Eventi | Settembre 2022:

11 Set

Stretching Our Limits

11 Set

Torna anche quest’anno Stretching Our Limits al Rifugio Campogrosso. L’appuntamento è per domenica 11 settembre.

Fondazione Fontana per il 2022 ha scelto STRETCHING OUR LIMITS  come filo conduttore delle iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi per  sostenere le attività de L’Arche Kenya e del Saint Martin. Due realtà impegnate quotidianamente in Kenya nel costruire società inclusive prendendosi cura dei più fragili siano essi persone con disabilità,  con problemi di salute mentale, minori svantaggiati, bambini/e di strada, vittime di violenza e abusi. Stretching Our Limits nasce da due performance originali compiute assieme a persone con disabilità: nel 2019 la scalata del monte Kenya e nel 2021 la pedalata da Nairobi a Nyahururu. Grazie anche alla vicinanza all’Arche Kenya e al Saint Martin Fondazione Fontana favorisce in Italia una cultura che valorizzi la relazione con la vulnerabilità e i soggetti più deboli per giungere insieme a riconoscere le fragilità di tutti come risorsa e occasione di crescita per la comunità.  Stretching our limits ci invita a non aver paura di riconoscere i nostri limiti siano essi fisici, mentali o relazionali. In questo cammino che toccherà una serie di iniziative da marzo a dicembre 2022  sul territorio di Padova e Trento, saranno con noi anche la campionessa paralimpica Martina Caironi e la ballerina e pittrice Simona Atzori. Grazie al vostro aiuto sosteniamo le cure mediche e i percorsi di autonomia delle persone con disabilità dell’Arche Kenya.

 Il programma:

10:30 Raduno a Pian delle Fugazze (vedi mappa qui)

10:45 Partenza dal Pian delle Fugazze a piedi

12:30 Pranzo al sacco oppure al Rifugio Campogrosso. Per pranzare al Rifugio si consiglia di prenotare al numero 0445 1920679 (1° turno 12.00 – 13.30)

13:30 Saint Martin e L’Arche Kenya: tra presente e futuro. Aggiornamenti dai progetti in Kenya

14:00 S.Messa celebrata da d.Gabriele Pipinato

Informazioni: 049.8079391

15 Set

Vuoi partecipare alla COP27 in Egitto?

15 Set

Sono aperte le iscrizioni per la COP27, che si terrà dal 6 al 18 novembre a Sharm el-Sheikh, in Egitto.

L’associazione Viração&Jangada, in collaborazione con il Centro europeo di eccellenza Jean Monnet, offre 5 posti per giovani interessati a raccontare i negoziati della Conferenza delle Parti (COP) della Convenzione delle Nazioni Unite sui Cambiamenti Climatici (UNFCCC). Il progetto è finalizzato a creare maggiore consapevolezza sull’emergenza climatica, dalla situazione a livello globale fino alle implicazioni a livello locale, e a rendere protagonisti i giovani contribuendo alla redazione della futura Strategia provinciale di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici, la cui implementazione è coordinata dall’Agenzia Provinciale per la Protezione dell’ambiente. 

Il progetto prevede due obiettivi concreti: a) Accrescere la consapevolezza sulla situazione globale attraverso la formazione di un gruppo di giovani selezionati per partecipare alla 27a sessione della Conferenza delle Parti (COP 27), nell’ambito della Conferenza quadro sui Cambiamenti Climatici delle Nazioni Unite (UNFCCC), che si svolgerà a Sharm El-Sheikh, in Egitto, dal 6 al 18 novembre 2022. b) Accrescere la consapevolezza sulla situazione locale attraverso la selezione e formazione di gruppi di giovani che in diversi contesti territoriali del Trentino contribuiranno ad individuare e co-progettare le opportune misure di adattamento ai cambiamenti climatici, a partire da un’analisi dei principali impatti dei cambiamenti climatici osservati sul territorio e delle maggiori vulnerabilità riscontrate per determinare la scelta delle azioni prioritarie, in base al punto di vista dei giovani stessi e alle specificità del territorio. I percorsi territoriali saranno denominati “Conferenze locali dei giovani sul clima”. Per la realizzazione dell’obiettivo al punto a) il progetto prevede la selezione di 5 giovani tra i 18 e i 35 anni con residenza o domicilio in Trentino, iscritti all’Università o a scuole superiori, preferibilmente appartenenti a centri giovanili o altre realtà di aggregazione e associazionismo giovanile del Trentino. L’associazione Viração&Jangada dispone degli accrediti per accedere come osservatori (Observers) ai lavori della COP27, già assegnati alle Organizzazioni Non Governative dal segretariato della Convenzione delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). 

