Siamo tutti Premi Nobel per la Pace con ICAN

Stampa

Con molte personalità dell’attivismo nonviolento per la pace, da anni siamo parte costruttiva, creativa e attiva della rete internazionale ICAN per il disarmo nucleare universale, di cui in Italia fanno parte diverse associazioni.

Quelle con cui collaboriamo più strettamente sono PeaceLink e i Disarmisti esigenti. PeaceLink- telematica per la pace, oggi è molto impegnata sul caso ILVA e si è costituita parte civile del maxiprocesso "Ambiente svenduto" contro l’inquinamento industriale del più grande colosso siderurgico d’Europa che continua a mietere vittime nella città di Taranto. I Disarmisti Esigenti sono un coordinamento di associazioni basato sui grandi moniti e appelli all’umanità del partigiano francese Stéphane Hessel con il suo libro postumo pubblicato in Italia ESIGETE! un disarmo nucleare totale. Altre associazioni che fanno parte di ICAN sono il M.I.R.- Movimento Internazionale della Riconciliazione fondato da Gandhi e Mandela, la Wilpf - federazione internazionale Donne per la pace e il Cormuse. La rete ICAN è stata insignita premio Nobel per la pace 2017 a Oslo e questo vuol dire un riconoscimento per tutti gli attivisti che si occupano di disarmo nucleare nel mondo, guidati dall'obiettivo di promuovere il progetto storico del diritto internazionale: l’abolizione e l'interdizione degli ordigni nucleari.

Il governo italiano non ha ancora approvato e ratificato il trattato ONU del 7 luglio 2017, che è valso a tutti noi di ICAN – e ripetiamo a tutti gli attivisti antinucleari - il premio Nobel per la pace. Il trattato ONU è stato varato a New York nel Palazzo di Vetro da 122 nazioni dietro la spinta determinante della società civile internazionale organizzata in ICAN. A questa stesura erano presenti di persona Alfonso Navarra, storico ecopacifista, attivista nonviolento insieme a Peppino impastato e importante protagonista delle lotte per il disarmo nucleare da Comiso ai porti a rischio nucleare; Giovanna Pagani-dirigente di Wilpf-Italia e lo scienziato italo-francese Luigi Mosca.

I nostri libri “La follia del nucleare” e  “Antifascismo e Nonviolenza” tracciano il percorso che ha condotto l’ONU e la società civile internazionale al trattato del 7 luglio 2017. Lo slogan positivo della cultura di pace che sta alla base di questi trattati si riassume nel motto "Prima l’umanità, prima le persone". Questo adagio, nella nostra interpretazione, applicata specialmente in Italia, ma con un'ottica globale, contrappone la nuova cultura della pace del XXI secolo al rischio di una subcultura parafascista, dove i parafascisti, a partire dal presidente americano Trump, impongono uno slogan negativo e contrapposto al nostro: prima gli americani, prima i francesi, prima gli italiani, prima i padani eccetera. Invece nel comune villaggio globale, nel nostro sistema mondo, nell'universale afflato di mondialità che accomuna tutti noi, i popoli e l'umanità comune e solidale, ci rendiamo sempre più conto di appartenere a un’unica razza comune come sosteneva Einstein, a un’unica famiglia umana come oggi sostiene con grande forza ed autorevolezza l'enciclica di Papa Francesco “Laudato SI'”.

Una comune umanità che è minacciata da tre 'bombe' che incombono come una spada di Damocle sulla sua incolumità. Le tre bombe di cui tratta anche il comboniano padre Alex Zanotelli: 

-l’attività militare che trova la sua massima espressione nella guerra nucleare. 

-La bomba climatica che comporta quotidiani disastri e dissesti climatici per le emissioni eccessive di gas serra

-La bomba dell’ingiustizia sociale e della disuguaglianza globale dove l’1% dei ricchi detiene risorse pari a quelle controllate dal restante 99% dell’umanità. 

