Cluster bombs: c'è l'accordo sul Trattato per la messa al bando

Stampa

Munizioni cluster inesplose in Afghanistan

I delegati di 109 paesi riuniti a Dublino hanno raggiunto un accordo sul testo del Trattato per la messa al bando delle bombe a grappolo ("cluster bomb"). Lo ha annunciato ieri sera la portavoce del governo irlandese che ha precisato che "Il testo ha avuto l'assenso di tutti i delegati". Con due giorni di anticipo rispetto al programma, i diplomatici alla Conferenza di Dublino hanno concordato nella forma e nella sostanza il testo del Trattato che, secondo le anticipazioni diffuse da fonti di agenzia internazionali riportate dalla Misna, prevede che ogni stato firmatario si impegni a non usare "in alcuna circostanza" le cosiddette cluster bombs, né a produrre, acquistare, conservare o trasferire a chiunque, direttamente o indirettamente questi tipo di armi.

L'accordo impegna i paesi firmatari a provvedere all'assistenza delle vittime e alla bonifica delle aree interessate e prevede anche la distruzione degli arsenali nel giro di otto anni, ma lascerebbe però la possibilità di impiego di bombe a grappolo più piccole di nuova generazione, in grado di colpire gli obiettivi con maggiore precisione e provviste di un sistema di autodistruzione. L'ultima bozza del trattato permette ai Paesi aderenti al Trattato di continuare a cooperare nel settore della difesa con i Paesi non firmatari. Tra i maggiori produttori di cluster bombs Stati Uniti, Russia, Israele, Cina, India e Pakistan non hanno partecipato al "processo di Oslo" che ha la sua fase finale proprio nella Conferenza di Dublino.

L'intesa è stata raggiunta prima del previsto dopo l'annuncio del governo di Londra che ieri si è detto pronto a bandire le bombe a grappolo in possesso delle sue forze armate, incoraggiando l'approvazione di un trattato internazionale vincolante in materia, sulla falsariga del Trattato di Ottawa adottato nel 1997 per la messa al bando delle mine anti-persona. Il Foreign Office ha dichiarato che il Primo Ministro britannico Gordon Brown ha sostenuto con forza il Trattato. In serata fonti governative hanno reso nota l'intenzione del governo Brown di estendere il bando anche alle basi Usa in Gran Bretagna non permettendone lo stoccaggio. La decisione sarebbe stata presa nonostante la contrarietà del Ministero della Difesa. Il governo di Gordon Brown sarebbe comunque disponibile a liberare da subito gli arsenali delle M85, mentre per le M73 sarebbe necessario un periodo di "rimozione progressiva".

La decisione del Primo ministro inglese Gordon Brown di sostenere con forza il trattato per la messa al bando delle cluster bombs è stata accolta con grande soddisfazione dalla società civile. "È sicuramente una svolta estremamente positiva, da parte di un governo che in passato era sempre stato recalcitrante e che possiede vasti stock di questi ordigni" - ha commentato all'agenzia Misna Giuseppe Schiavello, direttore della Campagna italiana contro le mine, contattato dalla Misna a Dublino dove ha seguito i lavori della Conferenza internazionale. "Si tratta di un'apertura importantissima, ora siamo più fiduciosi sulle conclusioni di questo vertice e ci aspettiamo un trattato che possa far passare i diritti umani in primo piano" - ha aggiunto Schiavello. Nei giorni scorsi le campagne avevano espresso timori sulla buona riscita del Trattato e protestato per le 'fuorvianti pressioni' degli Stati Uniti, pur non presenti alla Conferenza, sui delegati riuniti a Dublino. "E' una grande sconfitta per l'amministrazione Bush" - ha commentato Steve Goose di Human Rights Watch. "Questa Conferenza sta per produrre un trattato forte che mette al bando le cluster munitions e non c'è niente che la Casa Bianca possa fare per contrapporsi".

Intanto in Italia, il Senato ha approvato all'unanimità un ordine del giorno bipartisan che chiede al Governo di assumere - nell'ambito della Conferenza di Dublino - una posizione "favorevole alla messa al bando di questi ordigni e di sviluppare un'adeguata azione diplomatica per coinvolgere in tal senso la comunità internazionale nell'adozione di uno strumento giuridicamente vincolante che proibisca la produzione e l'impiego di tali munizioni". Il provvedimento è stato varato con un consenso unanime registrato dal primo voto elettronico della legislatura: i sì sono stati 269, un contrario e uno astenuto ma entrambi questi senatori hanno spiegato che si è trattato di un errore nel voto. Maggioranza e opposizione hanno raggiunto un'intesa sul testo, le due mozioni che erano state presentate sono state ritirate ed è nato un unico ordine del giorno a firma della senatrice democratica Roberta Pinotti e del senatore del Pdl, Giampiero Cantoni. L'approvazione all'unanimità è stata salutata con viva soddisfazione dal Presidente del Senato, Renato Schifani che ha sottolineato come "per le loro caratteristiche le bombe a grappolo possono arrecare danno diretto alla popolazione civile ledendo le norme di un diritto internazionale autenticamente umano".

