Bielorussia, la dittatura di Lukashenko inasprisce i rapporti con l’Ue

Stampa

I dieci difensori dei diritti umani incarcerati – Foto: spring96.org

Martedì 6 settembre Evelina Schulz, incaricata d’affari presso la delegazione Ue in Bielorussia, era presente all’udienza che ha condannato Marfa Rabkova, la coordinatrice della ong per i diritti umani Viasna, a 15 anni per il reato di terrorismo. Uscendo dal tribunale di Minsk, Schulz è stata fermata da alcuni poliziotti e portata nella stazione di polizia centrale. Malgrado avesse mostrato il tesserino diplomatico e il passaporto, Schulz è stata comunque trattenuta fino a sera.

«La detenzione illegale da parte della polizia di Minsk di Evelina Schulz rappresenta un gravissimo episodio e l’ennesima provocazione all’Unione europea del regime di Lukashenko», dice a Osservatorio Diritti Eleonora Mongelli, della Federazione italiana per i diritti umani (Fidu).

Il portavoce dell’ufficio diplomatico dell’Ue, Peter Stano, ha chiesto di ridurre la presenza dei delegati bielorussi fino a che il presidente Alexander Lukashenko non avrà chiarito i motivi del fermo.

Bielorussia: la dittatura di Lukashenko processa (ancora) gli attivisti

Il processo che stava seguendo di persona Schulz era stato aperto contro dieci difensori dei diritti umani incarcerati da oltre 2 anni a seguito delle proteste di piazza dell’agosto 2020. Marfa Rabkova era in carcere dal 17 settembre 2020, dopo essere stata prelevata da casa sua all’alba. Insieme a lei sono stati condannati Akihiro Haeuski-Hanada, Alyaksandr Frantskevich, Alyaksei Galauko, Alyaksandr Kazlyanka, Pavel Shpetny, Mikita Dranets, Andrei Marach e Daniil Chul, sempre di Viasna, con pene da 3 a 15 anni.

Rabkova è stata giudicata colpevole di vari reati, tra cui «aver organizzato, preso parte e addestrato altre persone a partecipare a rivolte di massa», «aver incitato all’odio sociale nei confronti del governo» ed «essere coinvolta in un’organizzazione criminale», azioni commesse come attivista di Viasna che da anni si occupa di denunciare i soprusi della dittatura. Stessi reati che hanno portato a 6 anni di carcere per il difensore Andrei Chapyuk...

Segue su Osservatoriodiritti.it

Ultime notizie

Energia: l'alternativa c’è? - #Diventaregreen

01 Dicembre 2022
“Guardiamo all'energia del futuro, non a quella del passato”. Un’intervista ad Arturo Lorenzoni. (Alessandro Graziadei)

Iran: il colpo in canna è italiano. Parlamentari e associazioni chiedono spiegazioni

30 Novembre 2022
Tornano le cartucce della italo francese Cheddite sulla scena di altre repressioni. Questa volta nella Repubblica islamica. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Giochi olimpici e paralimpici invernali 2026: ancora cemento

30 Novembre 2022
Il mantra “Olimpiadi uguale fondi, quindi sviluppo” appare essere il classico specchietto per le allodole. (Lucia Michelini)

Diventare “green” - #Diventaregreen

29 Novembre 2022
La transizione ecologica individuale, diventare “green” è un lusso che pochi si possono permettere. (Raffaele Crocco)

Angelo Righetti: «Il desiderio di esclusione non diventi pratica di esclusione»

28 Novembre 2022
È matto perché è pericoloso ed è pericoloso perché è matto: è la grande tentazione da evitare quando si parla di salute mentale, anche decenni dopo Basaglia. (Vita)