CRIS, Communication Rights in the Information Society

Stampa

Lo slogan di CRIS sta nel titolo e nella "mission", che può essere sintetizzata così: "La nostra visione della società dell'informazione si fonda sul diritto a comunicare, come mezzo per sostenere i diritti umani e rafforzare la vita delle persone e delle comunità, da un punto di vista sociale, economico e culturale."

Promossa a livello internazionale da:
Platform for Communication Rights (Convenor); ALAI, ALER, APC, AMARC, CAMECO, CCNS, EED International, ECCR, FEMNET, GlobalCN, IWTC, IPS, MediaChannel, PANOS London, Les Penelopes, People's Communication Charter, RITS, VECAM, WACC. Singoli promotori: Michael Eisenmenger, Regina Festa, Margaret Gallagher, George Gerbner, Bruce Girard, Alfonso Gumucio-Dagron, DeeDee Halleck, Cees Hamelink, Mike Jensen, Wolfgang Kleinw㤀chter, Robert McChesney, Kaarle Nordenstreng, Seán 㓀 Siochrù, Claudia Padovani, Marc Raboy, Bob Scott, Sara Stuart

Le sue ragioni
CRIS è l'acronimo di Communication Rights in the Information Society, tradotto in italiano: Diritti di comunicazione nella società dell'informazione. Il sottotitolo della Campagna italiana è Accesso ai saperi e diritto a comunicare. La campagna CRIS è stata lanciata nel novembre 2001 come una iniziativa della Piattaforma per il diritto a comunicare, un luogo di incontro fra organizzazioni nongovernative internazionali che operano nell'ambito dei media per il mutamento sociale e della comunicazione alternativa. L'occasione per rinvigorire gli sforzi messi in campo dalla Piattaforma sui temi dell'informazione e della comunicazione è stata fornita dall'annuncio che un Summit delle Nazioni Unite sulla Società dell'Informazione si sarebbe svolto a fine 2003.

I suoi obiettivi
Gli obiettivi generali della Campagna sono essenzialmente due:
sensibilizzare l'opinione pubblica alle problematiche sollevate dagli sviluppi della società dell'informazione; creare consapevolezza sulle implicazioni sociali, culturali e politiche delle trasformazioni in atto e stimolare il dibattito pubblico su questi temi;
influire direttamente sul processo del World Summit on the Information Society, che si svolgerà a Ginevra nel Dicembre 2003 e a Tunisi nel 2005, favorendo l'ampliamento dell'agenda del summit in riferimento ai temi di interesse dei promotori della campagna.
Fra le problematiche individuate, che si trasformano in obiettivi di lungo periodo per la Campagna:
rafforzare il dominio pubblico, assicurando che l'informazione e la conoscenza siano effettivamente al servizio dello sviluppo umano;
assicurare un accesso economicamente sostenibile e un uso effettivo delle reti elettroniche nel contesto dello sviluppo, ad esempio attraverso una regolamentazione innovativa e significativa e l'investimento pubblico;
assicurare ed estendere i beni comuni globali, per le trasmissioni e le telecomunicazioni, per assicurare che questa risorsa pubblica non venga venduta a privati;
istituire una governance trasparente e democratica della società dell'informazione dal livello locale fino a quello globale;
controllare le forme di sorveglianza e di censura, siano esse di natura governativa o commerciale;
sostenere i media di comunità, sia media tradizionali che nuovi media.
Quattro sono le tematiche cui la Campagna ha deciso di dare priorità nel prossimo futuro, in relazione agli sviluppi della società dell'informazione e della comunicazione:
le questioni legate alla sicurezza nella società dell'informazione (nell'uso delle tecnologie, nella garanzia della privacy dei cittadini e della libertà di espressione ⅀);
il pluralismo dei mezzi di informazione e la diversità culturale;
i diritti di proprietà intellettuale e le politiche relative, a livello nazionale e internazionale;
il tema dell'accesso (alle tecnologie ma anche all'informazione e alla conoscenza) come tema trasversale a tutti i precedenti e direttamente collegato alle dinamiche del mutamento sociale.

Le sue modalità
La Campagna CRIS internazionale è strutturata in gruppi tematici e iniziative nazionali o regionali, con il coinvolgimento di diversi partecipanti nel processo del Summit. Oltre a gestire il sito www.crisinfo.org, dove sono disponibili indicazioni sulle modalità di partecipazione e sostegno alla Campagna, CRIS elabora materiali informativi e di discussione, organizza seminari di approfondimento a livello locale e internazionale, sviluppa iniziative nazionali e regionali. A livello nazionale si vanno costituendo capitoli di CRIS (Bolivia, Italia, area asiatica) o piattaforme nazionali (Svizzera, Germania) che promuovono iniziative fondate su principi condivisi con la Campagna e coinvolgono una pluralità di organizzazioni e associazioni della società civile. Ciascun capitolo nazionale definisce le proprie priorità tematiche, in sintonia con le quattro tematiche su cui la Campagna internazionale si concentra; opera per diffondere l'informazione e sviluppare materiali e canali di comunicazione, diffonde materiali tradotti della Campagna e utilizza il "logo" di CRIS per connettersi alla mobilitazione internazionale.