Secondo la 'Cluster Munition Coalition' (Cmc), solo gli Stati Uniti possiedono tra i 700 e gli 800 milioni di bombe a grappolo: ogni bomba può contenere fino a 650 sub-munizioni che, in base alle ricerche più accreditate, vengono disseminate per un raggio di diverse centinaia di metri e fino al 40% restano inesplose e pronte a detonare sul terreno e le cui vittime sono per almeno il 60% dei casi i bambini. [GB]

Le Cluster bombs nel mondo:
- Tabella di HRW (in .pdf)
- Mappa delle cluster stoccate nel mondo

Il commento della Campagna italiana contro le mine -

"Un grande risultato, il migliore che si potesse ottenere in questo momento, considerate anche le pressioni negative esercitate dagli Stati Uniti. E' decisamente soddisfatto Giuseppe Schiavello, direttore della Campagna italiana contro le mine - che fa parte della più vasta coalizione mondiale Cluster Munition Coalition' (Cmc) - contattato dalla MISNA all'indomani dell'approvazione della bozza di testo da parte di un centinaio di paesi riuniti a Dublino (Irlanda) per formalizzare un trattato internazionale sulla messa al bando delle bombe a grappolo.

Una soddisfazione condivisa dalla maggior parte delle organizzazioni impegnate nella lotta contro le armi, umanitarie, ma anche religiose, come il Consiglio ecumenico delle Chiese (Cec) che in una nota diffusa in serata si dice "incoraggiato" dalla decisione adottata da molti governi e spera che altri paesi, tra quelli che non hanno partecipato alla conferenza, possano cambiare idea quando il testo sarà aperto alla firma tra alcuni mesi a Oslo.

"Ottimo", secondo Schiavello, è l'articolo dedicato all'assistenza delle vittime "che prende in esame tutti gli aspetti, senza trascurare l'assistenza alle famiglie, alle comunità, il lavoro delle organizzazioni e racchiude molte esperienze acquisite dalla firma del Trattato di Ottawa" per la messa al bando delle mine, entrato in vigore il 1° marzo 1999. Soddisfacente la cancellazione dell'articolo sulla 'transizione', ovvero un periodo da 8 a 12 anni richiesto da alcuni stati per cominciare ad applicare il testo. Ugualmente soddisfacente, "anche se gli attivisti lo avrebbero voluto più restrittivo", l'articolo sull'interoperabilità, ovvero il divieto per i firmatari di usare le 'cluster bombs' nelle operazioni congiunte o nel caso di intervento in supporto ad altre nazioni.

"Ma l'impegno non finisce qui - sottolinea il direttore della Campagna contro le mine - bisogna ancora firmare il testo e poi ratificarlo. E all'impegno morale deve seguire un impegno concreto, accompagnato da mezzi finanziari. Nel caso italiano, alle dichiarazioni d'impegno non sempre hanno corrisposto i fatti, se si considera la riduzione ai minimi termini del Fondo per lo sminamento umanitario istituito con la legge 58".
(Fonte: MISNA)

Commenti delle Campagne internazionali:

- Giuseppe Schiavello (Campagna mine): Intervista a Vita
- Amnesty International: Momento storico per il disarmo

- Cluster Munition Coalition: Commento agli articoli del Trattato (in inglese)
- Cluster Munition Coalition: "Groundbreaking treaty banning cluster bombs agreed"

- Human Rights Watch: "US: Defeat at Clusters Parley"
- Red Cross International: "Cluster Munitions: Convention a major step forward for the protection of civilians"
- World Council of Churches: "Churches applaud cluster munitions agreement, expect more states to join"

Ultime notizie

Ecuador: la vittoria degli indigeni non convince

17 Ottobre 2019
È finita la violenza ed è tornata la pace. Almeno fino alla stesura del prossimo decreto. (Marco Grisenti

Elezioni in Tunisia: un presidente post ideologico

16 Ottobre 2019
Sono molte le incognite scaturite dal voto per l’Assemblea legislativa e per il presidente. (Ferruccio Bellicini)

Commissione Europea, una partenza in salita

15 Ottobre 2019
Tre commissari non hanno superato l’esame del Parlamento Europeo: ragioni e conseguenze. (Matteo Angeli)

Il principe assassino di Khashoggi a rischio regno ricatta col petrolio

14 Ottobre 2019
Trump impone il silenzio, un anno dopo non c’è giustizia per Khashoggi, il giornalista saudita assassinato e fatto a pezzi nel consolato dell’Arabia Saudita a Istanbul. Guerra del golfo a perdere p...

Il Senegal ha sete

14 Ottobre 2019
La crisi idrica causata da un ritardo della stagione delle piogge e le anomalie della produzione di biomassa mettono in ginocchio il nord del Paese africano. (Lucia Michelini)