Onu: minaccia desertificazione, ma i deserti sono una risorsa

Stampa

Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità

"La desertificazione è una delle minacce più serie che l'umanità si trova ad affrontare. È un problema globale che affligge un quinto della popolazione mondiale in più di 100 paesi" - ha ricordato il Segretario generale dell'Onu Kofi Annan, nel suo messaggio diffuso in occasione della "Giornata mondiale per la lotta alla desertificazione e alla siccità", che si è celebrata sabato 17g iugno.L'impoverimento del suolo non nasce solo da problemi atmosferici ma è soprattutto effetto è e allo stesso tempo causa della povertà, e spinge le persone ad allontanarsi dalle campagne per affollare le periferie delle città, con effetti sociali ed economici di vasta portata.

"Se non passeremo all'azione - ha detto Annan - secondo i dati attuali entro il 2020 circa 60 milioni di persone si sposteranno dalle aree desertificate dell'Africa sub-sahariana verso il nord Africa e l'Europa e in tutto il mondo 135 milioni di persone potrebbero essere costrette a lasciare i loro luoghi di origine". Ma se la desertificazione è sinonimo di povertà, il deserto è invece un ecosistema vitale e "un'eredità unica e fragile da proteggere" - ha detto Annan, ricordando che il tema della giornata è "La bellezza dei deserti, la sfida della desertificazione". Obiettivo dell'iniziativa, che coincide anche con il 10° anniversario della convenzione Onu per combattere la desertificazione, è anche quello di attirare l'attenzione sulla vita di milioni di persone - soprattutto nell' Africa subsahariana (dove il 66% del territorio è arido o semiarido) ma anche in Asia e in America Latina - che oggi vivono al limite della sussistenza in territori dove ci sono risorse minime.

Se contro la desertificazione non esiste un solo metodo ovunque applicabile, le ong e gli enti locali, sono oggi in prima linea nella lotta alla desertificazione, puntano inoltre a riscoprire le tecniche tradizionali, usando un approccio integrato di lungo periodo. "Nell'immaginario collettivo pastori e contadini esercitano una pressione intollerabile sulle già povere risorse, contribuendo a un inarrestabile degrado ambientale - spiega Massimo Pallottino dell'Lvia - In realtà sono proprio i sistemi di allevamento tradizionali ad assicurare lo sfruttamento equilibrato e sostenibile delle risorse".

I deserti sono minacciati come mai prima, mentre potrebbero essere un tesoro di risorse per il pianeta, per la produzione di energia solare o piante medicinali sottolinea un rapporto pubblicato dall'Onu nei giorni scorsi. La costruzione di strade, l'inquinamento, il turismo, la caccia minacciano la fauna e diverse specie del deserto sono in via di estinzione o in rapida diminuzione. L'utilizzo del deserto come terreno d'addestramento militare, carcere o campo profughi danneggia il deserto. "Questi deserti sono ecosistemi dinamici e unici, che se trattati opportunamente possono fornire risposte a numerose sfide alle quali ci troviamo di fronte, per l'energia, l'alimentazione, la medicina" - ha detto Zaved Zahedi, direttore aggiunto del Centro di sorveglianza della difesa dell'ambiente del Programma Onu, con sede a Cambridge. I deserti potrebbero diventare le centrali elettiche non inquinanti del XXI secolo, utilizzando le risorse del sole e del vento. Un deserto della misura del Sahara potrebbe catturare energia solare sufficiente a rispondere al fabbisogno di elettricità del mondo intero, secondo Zahedi.

Shafqat Kakakhel, direttore esecutivo del Programma delle Nazioni Unite per l'Ambiente, ha evidenziato che i deserti hanno un potenziale non sfruttato, non solo dal punto di vista dell'energia e quindi economico, ma anche sotto l'aspetto biologico (coltivazione di piante farmaceutiche). I deserti hanno quindi un vero e proprio potenziale economico dal duplice vantaggio, la produzione di energia pulita in paesi come l'Africa potrebbe fornire anche i mezzi di sussistenza per diminuire la povertà e raggiungere gli Obiettivi di sviluppo che sono stati fissati dalla comunità internazionale. [GB]

Ultime su questo tema

Disabilità in Ecuador: un cammino disseminato di ostacoli

22 Febbraio 2020
Nonostante le iniziative realizzate, la situazione dei disabili, soprattutto intellettivi, rimane profondamente disagiata e vittima di una politica viziosa. (Marco Grisenti)

Il negazionista climatico che è in noi

21 Febbraio 2020
Secondo lo studio “Predicting climate change risk perception and willingness to act”, pubblicato da un team di ricercatori dell’università del New South Wales (UNSW) e della Columbia...

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)

Inquinamento e salute

19 Febbraio 2020
Gli agenti più inquinanti, le categorie a rischio, le patologie conseguenti. Intervista con il prof. Alessandro Miani, docente di Prevenzione Ambientale all’Università di Milano e presidente della...

Rendere sostenibile l’Italia mettendo in rete esperienze e progetti

17 Febbraio 2020
Leonardo Becchetti, docente di Economia politica all'Università Tor Vergata, è stato scelto dal ministro dell'Ambiente Costa per presiedere un Gruppo di studio su economia e sviluppo sostenibile, c...

Video

Obiettivi di Sviluppo del Millennio