Per questo facciamo nostri i moniti e gli appelli del Partigiano Stéphane Hessel, deportato a Buchenwald, padre costituente della dichiarazione dei diritti dell’umanità del 1948, presidente del tribunale Russell sulla Palestina. Il suo saggio "Indignatevi!" ha venduto milioni di copie in tutto il mondo e ha ispirato il movimento degli indignati e di Occupy Wall Street. Un autentico uomo di pace: una speranza di futuro, un ponte intergenerazionale tra il passato antifascista e le alternative per il futuro, per le nuove generazioni, per una rivoluzione ecologista, pacifista, disarmista e femminista. Per una utopia realizzabile di pace e solidarietà perché per dare risposte di sinistra alla crisi strutturale e al revanchismo delle nuove destre estreme e dei populismi occorrono soluzioni democratiche e civili. Stéphane Hessel, nell’appello scritto con i Resistenti francesi nel 1944 e pubblicato nel saggio "Indignatevi!", suggerisce delle soluzioni alla crisi economica e di valori che attualmente sta stritolando e destrutturando il pianeta. La soluzione prevede la nazionalizzazione delle banche e delle industrie strategiche con un’economia al servizio delle persone, tramite investimenti pubblici per creare lavoro e per livellare la disuguaglianza globale e sociale per evitare la miseria dei ceti più deboli che ingenera risposte razziste e capri espiatori.

La campagna Onu per il disarmo nucleare universale con la rete ICAN e le COP ONU per il clima costituiscono le campagne globali tramite cui costruire una nuova internazionale dei diritti, delle persone, dei popoli, dell’umanità. Infatti la dipendenza dai combustibili fossili e dal nucleare è alla base di un modello sociale predatorio, accumulatorio e insostenibile che è causa principale di guerre e conflitti nel mondo. Per questo motivo il nostro attivismo, l’impegno di noi 'AlterGlocalisti' è volto a salvare il clima e la pace, per costruire una conversione ecologica fondata su un nuovo e alternativo modello energetico, decarbonizzato, denuclearizzato, rinnovabile al 100%, ossia pulito, democratico e socialmente giusto. 

La divisione dell’umanità in tutte le sue forme, dal razzismo al fascismo, dalla xenofobia ai nazionalismi agli etnicismi, contrasta nettamente con il contesto culturale e giuridico di unica famiglia umana proclamato dalla dichiarazione Onu del 1948, che deriva dall’immane tragedia della seconda guerra mondiale con 65 milioni di morti: interi paesi in macerie, bombardamenti a tappeto, Dresda 100.000 morti, Auschwitz e Hiroshima. Da questo immane trauma nasce un sussulto positivo come la dichiarazione Onu e le Costituzioni Antifasciste nate dalla Resistenza partigiana. La banca d’affari mondiali J. P. Morgan recentemente ha attaccato pesantemente le costituzioni antifasciste e le dichiarazioni volte allo sviluppo dell’umanità e alla tutela dei diritti umani perché considerate troppo democratiche e ostacolo al progresso e alla risoluzione della crisi strutturale in quanto volte alla tutela della dignità umana. Il nostro slogan positivo "Prima l’umanità, prima le persone" vuole contrastare la disuguaglianza globale strutturata con muri, frontiere, ghetti nazionalistici, etnicismi. Con questi presupposti, le nazioni europee sbarrano le porte ai migranti vecchi, giovani, donne, bambini che fuggono da guerre, persecuzioni, terrorismo, disastri ambientali, manovre economiche e che vorrebbero trovare, in modo legale e sicuro, solidarietà, assistenza, accoglienza sulle nostre sponde, nei nostri territori. Invece l’Occidente risponde con una politica di riarmo e guerrafondaia, per cui le spese militari nel mondo sono in continuo incremento e provocano pericoli e miserie per l’umanità come il rischio di un inverno e di un' apocalisse nucleare: così i diritti e la dignità umana vengono sempre negati e calpestati. Nella nostra attuale congiuntura assistiamo al precipitare di ampi settori della popolazione italiana e non solo, sotto l’influenza di ideologie xenofobe, razziste, fasciste, dell’esaltazione del cattivismo, del qualunquismo antiegualitario che contrastano nettamente con i principi della nostra Costituzione. Per far fronte a questa deriva anche l' ANPI nazionale potrebbe aderire alla rete ICAN  premio Nobel per la pace 2017 per il disarmo nucleare universale e alla coalizione per il clima e per la conversione ecologica e rinnovabile della nostra economia e del nostro modo di vivere e di pensare.