Informazioni, bando e candidature entro il 15 settembre 2022 per e-mail a [email protected] Dopo una revisione delle adesioni, contatteremo i ragazzi selezionati a partire da lunedì 20 settembre 2022, 348 1936763

16 Set

Demoghela, il reggimento che non voleva combattere

16 Set

Venerdì 16 settembre ore 18.30, a Venezia in Campo Saffa (di fronte al civico 387/I) verrà messo in scena - a cura del "Collettivo DisarmArte".- lo spettacolo teatrale  "Demoghela, il reggimento che non voleva combattere".Si tratta di una storia realmente accaduta e ripresa dal lavoro di ricerca di Mario Bonifacio, istriano, partigiano, persona estremamente interessante che dagli anni 60 ha vissuto nella nostra città.Lui, quando ormai era ultranovantenne, ha ripreso la vicenda di guerra del reggimento del padre, composto prevalentemente da istriani e giuliano-dalmati poco inclini a combattere, specie per l'impero austro-ungarico in una zona di confine con l'impero russo: la Galizia. Così questo reggimento ha avviato delle forme di non-combattimento e di opposizione alla guerra legate alla natura estremamente pacifica di quelle popolazioni, ai loro ideali e al loro vivere in zone di confine non facilmente condizionabili dai nazionalismi di quei tempi.Una storia poco conosciuta e non riconosciuta ufficialmente, una storia da raccontare.Allo spettacolo seguirà la proiezione di una videointervista inedita all'obiettore Giuseppe Bruzzone a cura di Laura Tussi e Fabrizio Cracolici.La serata è promossa da Ass.ne Il Villaggio, Ass.ne SOS Diritti, Ass.me Buongiorno Bosnia, Emergency Venezia, Festival dei matti, Mediterranea Venezia, APS Lungo la rotta balcanica nell'ambito della programmazione de "Le città in festa" del Comune di Venezia.Facebook: https://www.facebook.com/events/448787533935833/

21 Set

Proposta di un Flash Mob internazionale “LA PACE SEMPRE”

21 Set - 31 Dic

I bambini della Pace

Vi segnaliamo con gioia il video – che potete  trovare  sulla  pagina di Youtube https://youtu.be/besY2_BzS5ge – che gli amici Laura Tussi e Fabrizio Cracolici, hanno realizzato. Per questo video sono state  utilizzate le immagini inviate dalle scuole italiane che il 4 aprile 2022 hanno partecipato al Flash Mob “La Pace sempre”. Al Flash Mob hanno aderito il  MCE – Movimento di Cooperazione Educativa e la Fimem – Federazione Internazionale dei Movimenti di Scuola Moderna.

Sulla Pagina facebook   https://www.facebook.com/Per-la-Pace-MCE-104530715563147  potete trovare tutti i materiali prodotti, anche quelli che non hanno trovato spazio nel video.

Di Pace c’è molto bisogno. Da alcuni mesi la guerra in Ucraina non dà tregua e ci sono tante vittime, soprattutto civili, che sono coloro i quali più soffrono per questo orrore. Muoiono militari di entrambi gli eserciti, donne e bambini sotto i bombardamenti e altri vittime di attentati.  Nonostante questo sembra che ancora nessuno abbia deciso di intraprendere una decisa azione per la Pace. Per questo c’è ancora bisogno che le scuole facciano la loro parte e che i bambini ed i ragazzi si mobilitino per salvare l’umanità dall’orrore della guerra. Per questo invitiamo tutte le scuole a caratterizzare con proprie iniziative didattiche, la giornata di Mercoledì 21 settembre, “Giornata internazionale della pace” promossa dall’Onu.  Da parte nostra proponiamo e lavoreremo per arrivare ad organizzare nei prossimi mesi  un Flash Mob per la Pace, coinvolgendo scuole di tutta l’Europa e del Mondo intero, chiedendo la partecipazione dei Movimenti di insegnanti aderenti alla Federazione dei Movimenti di Scuola Moderna (Fimem – Federation Internationale des Mouvements d’Ecole Moderne) presente in tutti i continenti.

