31 Marzo

Pubblicità che ingrassa

grano.energiefuturo.eu

L’obesità non è solo una questione estetica. È una malattia, sempre più diffusa, che può generare complicazioni per la salute: cardiovascolari, tumori e diabete. Ne sono affetti sempre più bambini che hanno altissime possibilità di rimanere obesi anche in età adulta, con conseguenze sociali ed economiche.

Proprio pensando ai più piccoli, la campagna contro l’obesità infantile riflette sull’influenza della pubblicità nelle abitudini alimentari quotidiane. Esiste infatti un marketing aggressivo, spesso ingannevole, fatto di prodotti colorati, ricorso a personaggi famosi, richiamo a prestazioni mirabolanti, che cattura con facilità l’attenzione dei bambini. Per citare un esempio, molte merendine, snack, o cereali, sono proposti nelle pubblicità come alimenti sani, fatti coi prodotti di una volta, che consentono di affrontare con energia la giornata. Si crea così una mentalità comune che porta a ritenere come una colazione sana e nutriente possa prescindere da prodotti essenziali come il latte e la frutta, poiché la merendina (che equivale a zuccheri, grassi, acidi, coloranti, conservanti) garantisce una giusta alimentazione.

Alcune campagne chiedono, quindi, che venga posto un freno a tale marketing aggressivo ed ingannevole. In particolare, varie associazioni di consumatori hanno fatto appello ai governi per l’adozione in sede OMS di un Codice internazionale di autoregolamentazione sul marketing di alimenti e bevande destinate ai più piccoli.

Cosa fare oggi?

A colazione, prova un bel frullato di frutta di stagione!

Accadde oggi:

  • 1872: nasce Aleksandra Michajlovna Kollontaj, attivista russa, la prima donna nella storia ad ottenere l'incarico di ministro e di ambasciatrice. Si batté in contrasto con il governo bolscevico, sino ad ottenere il diritto di voto, all'istruzione e all'assistenza di maternità per le donne.
  • 1920: nasce Bella Abzug, attivista ebrea-statunitense, leader del movimento femminile e attiva a difesa dei diritti degli omosessuali e a supporto del movimento sionista.
  • 1984: viene uccisa in un agguato mafioso Renata Fonte, assessore al Comune di Nardó (Lecce) che si era battuta contro la speculazione edilizia nel leccese.
  • 2005: muore negli USA Terri Schiavo, dopo 15 anni di coma vegetativo e l’interruzione, qualche settimana prima, dell’alimentazione artificiale ottenuta dal marito tramite tribunale. L’evento ha suscitato un grande dibattito in tutto il mondo.

31 Marzo nel mondo

  • Malta: giorno della libertà

Bella Savitski Abzug

Famouslikeme.com

Famouslikeme.com

La figura di questa avvocatessa che, in anni difficili della storia americana, aprì uno studio privato solamente femminile anche per difendere i neri nel Sud segregazionista, viene ricordata come una delle più assertive combattenti per i diritti delle donne e delle minoranze. Nata nel 1920 a New York da famiglia ebraica, nel dopoguerra, dopo aver conseguito la laurea in giurisprudenza, cominciò la sua attività forense nel 1947 impegnandosi contemporaneamente in numerosi centri di attivismo femminile e schierandosi, negli anni successivi, contro la guerra in Vietnam e per il movimento dei diritti civili. Persuasa che il posto migliore della casa dove la donna deve stare è la Camera dei rappresentanti, cioè il Parlamento. Così dal 1970 al 1976 Bella Abzug divenne deputata e guidò l’ala più liberal dei democratici riuscendo a fare approvare una legge contro le discriminazioni sessuali. Al termine della sua carriera politica continuò ad interessarsi dei diritti umani a livello delle Nazioni Unite e del processo di pace tra israeliani e palestinesi.

Per approfondire.

Diventa fan di Unimondo su Facebook

Il testo è riproducibile in parte o in toto da tutti i media italiani citando la fonte e dandone comunicazione a Unimondo.
Se il lettore nota carenze od omissioni può scrivere a [email protected] Le descrizioni dei personaggi qui riportate sono state rese possibili grazie al sostegno della Provincia Autonoma di Trento (PAT).
Il tutto è stato raccolto in un opuscolo edito dalla PAT dal titolo "Una persona un giorno".