E come l'ANPI anche altre grandi organizzazioni sociali e sindacali: è questo il senso della campagna che abbiamo lanciato: “Siamo tutti premi Nobel per la pace con ICAN”, che vede come suo primo testimonial Moni Ovadia. La solidarietà umana, richiamata nell’articolo 2 della Costituzione, va praticata con l’unione popolare oltre le barriere nazionalistiche, per la difesa di un pianeta minacciato dall’attuale dittatura finanziaria dei mercati internazionali. Il diritto a sopravvivere e a vivere senza la paura della guerra nucleare è un diritto alla pace oltre le barriere ideologiche. Il diritto alla pace, insieme alla Carta della Terra, all’Agenda ONU 2030 e alle COP per la tutela del clima, sono parte del programma dell’agenzia culturale e scientifica dell’Onu che è l’Unesco. Il diritto alla pace è appunto attuato e attivato oltre le barriere, i limiti, i confini, i muri, i ghetti nazionalistici partoriti dal cattivismo culturale, ma con la ferma considerazione del valore dell’aiuto e del sostegno umanitario per una svolta umanistica affinché il debole, l'emarginato, l'oppresso siano redenti, salvati e valorizzati. Il disarmo nucleare universale e il diritto alla pace costituiscono una importante rivoluzione nella nostra società mondiale dove attualmente prevalgono l'egoismo, l’individualismo, la sete dissennata di potere, ossia il pensiero unico che secondo Hessel è ancora veicolato dai massmedia. Questi disvalori neofascisti e neoliberisti provocano guerre volute dall’intero complesso, apparato, sistema industriale-militare- energetico, che dopo anni dalla guerra nel Golfo, di nuovo impone la guerra in Libia, finanzia le guerriglie siriane, supporta con armi i Saud contro lo Yemen, in uno dei più gravi e grandi e tragici genocidi della storia contemporanea. I movimenti nonviolenti e pacifisti perdono di creatività e proattività perché si fanno avanti i poteri forti spacciati da progressisti. 

Per far fronte a queste condizioni disumane, a questa deriva di valori strutturale, occorre creare ponti di memoria, ponti di dialogo, reti di relazioni, legami di pace per evitare la supremazia dei potentati dei signori dell’atomo, del petrolio, della guerra, dell’acciaio detentori del rischio dell’apocalisse nucleare. La forza della nonviolenza e della disobbedienza civile consistono nella volontà di far prevalere la verità, il confronto politico, la pace nei contesti plurali e multiculturali. La democrazia e la forza della verità devono prevalere sull’egoismo, sulla logica del neoliberismo finanziario, sul potere che impone di mercificare tutto con le lobby e le multinazionali del libero mercato che disprezzano l’ambiente, la persona, i diritti umani e travalicano il significato di bene comune. Occorre riappropriarci dei beni comuni per tutelarli dalla privatizzazione mercificatoria in favore della vita e dell’appartenenza a molteplici culture. I nostri beni comuni come la pace, l'antifascismo, il disarmo nucleare, per superare i pregiudizi, per prevenire, gestire e trascendere i conflitti, per stemperare paure e ostilità, per una laicità aperta, inclusiva, relazionale, per il diritto alla pace e a vivere senza la paura dello sterminio nucleare. Questo il messaggio profondo dei nostri libri che è nella matrice, nel DNA delle culture antifasciste, antitotalitarie, antidogmatiche oggi le culture nonviolente. Questa è anche l'essenza della nostra iniziativa, sulla quale attualmente concentriamo gli sforzi, che punta ad allargare le adesioni alla Rete ICAN.

