I progetti di Francis: una banca etica della diaspora africana e non solo

Stampa

Francis Sietchiping - Foto da Mba.sdabocconi

Francis Nzepa Sietchiping. Camerunese. 39 anni. Sposato con una dottoressa italiana. Due figli. Gastroenterologo con lode all’Università di Perugia ed un master in Business administration alla Bocconi di Milano. Manager di un’azienda farmaceutica è, ora, in “congedo di paternità” per stare vicino per sei mesi alla seconda nata. Volontario per l’Associazione Medici Volontari di Milano per assistere i clochard del capoluogo lombardo. Non ha la cittadinanza italiana ma il permesso di soggiorno. La prima, per contorte “relazioni internazionali”, l’obbligherebbe a perdere la cittadinanza camerunese, cosa di cui non può permettersi.

Francis è ideatore di una “banca etica” della diaspora africana. Trattasi di una banca di microcredito con direzione generale a Milano e filiali in 5 capitali africane per dare agevolazioni in Italia, favorire rimesse a costi più contenuti e dare microcredito a comunità di 5 paesi africani. Insomma, 3 piccioni con 1 fava. Il progetto è stato voluto da 5 studenti bocconiani e diverse elite di comunità africane presenti in Italia: Camerun, Costa d’Avorio, Senegal, Ghana, Mali. Per costituire tale banca si sono ispirati ai valori fondanti della nostra Banca Etica.

Presente a Perugia per convincere le Acli di esser della partita. Francis, infatti, ha conosciuto l’associazione prima con il “punto immigrati” e poi con il “punto famiglia” di Perugia, “veri e propri punti d’ascolto perché affrontano problemi reali sia per la gestione di pratiche amministrative e sia come occasione d’inserimento nel tessuto sociale”.

Non c’è 2 senza 3. Medico, banchiere e cooperante. Sta creando un centro ospedaliero a Douala – capitale economica del Camerun, ristrutturando un ex albergo. Lo scopo è la cooperazione sanitaria in ambito universitario per la cura della sua gente. Per seguire tale progetto Francis fa da spola con il Camerun da due anni. Ad oggi, più di 30 pubblicazioni parlano del progetto. Badate bene, non sarà un centro ospedaliero qualsiasi ma tenderà all’auto - alimentazione energetica. Attorno all’ospedale vi sarà un vero e proprio bosco che vorrà in piccola parte riequilibrare il forte disboscamento che il paese sta conoscendo.

Francis concorda con le Acli convenute a Perugia: l’attuale legge sulla cittadinanza non rende giustizia agli immigrati. “I politici italiani, spesso parolai ed inconcludenti, dovrebbero essere più pragmatici”. Continua: “Purtroppo, come Camerun, non abbiamo molto ad insegnare. La nostra è una Repubblica Presidenziale monocamerale il cui presidente è Paul Biyan al potere da 35 anni.” Campa con la svendita indiscriminata di legname e petrolio e la gente vive in gran parte con un’agricoltura di sussistenza. “Abbiamo, però, una delle migliori scuole dell’Africa centrale, paragonabile alla nostra nazionale di calcio che, se non erro, ha sempre dato filo da torcere alla vostra (sorride). Ringrazio ancor’oggi il mio paese per avermi dato una formazione solida che mi ha permesso di frequentare le Università italiane senza difficoltà”.

Francis ha partecipato al Seminario sull’ambiente e si trova d’accordo con Maurizio Pallante in tema di decrescita. A suo dire “vi sono strutture in Europa per controllare gli effetti collaterali del consumismo: obesità, inquinamento, smaltimento rifiuti. In Africa sta arrivando il consumismo ma non ha le strutture per la gestione degli effetti collaterali che vi sono in Europa. Non comprendo, quindi, quel passaggio di quella straordinaria enciclica Caritas in Veritate che sottovaluta la decrescita. Ma ricordo le parole pronunciate dal Suo predecessore “Se mi sbaglio mi corrigerete”.

di Fabio Pipinato

Da: Aesse – ottobre 2009

 

La collaborazione tra Unimondo ed Aesse continuerà anche per il 2010. Nel 2009 sono stati pubblicati i seguenti articoli:

Ultime notizie

La verità sull’industria del latte

19 Marzo 2019
Cosa succede quando si perde di vista la realtà. (Anna Molinari)

Strage di Christchurch: un messaggio anche per noi

18 Marzo 2019
La strage di Christchurch, in cui il giovane suprematista australiano ha ammazzato 50 persone, potrebbe accadere anche in Italia. Ecco perchè. (Giorgio Beretta)

I 100 profughi che soccorrono gli anziani in ambulanza

17 Marzo 2019
Sono circa un centinaio i migranti che fanno servizio civile sui mezzi di soccorso delle Misericordie d’Italia, trasportando anziani e disabili. 

Equilibri interrotti

16 Marzo 2019
Quando un ragazzo inizia a fare uso di stupefacenti ne risente tutta la famiglia: l'associazione Amici di San Patrignano aiuta entrambi. (Novella Benedetti)

Nel bosco della droga

15 Marzo 2019
Rogoredo è una sorta di area franca dello spaccio in “concessione” alle organizzazioni criminali che hanno conquistato un territorio condizionandolo. (Alessandro Graziadei)