Crisi idrica, Varazi: «il rispetto per l’acqua e i fiumi deve essere il punto di partenza»

Stampa

L’Italia sta vivendo una delle peggiori estati a livello climatico.

A luglio la temperatura ha superato la media di 2,26 gradi, mentre i primi sette mesi del 2022 sono stati i più caldi di sempre. Ha piovuto pochissimo e “male”.

Mentre tutte le principali riserve d’acqua sono in crisi e i fiumi come il Po sono in grave secca, il 12 agosto a Stromboli in soli 15 minuti è caduta la stessa quantità di pioggia che cade in media sull’isola durante l’intero mese di maggio e gli incendi sono stati più gravi ed estesi rispetto agli altri anni.

Nonostante ciò, nei programmi elettorali l’emergenza climatica non sembra essere tra le priorità. Non lo è stata in passato, quando l’ambiente è stato relegato a una fastidiosa appendice nei programmi politici o un tema da citare perché si doveva. Non lo è oggi, se i nuovi fronti politici indicano solo soluzioni di tipo “infrastrutturale” con strategie che rischiano di aggravare le prossime crisi e rallentare così il percorso di attuazione della transizione ecologica su cui siamo già in estremo ritardo.

La crisi idrica in corso potrebbe diventare la più grave della Storia e andrebbe affrontata in modo diverso, lavorando sulle cause e non solo sui sintomi.

Pensare di realizzare ovunque nuovi bacini artificiali come ci sentiamo raccontare molto spesso in queste settimane, senza toccare lo sperpero idrico, in particolare del modello agricolo intensivo, è una strada che non porta da nessuna parte, oltretutto contraria alle strategie europee di tutela e ripristino della biodiversità (“Biodiversità 2030” e “From farm to fork”nell’ambito del New Green Deal, riprese dalla recente proposta normativa “Pacchetto natura” presentata il 22 giugno dalla Commissione europea).

La verità è che al nostro Paese dell’acqua non sembra essere mai interessato nulla, se a fronte dei 550 mila chilometri di tubazioni idriche nazionali il 60 per cento risale a 30 anni fa e il 25 per cento a 70.

Ci sarebbero da sostituire 220 mila chilometri di vecchia rete e inserirne 50 nuovi per avvicinarsi alla media europea di dispersione, che si aggira intorno al 15%. Altro tema fondamentale sono i consumi. In Italia non c’è nessun controllo sull’uso dell’acqua, né per le abitazioni né per le attività produttive. Per uso civile consumiamo 245 litri pro-capite, 100 in più rispetto alla media europea e l’uso civile corrisponde solo al 20% del prelievo di acqua da fiumi e invasi, mentre il restante 80% è fuori controllo e il settore agricolo, da solo, pesa per il 53% dei prelievi. Altro paradosso, di uno stato che non soffre di siccità da quest’anno: ogni anno gettiamo in mare 9 miliardi di metri cubi d’acqua da depurazione che in diverse realtà europee vengono riutilizzati anche per uso civile. Questo il triste quadro nazionale sulla gestione della risorsa naturale più preziosa.

Come non rispondere alla natura e agli effetti più diretti dei cambiamenti climatici se non con la natura stessa, allora?...

Segue su Slowfood.it

Ultime notizie

Dopo 220 giorni di guerra. Il punto

07 Ottobre 2022
I due contendenti intendono scrivere la parola fine ai combattimenti solo a fronte di una vittoria militare? (Raffaele Crocco)

Colombo: ministra del Turismo vuole trasformare Mannar in una nuova Macao

06 Ottobre 2022
Per Diana Gamage l'isola può attirare turisti stranieri con il gioco d'azzardo. L'economia locale si basa però soprattutto su pesca e agricoltura: sarebbe difficile riconvertire il modello di svilu...

La Cina oggi: un’analisi in vista del XX Congresso

06 Ottobre 2022
Taiwan, gli Usa, la Russia, il Covid : Xi Jing Ping di fronte a una sfida senza precedenti. Intervista con Simone Dossi. (Atlante delle guerre e dei conflitti del Mondo)

Siria: la situazione drammatica spinge ancora i cittadini a fuggire dal Paese

05 Ottobre 2022
Gli ultimi eventi e nuovi rapporti lo denunciano chiaro e forte: in Siria siamo di fronte a una delle peggiori crisi dopo oltre 11 anni di guerra. E la situazione attuale continua a costringere mig...

Basta avere fortuna

05 Ottobre 2022
"Siamo un gruppo di donne e uomini che credono nel diritto alla libera circolazione per ogni essere umano". (Matthias Canapini)