cittadino li salva. (Michele Farina)