Felice anno nuovo!

Stampa

Frei Betto

Felice anno nuovo a coloro che si sveglieranno nel 2004 liberi da sensi di colpa, pieni di una vita in cui la passione vince l'omissione e la gioia tesse luci laddove l'amarezza deposita tele di ragno.

Felice anno a chi non nasconde sentimenti né strappa da sé le fonti da cui emana la trasparenza e non guarda ai propri vicini come passeggeri estranei di un viaggio senza fermate, spiagge o orizzonti.

Felici coloro che abbandonano nel passato il bagaglio in eccesso e con cuore leggero rovesciano in terra il cumulo di orgoglio e di tedio e, generosi, cercano l'umiltà.

Felice anno nuovo a tutti coloro che si svegliano oggi al suono delle preghiere e ringraziano per quanto hanno avuto e per quanto non hanno avuto, meravigliati dal dono della vita, malgrado tante crepe nelle pareti, frutti appassiti e gruzzoli nascosti.

Buon anno a chi gusta la feijoada e si compiace del cibo servito in piatto altrui; la vita è dono, contrazione dell'utero, desiderio manifesto, spirito goloso mai sazio di Dio.

Che sia nuovo l'anno per coloro che mai maledicono e frenano la propria lingua, economizzano parole e seminano fragranze nei sentieri dei sentimenti.

Sia felice l'anno anche di chi si incanta a guardare e, se inciampa, non cade nell'abisso dell'invidia né si perde in oscurità dove la paura è solo l'eco dei propri timori.

Felice anno nuovo a chi si rifiuta di essere tanto vecchio da volere tutto nuovo: corpo, macchina e amore; vivere è una grazia per chi accarezza le proprie rughe e tratta i propri limiti come un recinto fiorito di un gregge di montagna.

Abbiano un anno felice tutti quelli che sanno essere grassi e felici, indebitati e allegri, privati di carezze ma pieni di attese delle fortune che verranno.

Felice anno nuovo agli orfani di Dio e di speranze e ai mendicanti che hanno vergogna a chiedere, ai cavalieri della notte e alle dame che non hanno mai provato il latte che portano in seno.

Siano felici quest'anno gli uomini ridicolmente adornati, presunti campioni di vantaggi; quelli che non temono nulla, eccetto lo sguardo supplicante dei figli e il sorriso ironico delle donne che non li amano.

Siano felici anche le donne che si uccidono di amore e di dolore per chi non lo merita e che allo specchio si scoprono tanto belle fuori quanto sanno di esserlo dentro.

Sia nuovo l'anno per gli ubriachi che non inciampano mai in impertinenze, e per chi non cospira contro la vita altrui.

Felice anno nuovo per chi colleziona utopie, fa delle proprie mani un aratro e irriga con il proprio sangue i semi che coltiva.

Siano molto felici i vecchi che non si travestono da giovani e i giovani che superano la vecchiaia precoce; i loro cuori portino l'età che annuncia emozioni forti.

Tanta felicità a quelli che portano con sé la casa del silenzio e offrono dai propri balconi cioccolate calde con sorrisi di saggezza.

Un anno felice a quelli che non si mostrano nel pollaio della propria vanità, trattano la morte con distacco e saltano con il bambino che li abita.

Felice anno nuovo per i sonnambuli che si tengono in equilibrio sui fili, e per chi cerca luce negli angoli della notte.

Un anno nuovo molto felice per tutti noi che giuriamo di sequestrare i vizi che ci carichiamo e di non pagare il riscatto della dipendenza; il futuro ci troverà magri per aver mangiato meno, sani per aver fumato ossigeno, solidali per aver condiviso doni e beni.

Felice 2004, senza terremoti, uragani, maremoti, eruzioni vulcaniche, siccità e altri disastri. Dio ci conceda la benedizione di tanti doni.

di Frei Betto (brasiliano, teologo della liberazione, scrittore)

Ultime notizie

“Conflict Plantations”

12 Novembre 2019
Un nuovo rapporto dell’Environmental Paper Network rivela che l’Asia Pulp & Paper è coinvolta in centinaia di conflitti sociali con le comunità locali. (Alessandro Graziadei)

Le foreste del mare

11 Novembre 2019
Sotto le onde una prateria di piante da salvaguardare. (Anna Molinari)

Londra: un ponte per Riace

10 Novembre 2019
Grande è stata la rete che ha permesso la realizzazione dell’incontro con il mondo londinese attento alle tematiche della pace. (Laura Tussi)

Senegal, il dramma della depigmentazione

09 Novembre 2019
Modelli estetici importati e logiche di mercato spingono giovani donne africane a voler “sbiancarsi” la pelle, con esiti disastrosi sulla salute. (Lucia Michelini)

Dal taglio dei parlamentari alla “cabon tax”

08 Novembre 2019
La “carbon tax” rappresenta uno strumento sempre più diffuso nel mondo per contrastare l’avanzata dei cambiamenti climatici. (Alessandro Graziadei)