I suoi risultati
Nel corso del primo anno di vita CRIS ha operato prevalentemente per influire sul processo preparatorio del Summit, in particolare per promuovere il riconoscimento e la partecipazione della società civile nel processo intergovernativo. Oltre a questo la Campagna ha organizzato seminari e incontri (in particolare in America latina e Asia) e ha partecipato ad incontri (il Forum Sociale Mondiale di Porto Alegre e il Forum Europeo di Firenze) che hanno favorito l'estendersi della rete di associazioni interessate o coinvolte con la Campagna stessa. Ora CRIS sta concentrando le proprie energie sulla ristrutturazione a livello internazionale, sullo sviluppo dei capitoli nazionali e sull'organizzazione, in parallelo con il Summit di Ginevra e in partnership con molte altre realtà della società civile, di un Summit sui Diritti di Comunicazione, che si svolgerà a Ginevra nello stesso spazio che ospiterà il WSIS e negli stessi giorni. La finalità di questo Communication Rights Summit è portare l'attenzione e il dibattito pubblico su di una serie di tematiche cruciali che saranno presumibilmente marginalizzate nell'ambito del processo ufficiale del Summit organizzato dalle Nazioni Unite. CRIS non ha un testimonial "famoso". La Campagna si fonda sulla partecipazione di persone con grande esperienza delle dinamiche della politica internazionale, nella prospettiva della società civile, come pure si avvale di significativi contributi scientifici e di alcune fra le competenze riconosciute a livello mondiale sui temi dei diritti di comunicazione. CRIS opera e ragiona nell'ottica del pluralismo e ha diversi portavoce, (che sono anche membri del Segretariato esecutivo: Randy Naylor, Pradip Thomas, Karen Banks, Sean O'Siochru e Myriam Horngren) ma riconosce il valore della pluralità di voci che si organizzano a livello nazionale sui temi di comune interesse. In Italia la discussione in previsione dell'apertura di un capitolo nazionale si è svolta in occasione del Forum Sociale Europeo di Firenze. Le organizzazioni promotrici sono: Unimondo, Fondazione Fontana, Carta. Si stanno definendo le possibilità di coinvolgimento di numerose altre associazioni e gruppi interessati, con la partecipazione di docenti e studenti di varie università, fra le quali quelle di Padova e Bologna. Negli incontri preparatori all'apertura della Campagna in Italia si sono accolti come prioritari tutti e quattro i temi individuati dalla Campagna internazionale, si è iniziato ad individuare i possibili partner per un ampliamento della Campagna in Italia e per le realizzazione di iniziative di interesse comune e si è discusso di come rapportarsi alla Task Force che il governo italiano ha costituito in previsione del Summit di Ginevra. La discussione è aperta, mentre si va predisponendo il sito italiano della campagna - - e si elabora il calendario per le prossime iniziative.

CRIS a Civitas
CRIS a Civitas ha contribuito alla realizzazione di una delle Conferenze internazionali organizzate nell'ambito del World Social Agenda sui temi della comunicazione (3 maggio 2003, ore 17). CRIS interverrà in quella sede per presentarsi pubblicamente e diffondere informazioni circa la proprie finalità e iniziative a livello internazionale, in relazione al WSIS di Ginevra. Inoltre sarà organizzato un laboratorio (4 maggio 2003, ore 15) per far conoscere il capitolo italiano della Campagna e soprattutto per promuovere il coinvolgimento di diverse organizzazioni nella preparazione del Communication Rights Summit di dicembre.

Per maggiori informazioni www.crisinfo.org

Ultime notizie

Il vino della pace nella cantina dove lavorano cristiani e musulmani

19 Ottobre 2019
A Betlemme in Palestina i salesiani hanno aperto l’azienda viti-vinicola per avvicinare i popoli. (Luciano Ferrero) 

“Il luogo più simile al Tibet che esista in Europa”

19 Ottobre 2019
Così Fosco Maraini, il grande etnografo ed esploratore italiano, definì l’altopiano di Castelluccio negli anni trenta. (Matthias Canapini)

Imboscate e petroliere in fiamme: lo Yemen senza tregua

19 Ottobre 2019
L'incubo della “guerra per procura” yemenita non sembra conoscere fine, né il suo dramma umanitario avere un minimo di sollievo. (Michele Focaroli)

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti