Una poltrana per due in Libia: chi vuole veramente il potere