Fast food e batteri… che dieta!

Stampa

Avete anche voi la sensazione che la discussione su questioni che hanno a che vedere con l’alimentazione sia negli ultimi anni aumentata? Che molte più persone di un tempo si preoccupino di quello che mangiano, di provenienza e qualità, di diritti e poteri, di come e dove comprare? Sarà perché per lavoro e per interesse mi occupo di questi temi, sarà perché ci faccio attenzione e perché io stessa ne parlo con conoscenti, parenti, colleghi e amici, ma ho l’impressione che sempre più consumatori siano informati e consapevoli e abbiano la sensibilità giusta per approfondire, indagare, muoversi un po’ più in profondità rispetto alla superficie. Non solo per il Pianeta – che per molti rimane comunque ancora un concetto indefinito per motivare azioni concrete di cambiamento a volte non così chiare nel loro rapporto causa-effetto – e non solo per i diritti degli altri – che se secondo coscienza ci fanno indignare, spesso non bastano a farci agire – ma anche per se stessi, per la propria salute e il proprio benessere, ragioni per molti certo più convincenti e urgenti.

Se dunque tanti di noi sono convinti e informati, per esempio sul fatto che un’alimentazione basata su cibi industriali e raffinati sia dannosa per il nostro benessere psico fisico, perché non siamo così allarmati – come lo siamo per questioni come i vaccini – se consideriamo che comporta per il nostro organismo effetti analoghi a quelli di un’infezione battericaGià, proprio così. Ci preoccupiamo dello sporco, dei virus, delle minacce al nostro sistema immunitario e nel contempo adottiamo come se non ci fosse un domani uno stile alimentare ad alto contenuto di grassi e zuccheri (gli insospettabili, presenti anche sotto mentite spoglie).

E il nostro organismo come risponde? Le difese si fanno più aggressive, e non solo nel breve periodo. Lo dice uno studio recente dell’Università di Bonn durante il quale, per un mese, un team di ricercatori europei e americani ha sottoposto a una dieta non proprio desiderabile un campione di topi (argh, i test sugli animali! Ma questa è un’altra storia…). Dopo 4 settimane a inghiottire schifezze da fast food, nelle cavie si è riscontrato un aumento non previsto di cellule immunitarie nel sangue: granulociti e monciti. In pratica, un’infiammazione acuta, che dopo altre 4 settimane di ritorno a una dieta regolare, è scomparsa… non però senza lasciare traccia. La riprogrammazione genetica delle cellule immunitarie si poteva ancora osservare, cosa che tradotta in un linguaggio un po’ più accessibile significa che l’alimentazione spazzatura ha mobilitato i difensori del sistema immunitario, senza però un disarmo totale alla fine del periodo di emergenza. Per dirla in altre parole, sono reazioni che, nel lungo periodo, possono accelerare l’insorgenza di malattie vascolari o di diabete di tipo 2.

Non si tratta quindi solo di scorrette abitudini, ma di vera e propria cattiva alimentazione, che comporta conseguenze peggiori di quanto immaginato. Un problema che solleva ancora una volta il dibattito sull’importanza e sulla necessità di promuovere l’educazione alimentare, non solo tra le fasce d’età più giovani, ma anche tra gli adulti: scegliere – e poter scegliere – ogni giorno quello che vogliamo mangiare è indispensabile alla difesa di libertà, sovranità e diritti, ed è anche importante per la nostra stessa salute, per proteggere il nostro organismo biologico, certo, ma soprattutto per proteggere le nostre menti dal quotidiano bombardamento mediatico cui l’industria alimentare ci sottopone, esercitando continue pressioni che tentano i nostri acquisti, ignari delle conseguenze. 

Anna Molinari

Giornalista pubblicista, laureata in Bioetica presso la Facoltà di Scienze Filosofiche di Bologna, ha frequentato a Roma la scuola di Scienze politiche internazionali, cooperazione e sviluppo di Focsiv e ha lavorato presso il Ministero dell’Interno - Commissione per il Riconoscimento della Protezione Internazionale e il Consiglio Italiano per i Rifugiati. Dal 2011 cura per Fondazione Fontana Onlus e in provincia di Trento laboratori formativi e percorsi di sensibilizzazione rivolti a scuole e cittadinanza su temi a carattere sociale. Collabora regolarmente con realtà che si occupano in particolare di divulgazione ambientale, aree protette e sviluppo sostenibile.

Ultime su questo tema

Bambini: “chi non produce è inutile”

25 Giugno 2019
È necessario contrastare l’idea che chi non produce è inutile per la società. A cominciare dai bambini costretti ad essere “economicamente attivi”. (Alessandro Graziadei)

Niente sta scritto vince Il Premio Cinema degli Italian Paralympic Awards

22 Giugno 2019
Il documentario Niente sta scritto riceve il Premio Cinema agli Italian Paralympic Awards 2019, gli “Oscar” dello sport paralimpico. (Raffaella Bonora)

La donna che combatte i matrimoni precoci

21 Giugno 2019
Povertà, matrimoni precoci e abbandono scolastico sono tre componenti dello stesso circolo vizioso. È contro un tale flagello che si batte da oltre 15 anni Theresa Kachindamoto, una donna...

Pyongyang senza cibo e Seul senza lavoro...

19 Giugno 2019
Mentre la Corea del Nord è in piena crisi alimentare i giovani sudcoreani affrontano una disoccupazione senza precedenti. Eppure... (Alessandro Graziadei)

Lavoro: il tessile malato

18 Giugno 2019
Il lavoro, le disuguaglianze, i conflitti e i diritti umani viaggiano spesso sulla stessa lunghezza d’onda. E’ per questo che l’Atlante delle guerre si è occupato a più riprese della questione del...

Video

Health Heroes - Flash mob