G8 Evian: deficitario il piano sulla salute

Stampa

Le proposte del Piano d'azione per la salute del G8 non sembrano tener conto dei principi sanciti dalla Carta per la Salute dei Popoli, basata sul presupposto che la salute è una questione sociale, economica e politica, ma soprattutto un diritto umano fondamentale.

Formulata e sottoscritta dai partecipanti all'Assemblea per la Salute dei Popoli che ha avuto luogo nel dicembre 2000 a Savar in Bangladesh, la Carta sancisce l'impegno di organizzazioni internazionali, movimenti della società civile, Ong e gruppi di donne che hanno deciso di lavorare insieme per esercitare una pressione sugli organi decisionali, sui governi e sul settore privato per concretizzare lo slogan ancora non realizzato "Salute per tutti". Un principio che ha guidato, 25 anni fa, la conferenza ministeriale di Alma-Ata, promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità e dall'UNICEF. Per sostenere e diffondere la Carta per la Salute dei Popoli viene quindi promossa la "Campagna per un milione di firme" di cui Aifo è referente per l'Italia.

Rispetto alle sfide economiche, politiche, sociali ed ambientali poste dalla Carta per la Salute, il "Piano d'azione per la salute" del G8 risulta essere fortemente deficitario. Medici Senza Frontiere ha sottolineato che la proposta francese di creare nel G8 un gruppo di lavoro per favorire la ricerca sulle "malattie dimenticate" è stata "diluita" dopo che gli Usa hanno presentato un loro testo che cancella o indebolisce molti dei punti-chiave per l'accesso ai farmaci nei Pvs. Secondo Msf nel testo Usa, che ha fortemente influenzato il Piano del G8, si afferma che per combattere le epidemie che nei Paesi più poveri uccidono 14 milioni di persone l'anno, non serve tanto agire sui prezzi dei farmaci per renderli accessibili, ma un generico rafforzamento dei "sistemi sanitari", mentre si ribadisce la volontà di rafforzare i meccanismi di tutela della proprietà intellettuale e di dare un ruolo centrale alle industrie farmaceutiche.

Nonostante le promesse e gli impegni politici adottati dai precedenti G8 a partire da quello di Okinawa nel 2000, fino a oggi non sono state adottate iniziative di rilievo. Da allora il numero di persone colpite dall'Hiv è cresciuto da 34 a 42 milioni, 6 milioni di persone sono morte di tubercolosi e la mortalità per malaria si è quintuplicata in alcune zone dell'Africa. Azione Aiuto, Lila Cedius e MSF hanno lanciato un appello al G8 e ai governanti italiani per garantire la sopravvivenza del Fondo Globale per la Lotta all'Hiv/Aids, tubercolosi e malaria, un fondo che rischia di "morire" per mancanza di soldi.

Nel frattempo l'OMS è impegnata su un altro fronte con l'organizzazione della Conferenza Globale sulla Sars, in programma il 17 e il 18 giugno a Kuala Lumpur in Malesia, con gli obiettivi di analizzare i risultati scientifici sulla malattia ed esaminare gli interventi della sanità pubblica per contenerne la diffusione.

Fonti: AIFO, Medici Senza Frontiere, Lila Cedius;

Ultime su questo tema

Tutela minori, ecco perché non possiamo permetterci di buttare tutto all'aria

18 Settembre 2019
«Vediamo bambini di 2/3 anni che arrivano in ospedale perché hanno ingerito stupefacenti», dice Ciro Cascone, il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Milano. È la pri...

Manovre contro Unrwa e diritti profughi

17 Settembre 2019
Sono oltre cinque milioni. Chiedono da 71 anni di poter tornare alle terre di origine, come è concesso a tutti i rifugiati. Il rifiuto di alcuni paesi di assorbire profughi palestinesi non sco...

Countdown to extincion

17 Settembre 2019
Dieci anni fa le multinazionali aderenti al “Consumer Goods Forum” (CGF) si erano impegnate a fermare la deforestazione. Secondo Greenpeace non lo hanno fatto! (Alessandro Graziadei)

I dilemmi della lotta per il clima e l’ambiente

16 Settembre 2019
La crisi climatica al centro degli allarmi lanciati da Greta Thunberg marcia parallelamente a una crisi ambientale, anch’essa planetaria, come ci ricordano sempre quelli di Extinction Rebellion, la...

Resistenza e profezia in Amazzonia

12 Settembre 2019
«Per noi i nomi sono importanti. La nostra città si chiama Açailândia, terra dell’açaì, il frutto amazzonico più carico di vita. La madre terra, come tutte le madri, ci dà il nome. Il nostro quarti...

Video

Health Heroes - Flash mob