19 Ottobre

Io faccio la spesa giusta!

wordpress.com

Tortino di cime di rapa con cous cous; oppure involtini di melanzane con quinoa. Sono solo alcune delle oltre cento ricette che si possono degustare durante la settimana per il commercio equo e solidale, che tutti gli anni viene organizzata all'interno dell'iniziativa Io faccio la spesa giusta!

La settimana promuove, su scala nazionale, il commercio equo e, quindi, il consumo critico.

Per commercio equo e solidale si intende una partnership commerciale fondata sulla trasparenza e il rispetto dei diritti dei lavoratori, per la creazione di condizioni di maggiore equità sui mercati internazionali. Il fine è di assicurare miglior condizioni commerciali e lavorative per i piccoli produttori e commercianti del sud del mondo, spesso esclusi dai circuiti commerciali classici.

Attraverso un consumo critico e consapevole, il consumatore può scegliere di acquistare quei prodotti che provengono appunto dal circuito del commercio equo. Si possono riconoscere perché sono marcati col logo del Fairtrade.

La settimana si sviluppa attraverso incontri, banchetti informativi, degustazioni, promozioni presso i supermercati e nelle librerie, così come cene a tema che aderiscono all'iniziativa.

Cosa fare oggi?

Procurati il ricettario del commercio equo e solidale

Accadde oggi:

  • 1956: nasce Carlo Urbani, medico italiano. Fu la prima persona a identificare e classificare la Sindrome Respiratoria Acuta Grave (SARS), la malattia al centro dell'epidemia esplosa in estremo oriente nel 2002. È stato Presidente della sezione italiana di Medici Senza Frontiere.
  • 1979: in Italia il primo sciopero dei controllori di volo porta alla nascita dell'ENAV, la società responsabile della fornitura dei servizi di assistenza al volo sul territorio italiano.
  • 1986: muore Samora Machel, politico mozambicano, leader del movimento socialista Fronte di Liberazione del Mozambico e primo Presidente del Mozambico indipendente. Morì a causa di un incidente aereo le cui cause sono tutt'oggi controverse, anche se diverse fonti hanno sollevato il sospetto che il regime del Sudafrica fosse coinvolto.

19 Ottobre nel mondo

  • Niue: giorno della costituzione, in onore dell'indipendenza nazionale
  • Liechtenstein: nascita dello stato, 1813

Carlo Urbani

Ridolfo.it

Ridolfo.it

La figura del medico italiano è legata inscindibilmente al suo impegno contro la SARS, la sindrome di polmonite atipica, da lui identificata per primo come una nuova malattia, che tuttavia egli contrasse stando vicino ai pazienti, e che lo portò alla morte. Ma Carlo Urbani (1956-2003) spese tutta la sua vita per il miglioramento delle condizioni sanitarie dei paesi poveri, in particolare lottando contro le malattie parassitarie, curabili ma prima causa di morte a motivo dell’impossibilità di accedere ai farmaci. Attivo fin da giovane in associazioni di volontariato e di cooperazione internazionale come Mani tese, Unitalsi e la Fondazione Ivo de Carneri Onlus del quale è stato membro del comitato scientifico fin dalla nascita della Fondazione (1994), dopo essersi specializzato in malattie tropicali e aver esercitato la professione medica in Italia, nel 1993 entrò in Medici senza frontiere operando dal 1996 al 2000 in Cambogia. Nello stesso anno fu lui a ritirare a Oslo il premio Nobel per la pace assegnato all’organizzazione. Impegnato anche con l’OMS venne inviato nel 2000 in Vietnam per monitorare le malattie parassitarie nel pacifico occidentale: tre anni dopo proprio li troverà la morte. Fino all’ultimo Urbani lavorò per dare dignità all’uomo diventando così una vera incarnazione dell’ideale umanitario del medico.

Per approfondire.

Diventa fan di Unimondo su Facebook

Il testo è riproducibile in parte o in toto da tutti i media italiani citando la fonte e dandone comunicazione a Unimondo.
Se il lettore nota carenze od omissioni può scrivere a [email protected] Le descrizioni dei personaggi qui riportate sono state rese possibili grazie al sostegno della Provincia Autonoma di Trento (PAT).
Il tutto è stato raccolto in un opuscolo edito dalla PAT dal titolo "Una persona un giorno".