Nepal: centinaia di arresti di attivisti democratici

Stampa

Manifestanti arrestati in Nepal - da Asia News

Al primo giorno di sciopero generale chiesto da sette partiti d'opposizione, uniti in una alleanza a favore della democrazia, le forze di sicurezza hanno arrestato più di 1500 persone che manifestavano in modo pacifico. Le opposizioni volevano scioperare per quattro giorni dal 6 al 9 aprile, per protestare contro la politica di re Gyannedra. La maggior parte degli attivisti politici arrestati appartiene al Partito comunista nepalese, che è stato il tradizionale rivale della guerriglia maoista, con cui invece ora ha consolidato buoni rapporti - riporta Asianews. Amnesty International ha sollecitato oggi il governo del Nepal a fermare l'ondata di arresti in corso nei confronti di attivisti politici ed esponenti della società civile e a rilasciare immediatamente tutte le persone arrestate per l'espressione pacifica delle proprie idee politiche.

"Prendere di mira i dirigenti dell'opposizione politica pacifica è non solo errato, ma anche pericoloso. Comprimere gli spazi per svolgere una legittima azione politica accresce i rischi di violazioni dei diritti umani e di un confronto violento" - afferma Amnesty International. Secondo la stampa nepalese, nelle ultime 48 ore sono state arrestate centinaia di persone. Altri arresti potrebbero seguire a breve, poiché l'opposizione politica ha proclamato uno sciopero nazionale di quattro giorni e indetto una serie di proteste che avrevvero dovuto culminare in una manifestazione il 9 aprile, nella capitale Kathmandu, dove il governo ha già imposto il divieto di dimostrazioni pubbliche.

Meena Ghimire, avvocato e attivista per il rispetto dei diritti umani, ha detto ad AsiaNews di essere delusa dal fatto che la polizia abbia arrestato persone che protestavano in modo pacifico. "Nulla lasciava pensare che la manifestazione potesse sfociare nella violenza", ha dichiarato. "Tuttavia gli uomini dell'esercito li hanno arrestati. Ciò non è di buon auspicio per la pace e la stabilità del Paese. Penso che il re voglia dare vita ad un periodo di terrore, come ha fatto dal febbraio 2005 quando ha preso il potere". "Il re vuole una legislazione ancora più rigida - continua - è l'unica spiegazione ad un numero così alto di arresti. L'esercito è in pratica dappertutto. Potrebbero con facilità contenere ogni forma di violenza. Ma loro arrestano i contestatori pacifici con il solo scopo di causare proteste violente e avere una giustificazione per proclamare l'emergenza".

Intanto nel Paese la vita sembra essersi fermata. Sulle strade della capitale e delle altre città non circolano veicoli, se non quelli della polizia e dell'esercito. "A peggiorare la situazione va ricordato che gli arresti coincidono con la festa indù di "Lord Rama", che si celebra il 6 ed il 7 aprile", ha ricordato Pawan Pathak, uno studioso indù. "Durante questo festival quasi ogni famiglia indù osserva riti speciali e prega in tempi pubblici o a casa. Ma la repressione ha paralizzato la vita nel Paese e rovinato anche la festa". Pathak ha aggiunto che anche i partiti politici che hanno organizzato gli scioperi "potevano aspettare due giorni per permettere alla gente di festeggiare la ricorrenza, o aspettare fino il 9 aprile. Ma anche questi partiti politici hanno perso il senso di responsabilità e pensano solo alla lotta per il potere politico". Lo studioso indù ha poi rimproverato al governo di aver gettato benzina sul fuoco, e ha contestato il fatto che il governo abbia vietato ai trasportatori privati di guidare e poter accompagnare i manifestanti a Kathmandu e nelle altre maggiori città. "Questa misura del governo ha di fatto imprigionato le persone nelle loro case. Questo è assurdo. Sia il governo che i partiti politici sono colpevoli di non proteggere le persone innocenti e pensare solo ai loro interessi".

Ultime notizie

L’inquinamento dell’acqua si misura a mercurio (ma senza termometro)

20 Maggio 2019
Oltre 280.000 mila firme raccolte per proteggere l’acqua in Argentina. (Anna Molinari)

Maestri cestai: dietro le sbarre l’arte di lavorare gli intrecci

19 Maggio 2019
Antonella Mannarino e Caterina Mirarchi da 7 anni curano un laboratorio nel carcere di Catanzaro dove si recupera un lavoro artigianale. (Giovanna Maria Fagnan)

Sandokan e i migranti della Malesia

18 Maggio 2019
L'immigrazione pone sfide che tanti Paesi si trovano a dover affrontare; in Europa siamo molto concentrati a guardare il nostro ombelico, ma cosa succede altrove? (Novella Benedetti)

Sudafrica ed elezioni: vince (ma cala) l'Anc

17 Maggio 2019
Il partito di governo guidato da Ramaphosa conquista il 57,5% delle preferenze, ma frena di 4,5 voti percentuali rispetto al 2014. Bene la sinistra con l’Economic Freedom Fighters che arriva quasi...

In Messico è altolà ai narcos

17 Maggio 2019
Il neo presidente del Messico lavora per una riduzione della violenza dei narcotrafficanti. (Miriam Rossi)