L'abisso della crisi ucraina. Il punto

Stampa

Immagine: Atlanteguerre.it 

L’annessione di quattro regioni dopo i referendum farsa. La caccia ai disertori in fuga dopo la mobilitazione parziale. L’arresto di chi protesta contro la guerra. Le misteriose - per ora - esplosioni che hanno reso inservibile NordStream 2: l’ennesima settimana di guerra dopo l’invasione russa dell’Ucraina ci racconta questi fatti. E sono fatti che spingono sempre più verso un inasprimento della guerra.

 Sul campo di battaglia succede poco e quel che succede non da vantaggi a nessuno dei due contendenti. Avanzate e ritirate si alternano. I civili continuano a morire, questo sì. Tra il 29 e il 30 settembre, un raid russo ha ucciso due persone e ne ha ferite dodici, colpendo a Mykolaiv una fermata dell’autobus. Pare abbiano usato bombe a grappolo, vietate dalle convenzioni internazionali. Nelle stesse ore, missili russi hanno colpito alcune abitazioni a Dnipro, nell’Est dell’Ucraina: anche qui tre civili morti, tra cui un bambino.

Uno stillicidio che continua e che allunga all’infinito il numero dei civili uccisi dalla guerra. Ma tutto questo sembra essere solo il palcoscenico che Putin vuole usare per continuare con la sua campagna di conquista.

Il capo del Cremlino, dopo il voto ai referendum nei territori occupati, ha firmato i decreti con cui riconosce "l'indipendenza" delle regioni ucraine di Zaporizhzhia e Kherson. Si aggiungono alle due regioni che Mosca aveva già riconosciuto come indipendenti da Kiev, Donetsk e Lugansk. Il passo successivo è l’annessione unilaterale alla Russia, così da poter giustificare qualsiasi azione armata come una “difesa per aggressione”. Putin, insomma, rovescia i ruoli e trasforma una guerra di conquista in guerra di difesa.

Una soluzione che buona parte della comunità internazionale non ha intenzione di accettare. Stati Uniti e Unione Europea lo hanno dichiarato subito: i referendum sono illegali, così come la conseguente annessione delle quattro regioni ucraine. L’Onu, da parte sua, ha detto di non considerare legali i referendum e i risultati conseguenti. Resta da capire cosa farà la Cina, ambigua nei giorni scorsi sulla materia. Da Pechino era filtrato solo l’augurio che ci fosse, da parte di tutti, il rispetto delle “sovranità nazionali”.

In ogni caso, Putin intende giocare la carta dell’attacco all’integrità territoriale russa sia sul piano internazionale - almeno per legittimarsi con chi accetterà l’avvenuta annessione -, sia sul fronte interno, per giustificare la “mobilitazione parziale” che ha scatenato proteste consistenti e, soprattutto, la fuga di migliaia di persone.

Sono davvero tanti quelli che non vogliono andare a morire in Ucraina. Da giorni sono in fuga all’estero. Un flusso tanto poderoso da costringere la Finlandia a chiudere - a partire dalla notte fra giovedì’ 29 e venerdì’ 30 settembre 2022- i confini ai 'turisti' russi, che si accalcano per entrare nel Paese. Il governo ha stabilito che tutte le richieste di ingresso debbano essere considerate caso per caso. Chi vuole, dice una nota, potrà “far richiesta d'asilo oppure cercare di attraversare il confine illegalmente".

Una situazione che dà l’esatta misura del dramma vissuto da migliaia di giovani russi. La mobilitazione è ufficialmente parziale, ma fonti dell’esercito russo dicono che potrebbe trasformarsi in “generale” entro brevissimo tempo. Una scelta che, se fatta, verrebbe appunto giustificata da Putin come necessaria per difendere i territori della patria. Per gli economisti, però, la decisione peserebbe tremendamente su tutto il “sistema russo”, incidendo fortemente sulla capacità produttiva delle industrie, che si troverebbero private della mano d’opera.

E intanto sono quattro le falle accertate nel Mar Baltico lungo la rotta del NordStream 2 e almeno tre le esplosioni che sarebbero state registrate dai sismologi. Lo scambio di accuse fra Russia e Nato sui probabili sabotaggi continuano e il gasdotto, dice Berlino, potrebbe avere subito danni irreparabili. Per ora nessuno può indagare, la zona non è sicura proprio per la fuoriuscita del gas. La guerra in qualche modo si allarga e colpisce fuori dai confini. Un avvertimento che pochi sembrano voler cogliere.

Raffaele Crocco

Sono nato a Verona nel 1960. Sono l’ideatore e direttore del progetto “Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo” e sono presidente dell’Associazione 46mo Parallelo che lo amministra. Sono caposervizio e conduttore della Tgr Rai, a Trento e collaboro con la rubrica Est Ovest di RadioUno. Sono diventato giornalista a tempo pieno nel 1988. Ho lavorato per quotidiani, televisioni, settimanali, radio siti web. Sono stato inviato in zona di guerra per Trieste Oggi, Il Gazzettino, Il Corriere della Sera, Il Manifesto, Liberazione. Ho raccontato le guerre nella ex Jugoslavia, in America Centrale, nel Vicino Oriente. Ho investigato le trame nere che legavano il secessionismo padano al neonazismo negli anni’90. Ho narrato di Tangentopoli, di Social Forum Mondiali, di G7 e G8. Ho fondato riviste: il mensile Maiz nel 1997, il quotidiano on line Peacereporter con Gino Strada nel 2003, l’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo, nel 2009. 

Ultime notizie

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)