Siria: la situazione drammatica spinge ancora i cittadini a fuggire dal Paese

Stampa

La foto della piccola Loujin Ahmad Nasif, la bimba siriana di 4 anni morta di fame e di sete un paio di settimane fa su un barcone partito dal Libano, ha riportato l’attenzione sul dramma della Siria. Perché, a distanza di oltre 11 anni dall’inizio delle violenze, si fugge ancora dal Paese mediorientale e dai Paesi limitrofi, come il Libano, dove sono intrappolati milioni di rifugiati?

Violenze, arresti arbitrari, insicurezza fisica e alimentare continuano a costituire una minaccia per i civili, sia in patria, dove i bombardamenti non sono mai cessati, seppur in modo sensibilmente ridotto rispetto al passato, sia nella diaspora, in particolare in Turchia e Libano, dove si registra un crescendo di episodi di razzismo contro i rifugiati siriani.

La pandemia, la crisi economica e l’instabilità politica di questi due Paesi hanno portato a un’esasperazione degli animi, per cui i siriani sono percepiti come un peso, una minaccia, un problema sociale.

Con oltre 3 milioni di rifugiati In Turchia e circa 1 milione in Libano (che ha un’estensione territoriale come l’Abruzzo e conta 4 milioni di abitanti), spesso l’unica soluzione è una nuova fuga, che in mancanza di documenti di viaggio legali, si svolge clandestinamente, come hanno fatto la piccola Loujin e la sua famiglia. Dalla Siria al Libano, dal Libano verso il mare, dove spesso si continua a morire. Non si può tornare indietro, né procedere verso altre destinazioni...

Segue su Osservatoriodiritti.it

Ultime notizie

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)