Note legali

Stampa

Dal 22 giugno 2006 Unimondo è testata giornalistica registrata presso il Registro stampe del Tribunale di Trento (n. 1297).

Ove non diversamente specificato, i materiali contenuti in questo sito sono liberamente riproducibili per uso personale, con l'unico obbligo di citare la fonte, non stravolgerne il significato e non utilizzarli a scopo di lucro.

Unimondo declina ogni responsabilità sul contenuto dei siti esterni riportati o recensiti per completezza d'informazione nel portale. Il contenuto degli articoli firmati da esperti viene pubblicato sotto la diretta responsabilità degli autori stessi.

Per ogni azione che rischi di ledere gli interessi di Unimondo o che contrasti con i suoi principi ispiratori, abusando o malinterpretando intenzionalmente i contenuti pubblicati nel sito, qualora leda i suoi valori e gli interessi propri e pubblici, in mancanza di alcuna comunicazione e conseguente autorizzazione, Unimondo procederà ad adire le vie legali.

Per ulteriori informazioni contattare:
Fabio Pipinato
Direttore di Unimondo
c/o Fondazione Fontana
via Herrsching, 24 int.3
38123 Ravina - Trento
Tel. 0461-390092
Fax 0461-398753
Email: fabio.pipinato[@]fondazionefontana.org

Ultime notizie

Agua limpia, por favor

23 Gennaio 2019
Le radici dell’acqua – o della sua mancanza. (Anna Molinari)

La primavera araba e l'inverno di Tunisi

22 Gennaio 2019
A scendere in piazza non sono stati i giovani ma i meno giovani, i tutelati, gli organizzati, coloro che “sanno stare assieme” sotto l'ombrello del potente sindacato UGTT. (Fabio Pipinato)

Disabili e mobilità europea: una storia in costruzione

21 Gennaio 2019
Dati e volti del progetto Erasmus con i disabili come partecipanti. (Miriam Rossi)

Processi sommari e pena di morte: così ci si sbarazza delle "donne dell'Isis"

21 Gennaio 2019
Medio Oriente. Il duro prezzo pagato dalle mogli dei miliziani islamisti nei tribunali di Iraq e Siria del nord. Almeno 4.500 le donne arrivate da tutto il mondo. Solo una minima parte di...

L'angelo Zeal gira negli ospedali per liberare pazienti «prigionieri»

20 Gennaio 2019
In 30 Paesi del mondo le strutture sanitarie si trasformano in centri di detenzione quando i malati non possono pagare. In Nigeria un cittadino li salva. (Michele Farina)