Acqua pubblica: i cittadini europei prendono l’Iniziativa

Stampa

Il logo dell’iniziativa – Foto: recommon.org

Il primo esperimento di democrazia diretta promosso dal Forum Italiano dei Movimenti per l’acqua è stato la proposta di legge di iniziativa popolare per la ripubblicizzazione del servizio idrico nazionale (2007). Nonostante le 400 mila firme raccolte a suo sostegno, la proposta di legge giace dimenticata in qualche cassetto della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati. La legge di iniziativa popolare è diventata comunque il Manifesto del movimento italiano per l’acqua: lì sono presentati i principi generali cui si ispira e le sue proposte in materia di gestione dei servizi idrici.

Il secondo momento di partecipazione diretta dei cittadini sui temi dell’acqua è stato il referendum di giugno 2011. La vittoria referendaria è stata un indubbio successo politico, ma l’inerzia delle istituzioni nazionali e locali, con alcune significative eccezioni come quella di Napoli, ha impedito che il risultato referendario fosse tradotto in concreti atti amministrativi. Interessante è stata la risposta del movimento: una nuova stagione di mobilitazione e raccolta di firme per promuovere delibere di iniziativa popolare o referendum locali. Tutte iniziative che di fatto suppliscono o si sostituiscono all’inerzia dei rappresentanti eletti dei cittadini.

Alcuni esempi: a Torino sono state raccolte firme per presentare una proposta di delibera popolare che chiede alla giunta comunale e a quella provinciale di trasformare l’ente gestore del servizio idrico, Smat, da società per azioni in azienda speciale consortile di diritto pubblico; nel Lazio, ventuno comuni hanno presentato a nome di un’ampia coalizione di cittadini, associazioni, forze sindacali e politiche, una proposta di legge sulla gestione pubblica e partecipata del servizio idrico, da sottoporre a referendum propositivo regionale.

L’esperienza italiana sembra aver contagiato anche gli altri paesi europei.

Da alcuni mesi è attiva una campagna promossa dalla Federazione europea dei sindacati del Servizio Pubblico (FESP) insieme ad altri gruppi e associazioni, per chiedere alla Commissione europea l’adozione di una normativa che riconosca tre principi fondamentali:

1) l’impegno da parte delle istituzioni dell’Unione europea e degli Stati membri a riconoscere e garantire a tutti i cittadini il diritto all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari;

2) l’esclusione della gestione dei servizi e delle risorse idriche dalle “logiche del mercato unico” e da qualsiasi forma di liberalizzazione;

3) il rafforzamento dell’impegno europeo nel mondo per garantire un accesso universale all’acqua potabile e ai servizi igienico-sanitari.

La campagna utilizza lo strumento del diritto di iniziativa dei cittadini europei. Attraverso questo strumento, in vigore da aprile 2012, cittadini, gruppi e associazioni hanno la possibilità di porre una questione all’ordine del giorno delle istituzioni europee, raccogliendo un milione di firme in almeno sette stati membri dell’Unione. Ecco il testo della petizione, che da oggi si può firmare anche online, sul sito http://www.acquapubblica.eu/

Emanuele Fantini

Fonte: volontariperlosviluppo.it

Ultime notizie

L’omofobia diventa un reato in Svizzera

16 Febbraio 2020
Una nuova legge approvata in Svizzera consente di condannare discriminazioni e insulti basati sull’orientamento sessuale. (Andrea Barolini)

Tessere la pace

15 Febbraio 2020
In un momento in cui predomina la legge del più forte nei rapporti internazionali, occorre insistere sulla diplomazia, sull’interdipendenza e sul multilateralismo. (Piergiorgio Cattani)&nbs...

L’Isola “rinnovabile” di Man

14 Febbraio 2020
Il Governo autonomo dell’Isola di Man ha annunciato un “piano d’azione” per produrre da fonti rinnovabili il 75% dell’energia elettrica necessaria all’isola. (Alessandro Graziadei)

«Migranti? Troppa politica, così si travisa la realtà»

13 Febbraio 2020
Dal 1997 sono approdati sulle coste italiane oltre 1 milione di migranti. E, nonostante una certa politica xenofoba continui ad urlare all’emergenza, il numero di sbarchi non è mai s...

Giornalismo partecipativo tra formazione e professione

13 Febbraio 2020
È arrivato alla sua quarta edizione il progetto Comunità e Narrazione - Contest di Giornalismo partecipativo, promosso da Tempora Onlus, un percorso rivolto ai giovani. (Piergiorgio Cattani)