L’inquietudine degli uomini

Stampa

Elisa, trentuno anni. Due figlie di tre e sei anni. L’ha strangolata a mani nude. Lui si chiama Riccardo. Scrivono che manifestasse un certo disagio ma, aggiungono che sembrava sano di mente, comunque, verificheranno. Siamo grate.

Scrivono che i due stessero affrontando un periodo difficile. Scrivono che, quella notte, lui avesse una forte inquietudine, per questo si è alzato diverse volte. Lei gli ha chiesto spiegazioni del suo nervosismo e lui ha stretto le sue mani intorno al collo. Ha stretto. Ha stretto. Ha stretto. È così che l’ha uccisa. E in quei minuti o secondi (quanto ci mette una persona a morire?) non ha mai avuto un ripensamento. Ha stretto e basta.

Cosa succede nella mente di un uomo quando l’unico scopo, a un certo punto, è quello di uccidere la compagna, la moglie, la madre dei suoi figli? Cosa succede? Vuole silenziarla? Dominarla? Renderla inerme? Una cosa è certa, sembra che quell’inquitudine cessi solo dopo aver assunto il potere della vita nei confronti della propria donna.

Di certo il movente non va mai cercato nella relazione tra i due, invece, succede. È lì che si punta il dito: litigavano, non andavano d’accordo, lei aveva un altro, lui era geloso.  Le motivazioni vanno cercate negli “assassini” (riusciamo a chiamarli così?) e caso mai nella mancanza di educazione alla mascolinità e alla femminilità, nell’educazione ai sentimenti, nel messaggio sociale che portiamo avanti. Altrimenti la risposta dovrebbe essere questa: care donne, siate consenzienti, fatevi andare bene tutto, altrimenti dentro ai No, al dissenso, alla presa di parola, ai conflitti, il vostro compagno potrebbe uccidervi. È questo il messaggio che arriva, nemmeno troppo celato.

Lei si chiamava Elisa, aveva trentuno anni, due bimbe di tre e sei anni. Lui si chiama Riccardo. L’ha strangolata a mani nude. È ancora vivo. Lei no. E se la memoria, almeno quella va salvaguardata, non scrivete che il problema era la relazione tra i due, il problema sono gli uomini che uccidono le loro mogli, compagne, donne. La giovane donna aveva un nome, Elisa, vorrei ricordarvi che è lei a non esserci più.

La forte inquietudine di quell’uomo, ora è terminata. Giace con Elisa per sempre. Ma i femminicidi sono l’unico e agghiacciante modo per farla cessare? Le donne non muoiono perché non denunciano, denunciare è importante ma non è la soluzione al problema. Il “problema” è legato “all’inquietudine” degli uomini che arrivano ad uccidere e basta. Non ci sono altre “storie” da raccontare.

Cinzia Pennati da Comune-info.net

Ultime su questo tema

"Niente più vittime, niente più martiri"

20 Febbraio 2020
“Niente più vittime, niente più martiri, vogliamo sentire solo le voci di persone vive” che difendano i loro diritti umani. (Alessandro Graziadei)

Droga: Sirisena imitava Duterte?

18 Febbraio 2020
La Corte suprema dello Sri Lanka ha deciso di sospendere per la seconda volta l’applicazione della sentenza di morte per i trafficanti di droga. È incostituzionale. (Alessandro Graziadei)

Africa, cresce il terrorismo

10 Febbraio 2020
Per il numero di attacchi e di vittime, quello appena trascorso è stato un anno terribile per il continente. A preoccupare è in particolare la zona del Sahel, dove si è concentrata l’attività jihad...

La sfida al caporalato? Si vince (anche) a tavola

09 Febbraio 2020
Intervista a Yvan Sagnet, scrittore e sindacalista. “Bisogna intervenire sulla tracciabilità delle filiera, che porta tutti ad assumersi una responsabilità". (Eleonora Camilli)

India: prove di guerra civile?

06 Febbraio 2020
La “violenza settaria” dei fondamentalisti indù sembra essere diventata un pericolo per la democrazia indiana. (Alessandro Graziadei)

Video

Riccardo Iacona: Viaggio nell'inferno delle carceri italiane