Laura Tussi

Docente, giornalista e scrittrice, si occupa di pedagogia nonviolenta e interculturale. Ha conseguito cinque lauree specialistiche in formazione degli adulti e consulenza pedagogica nell'ambito delle scienze della formazione e dell'educazione. Coordinamento Italia Campagna Internazionale ICAN - Premio Nobel per la Pace 2017 per il disarmo nucleare universale, collabora con diverse riviste telematiche tra cui PressenzaPeacelinkIldialogoUnimondo, AgoraVox ed ha ricevuto il premio per l'impegno civile nel 70esimo Anniversario della Liberazione M.E.I. - Meeting Etichette Indipendenti, Associazione Arci Ponti di Memoria e Comune di Milano. Autrice dei libri: Sacro (EMI 2009), Memorie e Olocausto (Aracne 2009), Il dovere di ricordare (Aracne 2009), Il pensiero delle differenze(Aracne 2011), Educazione e pace (Mimesis 2012), Un racconto di vita partigiana - con Fabrizio Cracolici, presidente ANPI Nova Milanese (Mimesis 2012), Dare senso al tempo-Il Decalogo oggi. Un cammino di libertà (Paoline 2012), Il dialogo per la pace. Pedagogia della Resistenza contro ogni razzismo (Mimesis 2014), Giovanni Pesce. Per non dimenticare (Mimesis 2015) con i contributi di Vittorio Agnoletto, Daniele Biacchessi, Moni Ovadia, Tiziana Pesce, Ketty Carraffa, Antifascismo e Nonviolenza (Mimesis 2017), con Alfonso Navarra, Adelmo Cervi, Alessandro Marescotti.  Collabora con diverse riviste di settore, tra cui: "Scuola e didattica" - Editrice La Scuola, "Mosaico di Pace", "GAIA" - Ecoistituto del Veneto Alex Langer, "Rivista Anarchica". Promotrice del progetto per non dimenticare delle Città di Nova Milanese e Bolzano www.lageredeportazione.org e del progetto Arci Ponti di memoria www.pontidimemoria.it. Qui il suo canale video.

Ultime su questo tema

Guantanamo, galera-terrore Usa, resterà aperta per altri 25 anni

23 Ottobre 2018
Guantanamo, la prigione statunitense sull’isola di Cuba, tristemente famosa per le torture sui prigionieri, resterà aperta per altri 25 anni. Donald Trump cancella un’altra decisione di Barack Obam...

Qualità ambientale e stili di vita: i primi anti cancerogeni

23 Ottobre 2018
Dagli anni 70 ad oggi la probabilità di sviluppare un tumore è aumentata in modo preoccupante. Come mai? (Alessandro Graziadei)

La guerra occultata dell’estrattivismo

19 Ottobre 2018
Che cosa accomuna gli ulivi del Salento e i minerali del Perù, l’acqua della Palestina e le praterie dell’Argentina, un agricoltore di Melendugno e un attivista anti-fracking del Regno Unito? ...

Deforestati europei!

17 Ottobre 2018
Quando pensiamo alla deforestazione immaginiamo quasi sempre contesti americani, africani e asiatici, raramente europei. Eppure…(Alessandro Graziadei)

Yemen: la coscienza sporca dell’Occidente

17 Ottobre 2018
L’Arabia Saudita, nonostante l’enorme quantità di armi a disposizione, non riesce a vincere il conflitto nel Paese della penisola arabica. La crisi umanitaria colpisce milioni di uomini e donne che...

Video

Health Heroes - Flash mob