Etiopia: collassa il caffé, boom della chat

Stampa

Etiopia

La denuncia arriva da Oxfam International. In Etiopia il crollo dei prezzi del caffè sta portando i contadini a rimpiazzare quest'ultimo, coltivato nel Paese da più di 3000 anni, con la chat, stimolante anfetaminico vietato negli USA e nella maggior parte dei paesi europei.

"Le grandi aziende del caffè stanno spingendo sul lastrico 25 milioni di agricoltori e foraggiano la produzione di droghe in tutto il mondo" ha dichiarato recentemente Phil Bloomer, di Oxfam "in Etiopia le esportazioni del caffè sono crollate dal 70% al 35% del totale dell'export in soli cinque anni ed il prezzo in termini reali è il più basso degli ultimi 100 anni".

I contadini etiopi allora rimpiazzano le proprie coltivazioni di caffè con altre. Ad esempio quelle di chat, un'erba che viene masticata e che ha proprietà anfetaminiche, la cui produzione in Etiopia è raddoppiata negli utlimi anni. Secondo Oxfam raggiungerebbe il 13% dell'export nazionale. In aumento anche la coltivazione di coca.

Ma nonostante la crisi dei prezzi le quattro grandi multinazionali del caffè - Sara Lee, Kraft, Nestle e Proctor and Gamble - hanno margini di guadagno ancora notevoli e la crisi dei prezzi viene completamente scaricata sui produttori. E' questa la denuncia dell'ONG inglese che ricorda la drammatica situazione dell'Etiopia, il terzo Paese più povero al mondo.

Con i mancati introiti dovuti al calo delle esportazioni, chiarisce sempre Oxfam, negli ultimi cinque anni il governo etiope avrebbe potuto costruire 1250 centri sanitari o avrebbe potuto fronteggiare meglio le carestie che regolarmente si susseguono nel Paese, i cui effetti sono solo parzialmente attenuati dagli aiuti internazionali. [DS]

Ultime notizie

A Roma la cucina va Oltre

20 Aprile 2019
Di papaline, cicorie e caciaroni: una cooperativa sociale romana ci racconta un modello originale di relazione con la disabilità. (Michele Focaroli

L'Algeria e la meglio gioventù

19 Aprile 2019
In Algeria è caduta la prima B (dal nome dell’ex presidente Bouteflika), la gente si aspetta il ritiro delle altre due B che hanno segnato il potere degli ultimi 20 anni. (Ferrccio Bellcini)

Ce li stiamo mangiando tutti!

18 Aprile 2019
Oggi la “megafauna” della Terra, se si escludono alcune balene che non se la passano sempre benissimo, sta letteralmente scomparendo. Come mai? (Alessandro Graziadei)

Una scuola per la sostenibilità ambientale creativa

18 Aprile 2019
Negli ultimi anni all'Itet Fontana si è fatto un grosso lavoro di analisi sui programmi delle diverse discipline insegnate per individuare dove poter dare spazio alla sostenibilità ambientale, coll...

Una chiamata alla coscienza ambientale

17 Aprile 2019
Nessuno si dimenticherà dei tragici giorni di fine ottobre 2018, quando la catastrofe si abbatté sul Trentino e su tutto il Nord-Est italiano. (Paolo Poda)