Roberto Lovattini

Movimento di Cooperazione Educativa – Gruppo Territoriale di Piacenza

21 Set

LA PACE VA OLTRE. SOSTIENI LA SPERANZA

21 Set

WEBINAR
LA PACE VA OLTRE. SOSTIENI LA SPERANZA.
L’effetto domino della guerra in Ucraina nei Paesi del Medio Oriente
Mercoledì 21 settembre 2022, ore 17:30 - 19:00
In diretta sulla pagina Facebook @insiemepergliultimi  
A più di sei mesi dall’inizio della guerra in Ucraina il rischio di un effetto domino è sempre più concreto, non solo sul piano economico – finanziario e sociale, ma soprattutto per le ripercussioni che questo conflitto recherà alla malnutrizione di milioni di persone in molte aree del mondo lontane dall’Europa, come si è approfondito nel Webinar dello scorso giugno. Tuttavia, vi è ancora un altro effetto forse meno evidente che si intreccia con il nebuloso scenario geopolitico provocato dal conflitto dell’Est europeo: il flusso migratorio dal Nord Africa che costantemente vede aumentare, rispetto ai dati del 2021, il numero di persone che affrontano il mare in cerca di un futuro possibile. Un effetto domino, che stando ad alcune proiezioni sul fenomeno migratorio, che si può concretizzare con un più di 150.000 persone dell’Africa sub-sahariana e del Medio Oriente, aumento provocato direttamente dalla emergenza sanitaria, economica e sociale che investe, dall’inizio del conflitto in Europa, i Paesi del Mediterraneo. Mentre lungo i confini dell’Unione Europea ad Est si costruiscono muri, l’ultimo è stato completato il 2 luglio tra la Polonia e la Bielorussia alto 5 metri lungo 150 Km e costato 350 milioni di euro. L’atteggiamento verso questi flussi migratori dell’Unione Europea è contraddittorio: da un lato si è solidali con chi scappa dalla guerra in Ucraina accogliendo nei diversi Paesi dell’UE oltre 3 milioni di persone, e dall’altra si perpetra una politica di respingimenti e di rimpatri per le persone provenienti da altre aree del mondo molti dal Medio Oriente.
Programma

17:30  Saluti ed Introduzione

           Ivana Borsotto – Presidente FOCSIV

17:40  L’effetto della guerra nell’Est europeo sui flussi dei migranti e dei rifugiati

           Nello Scavo – Giornalista di Avvenire

17:55  L’impatto congiunto della crisi economica in Libano e la guerra in Ucraina             sulla popolazione libanese

           Lorenzo Trombetta - Giornalista e autore italiano 

18:10  Voci dal campo

           Giovanna Gaiba – Responsabile FOCSIV Iraq

           Giulia Longo - Caritas Turchia

18:40  Conclusioni

           Don Marco Pagniello – Direttore Caritas Italiana

Modera il webinar: Luca Collodi – Radio Vaticana

                                                                               

Segui la diretta sulla pagina Facebook @insiemepergliultimi

 
Diffondi la Campagna di raccolta fondi "La Pace va oltre", visita il sito insiemepergliultimi.it per conoscere i nostri interventi a sostegno dei giovani del Medio Oriente. DONA ORA.
La Pace va oltre. Sostieni la speranza.
  
www.insiemepergliultimi.it
#insiemexultimi
#lapacevaoltre 

E puoi donare anche con bonifico o bollettino postale:
BONIFICO BANCARIO
intestato a: FOCSIV Campagna Focsiv-Caritas
IBAN IT87T0501803200000016949398 
C/C POSTALE
n° 47405006 intestato a: FOCSIV

Causale: FOCSIV-CARITAS ITALIANA – Insieme per gli ultimi

23 Set

Master di I livello in Diritto e Politiche delle Migrazioni

23 Set

Nasce a Trento e Rovereto il Master di I livello in Diritto e Politiche delle Migrazioni (DIRPOM). Questo nuovo progetto nasce dalla collaborazione tra la Facoltà di Giurisprudenza, il Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale e il Dipartimento di Psicologia e Scienze Cognitive e si propone di affrontare i temi delle migrazioni globali, dell’accoglienza delle persone, dei percorsi di integrazione, del multiculturalismo e alle dinamiche locali innescate dalla globalizzazione.  Lo farà da una prospettiva interdisciplinare capace di rappresentare e offrire strumenti di lettura e elaborazione della contemporaneità, a partire dalla cornice delle attività promosse dall’International Migration Laboratory (IML), un gruppo di ricerca attivo presso l’Ateneo trentino dal 2018, e intende proporre a destinatari di diversa estrazione uno strumento di formazione interdisciplinare e di aggiornamento sul fenomeno migratorio, nella sua accezione più ampia.

