77ma Assemblea Generale: la fatica dell’Onu

Stampa

Foto: Davi Mendes da Un.org

Oggi, le porte del Palazzo di Vetro si riapriranno per una delle sessioni dell’Assemblea Generale più tese e più difficili della sua ormai lunga storia. Almeno apparentemente, il protocollo sara’ poco diverso dal passato, malgrado le limitazioni dovute alla pandemia e qualche cambiamento nei programmi dovuto alla concomitanza con i funerali della regina Elisabetta. A presiedere la 77esima sessione ci sara’ il nuovo presidente, l’ungherese Csaba Korosi, che ha appena preso il posto del maldiviano Abdullah Shanid. Sul podio, a inaugurare il dibattito dei 193 paesi membri, salirà  come sempre per primo il Brasile rappresentato dal suo Presidente Bolsonaro. Joe Biden avrebbe dovuto essere il secondo, ma a causa del suo viaggio a Londra rimanderà il suo discorso al giorno dopo e lo stesso faranno diversi altri capi di Stato o di governo. Attorno alla sede dell’Onu, le strade chiuse, i controlli di sicurezza e il traffico impazzito faranno come sempre borbottare i newyorkesi.

A non lasciare dubbi sul fatto che si tratterà di un’Assemblea Generale diversa dalle altre, sicuramente drammatica, ma anche impegnata su molti fronti diversi, è stato però lo stesso segretario generale Antonio Guterres, durante il suo tradizionale incontro con i giornalisti in preparazione dell’evento. ”Sono appena tornato dal Pakistan, dove ho guardato al futuro dalla finestra”, sono state le sue prime parole. Non certo per caso, le immagini della devastazione provocata dalle inondazioni gli sono servite per aprire un discorso molto piu’ ampio, non solo sulle conseguenze della guerra in Ucraina, ma anche sulle responsabilità dei paesi più ricchi nei confronti di chi sta pagando le conseguenze dei loro egoismi.

”Che sia il Pakistan, il Corno d’Africa, il Sahel, le piccole isole o i Paesi meno sviluppati, i più vulnerabili del Mondo, che non hanno fatto niente per causare questa crisi, pagano un prezzo tremendo a causa di decenni di intransigenza da parte dei maggiori responsabili delle emissioni”, ha spiegato Guterres.”I paesi del G20 sono responsabili per l’80 per cento delle emissioni…Se un terzo di loro fosse sott’acqua, come potrebbe accadere oggi o domani, forse troverebbero pu’ facile mettersi d’accordo per un taglio drastico delle emissioni”. La decisione di Guterres di concentrare la sua attenzione sui danni provocati dai cambiamenti climatici non è stata certo casuale...

Segue su Atlanteguerre.it

Ultime notizie

Dopo 220 giorni di guerra. Il punto

07 Ottobre 2022
I due contendenti intendono scrivere la parola fine ai combattimenti solo a fronte di una vittoria militare? (Raffaele Crocco)

Colombo: ministra del Turismo vuole trasformare Mannar in una nuova Macao

06 Ottobre 2022
Per Diana Gamage l'isola può attirare turisti stranieri con il gioco d'azzardo. L'economia locale si basa però soprattutto su pesca e agricoltura: sarebbe difficile riconvertire il modello di svilu...

La Cina oggi: un’analisi in vista del XX Congresso

06 Ottobre 2022
Taiwan, gli Usa, la Russia, il Covid : Xi Jing Ping di fronte a una sfida senza precedenti. Intervista con Simone Dossi. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Siria: la situazione drammatica spinge ancora i cittadini a fuggire dal Paese

05 Ottobre 2022
Gli ultimi eventi e nuovi rapporti lo denunciano chiaro e forte: in Siria siamo di fronte a una delle peggiori crisi dopo oltre 11 anni di guerra. E la situazione attuale continua a costringere mig...

Basta avere fortuna

05 Ottobre 2022
"Siamo un gruppo di donne e uomini che credono nel diritto alla libera circolazione per ogni essere umano". (Matthias Canapini)