Europa: Amnesty chiede al Lussemburgo più risorse

Stampa

Il divario tra le ambizioni dell'Unione europea (Ue) in materia di diritti umani e le risorse disponibili per concretizzarle si sta allargando. Lo ha affermato oggi Amnesty International, presentando le sue raccomandazioni alla presidenza del Lussemburgo che entrerà in carica dal 1° gennaio 2005. Tra le aree di criticità messe in evidenza nel documento di Amnesty, vi è la cronica mancanza di risorse per l'azione in favore dei diritti umani da parte del Consiglio, e in particolare la totale inadeguatezza di quelle dedicate al personale del Segretariato generale di questo organo.

"L'autorevolezza dell'Ue in tema di diritti umani, sia al proprio interno che in ambito globale, potrà crescere se sarà in grado di mostrare in modo più coerente che i diritti umani non sono un optional e non sono negoziabili" - ha dichiarato Dick Oosting, direttore dell'ufficio di Amnesty International presso l'Ue. "Se solo una frazione delle risorse usate per contrastare il terrorismo e combattere la 'immigrazione illegale' venisse destinata alle implicazioni in termini di diritti umani di queste politiche, sarebbe già un inizio" - ha aggiunto Oosting.

Amnesty International riconosce che negli ultimi anni l'Ue ha dato vita a una serie di strumenti politici sui diritti umani, specialmente nel settore della Politica estera e di sicurezza. Ma è giunto il momento che l'Ue dedichi maggiore attenzione alle risorse necessarie per dare attuazione a questi strumenti. L'organizzazione ha apprezzato la decisione, adottata la scorsa settimana dal Consiglio europeo, di istituire la posizione di Rappresentante personale per i diritti umani, a supporto dell'Alto rappresentante per la Politica estera e di sicurezza. "È un primo passo avanti importante, è il segnale che il Consiglio riconosce che c'è un problema. Ma ora occorre fare di più" - ha concluso Oosting.

Nelle sue raccomandazioni alla presidenza lussemburghese, Amnesty International chiede maggiori risorse nelle seguenti aree:
- la ventilata agenzia dell'Ue sui diritti umani e la responsabilità collettiva per gli abusi dei diritti umani commessi nel territorio dell'Ue;
- la protezione dei diritti umani delle persone sospettate o imputate di aver commesso un reato;
- le politiche europee sul rimpatrio degli "immigranti illegali";
- la garanzia della protezione dei rifugiati nel contesto della lotta contro la 'immigrazione illegale';
- l'attuazione delle linee guida dell'Ue sui diritti umani;
- un rappresentante di alto livello per i diritti umani;
- i diritti umani nel processo di allargamento;
- il controllo sul commercio di armi da parte dell'Ue.

Ultime notizie

Compensare o risparmiare? - #Diventaregreen

05 Dicembre 2022
Investire per migliorarsi, e spendere meno. (Anna Molinari)

Fermata Kirghisistan

04 Dicembre 2022
Mi trovo a condividere 12 ore di viaggio con 3 ragazzi che non vogliono ritrovarsi all’interno di un carro armato. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Un blindato Made in Italy per il Brasile

03 Dicembre 2022
Un "Made in Italy" molto particolare. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Superati i 9 mesi dall’inizio dell’invasione russa. Il punto

02 Dicembre 2022
Di fatto, la guerra in Ucraina somiglia sempre più ad una “nota di fondo”, a cui il Mondo sembra abituarsi. (Raffaele Crocco)

Anche la Germania indaga sulle stazioni di polizia illegali di Pechino

01 Dicembre 2022
La ong Safeguard le ha individuate in 30 Paesi europei; quattro solo in Italia. Stabilite all’interno di ambasciate e consolati. Inchieste già avviate da Paesi Bassi, Spagna e Irlanda. (AsiaNews...