Clima: le proposte della Conferenza mondiale dei popoli sui diritti della Madre Terra

Stampa

Il manifesto della Conferenza Cmpcc

"Oggi, la nostra Madre Terra è ferita ed il futuro dell’umanità è in pericolo". Inizia così la Dichiarazione finale della 'Conferenza mondiale dei popoli sui cambiamenti climatici e diritti della Madre Terra' (Cmpcc) tenutasi a Cochabamba (Bolivia) a cui hanno partecipato oltre 20mila persone tra delegati di movimenti sociali, scienziati, intellettuali, sindacati, forze politiche e governi (qui una rassegna degli interventi). "Rifiutiamo in maniera assoluta l’illegittima “Intesa di Copenhagen” che permette ai paesi sviluppati di contrattare riduzioni insufficienti di gas effetto serra, ricorrendo a impegni volontari ed individuali, che violano l’integrità ambientale della Madre Terra conducendoci a un aumento della temperatura di quasi 4ºC" - sottolinea la dichiarazione.

La prossima Conferenza sul Cambiamento Climatico che avrà luogo alla fine dell’anno in Messico - affermano i convenuti a Cochabamba - deve provvedere all’approvazione della rettifica del Protocollo di Kyoto per il secondo periodo di impegno dal 2013 al 2017 durante il quale i paesi sviluppati dovranno conseguire riduzioni domestiche significative di almeno il 50% rispetto all’anno base del 1990 senza fare ricorso ai mercati del carbonio o ad altri sistemi di sviamento che mascherano l’inadempimento delle riduzioni reali di emissioni di gas effetto serra.

La dichiarazione denominata omi, chiamata "Accordo dei Popoli" contiene le proposte condivise emerse durante i giorni di lavoro del vertice, tra esse la richiesta di riconoscimento del debito climatico e delle responsabilità del modello capitalista nell'attuale crisi ambientale; la presentazione all'Onu della Dichiarazione Universale dei Diritti della Madre Terra; la creazione di un Tribunale Internazionale per la giustizia climatica ed ambientale come istanza giuridica vincolante e il lancio di un Referendum Mondiale sul cambiamento climatico.

"Le proposte contenute nell'Accordo di Cochabamba saranno fatte proprie e promosse nelle sedi istituzionali, come durante la 16ma Conferenza delle Parti sul Clima, prevista a Cancun a dicembre, dai governi dell'Alba" - riporta da Cochabamba Marica Di Pierri della redazione di ASud. "Proprio a Cancun si sono date appuntamento tutte le realtà presenti qui a Cochabamba, coscienti che l'appuntamento messicano costituirà un momento cruciale nel cammino dei popoli verso la giustizia climatica".

Diverse personalità del mondo della cultura, dell'associazionismo e della politica italiana aveva diffuso un appello a sostegno della Conferenza mondiale dei Popoli di Cochabamba. Nell'appello si legge che "Solo a partire dal riconoscimento dei diritti della natura e della Madre Terra potremo essere in grado di mettere un freno alla crisi ed invertire la rotta ristabilendo le giuste priorità ed una nuova intesa tra i popoli, basata sulla giustizia climatica e sociale. È questa la sfida più grande che ci attende ed è per questo che ci riguarda tutti e tutte".

Concludendo la conferenza, il presidente della Bolivia, Evo Morales, ha affermato: "Siamo di fronte ad una battaglia campale: dobbiamo persuadere i governi indistrializzati a farsi carico della problematica del clima. Oppure, in ultima istanza, se non saremo ascoltati, dovremo organizzarci e rafforzarci socialmente in tutto il mondo per ottenere che le decisioni dei governi e dei popoli del mondo siano ascoltate e rispettate”. [GB]

Ultime notizie

La casa dei poveri nel palazzo del Papa con vista su piazza San Pietro

19 Gennaio 2020
Sembrava destinato a diventare un hotel di lusso, ma Francesco ha voluto metterlo a disposizione dei senzatetto. (Gian Guido Vecchi)

Afghanistan 2019: annus horribilis

18 Gennaio 2020
Indiscrezioni danno per imminente una tregua ma l’anno appena finito si chiude con un bilancio nefasto per i civili. 

Liberi col vento: l’etnia peul del Senegal

17 Gennaio 2020
Il secondo gruppo etnico del Paese, con abitudini seminomadi, vive di allevamento ma sconta una estrema precarietà. (Lucia Michelini)

Tra il dire e il fare c’è di mezzo il viaggiare…

16 Gennaio 2020
Tra il 2016 e il 2030 le emissioni di CO2 del turismo legate ai trasporti dovrebbero aumentare del 25%. (Alessandro Graziadei)

Il cobalto sfratta 100mila persone

16 Gennaio 2020
Si tratta degli abitanti della città di Kasulo (sudest del paese, provincia di Lualaba). Le loro case impediscono lo sfruttamento del minerale che secondo il governatore frutterebbe 10 miliardi di...