Tutte le informazioni le potete trovare a questo link. Le domande di partecipazione al Master DIRPOM devono essere presentate entro le ore 12.00 del 23 settembre 2022

25 Set

Circolo Climatico

25 Set

A Trento un circolo per condividere emozioni e pratiche in difesa dell’ambiente.

Sono aperte le iscrizioni per la seconda edizione di Circolo Climatico, un progetto proposto dall’associazione Viração&Jangada per permettere ai giovani di confrontarsi sulle emozioni e sulle pratiche quotidiane per affrontare il cambiamento climatico. Dopo tre incontri con esperti di cambiamento climatico, economia solidale e psicologia, i partecipanti si confronteranno “in circolo”, sul modello dei gruppi di auto mutuo aiuto.

In gruppo per affrontare a piccoli passi le sfide legate al cambiamento climatico e per scoprire quali sono i comportamenti “pro-ambientali” che possono essere messi in atto dal singolo. Nasce con quest’obiettivo il progetto Circolo Climatico che, dopo una prima edizione tra maggio e giugno, riparte mercoledì 28 settembre. 

Il progetto è nato a seguito di un confronto portato avanti dall’associazione Viração&Jangada con i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato ad alcuni suoi progetti, tra cui Visto Climatico, grazie al quale più di 100 giovani hanno preso parte alle Conferenze ONU sul Clima.  

Da alcuni studi è emerso inoltre che sempre più giovani soffrono di “eco-ansia”, anche detta “ansia climatica”. La rivista medica “The Lancet”, in particolare, ha pubblicato una ricerca condotta nella primavera 2021, la quale ha rivelato che l’84 per cento dei giovani intervistati (tra i 16 e i 25 anni) prova uno stato cronico di preoccupazione quando si parla di cambiamento climatico. Nel 60 per cento dei casi questa preoccupazione è legata alla percezione negativa delle risposte dei governi di fronte alla crisi a cui stiamo assistendo. 

Circolo Climatico è promosso e co-finanziato dal Piano Giovani di Zona Trento Arcimaga, e organizzato in collaborazione con l'Agenzia Provinciale per la Protezione dell'Ambiente (APPA), con il Museo delle Scienze di Trento (MUSE), con l'Ecosportello Fa' la cosa giusta! Trento, e con Extinction Rebellion, Fridays for Future e Clima 3T. 

Si chiama “Circolo climatico” perché l’idea di fondo è che parlare dei pensieri e delle emozioni in gruppo aiuti a migliorare il livello di benessere mentale e aumenti la motivazione a modificare le proprie abitudini verso uno stile di vita più sostenibile. 

Il progetto si rivolge ai giovani tra i 16 e i 35 anni, ai quali inizialmente saranno forniti degli “strumenti” per comprendere ciò che sta succedendo al Pianeta e delle “tecniche psicologiche” per gestire la preoccupazione che può nascere dalle notizie sul clima, ma anche per incamminarsi verso uno stile di vita più sostenibile. 

Gli incontri si svolgeranno al MUSE il mercoledì dalle 18 alle 20. I primi tre (28 settembre, 5 ottobre e 12 ottobre) saranno condotti con l’aiuto di un esperto in cambiamento climatico, un’esperta di economia solidale e una psicologa, figura chiave dell’intero progetto, perché lo scopo di “Circolo climatico” è proprio quello di offrire uno spazio di condivisione, ascolto e mutuo supporto sul tema delle emozioni climatiche e del loro impatto sulla vita di tutti i giorni, ma anche sulle aspettative future, sul modello dei gruppi di auto mutuo aiuto.  

In una seconda fase, dopo aver acquisito informazioni e tecniche psicologiche, i giovani cercheranno di porsi delle sfide per cambiare le proprie abitudini e i propri stili di vita. Ne parleranno assieme, facilitati da una tutor che li accompagnerà per tutta la durata del progetto, nel corso di tre incontri (19 ottobre, 26 ottobre e 9 novembre) in cui avranno la possibilità di conoscere anche gli attivisti di Extinction Rebellion, Fridays for Future e Clima 3T. Le iscrizioni scadono il 25 settembre (20 posti), e si possono fare andando sul sito di Agenzia di Stampa Giovanile (qui il link).  

Contatti. Email: [email protected]racaoejangada.org - Tel.: 351 621 2100

‹‹ Settembre 2022 ››
L M M G V S D
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Giovedì 1: