Noi stiamo osservando. #WeAreWatching

Stampa

La bandiera #WeAreWatching è alla Conferenza ONU sui cambiamenti climatici (COP25) a Madrid con un chiaro messaggio per i leader mondiali: gli occhi del mondo sono su di voi.

La bandiera ha le dimensioni di un edificio di 10 piani e su di esso compaiono migliaia di facce, formando un occhio colossale. I ritratti rappresentano persone provenienti da 190 paesi, quasi ogni nazione del mondo. Tutti insieme osservano i leader mondiali ritenuti responsabili del futuro del nostro pianeta.

Lo scorso venerdì 6 dicembre la bandiera è stata svelata a Madrid durante la Global Climate March. Greta Thunberg e oltre 500.000 partecipanti erano presenti.

Questa è la domanda principale e lo scopo della Marcia: "Cerchiamo di salvaguardare il nostro futuro, proprio ora in pericolo. Basta con le paure elettorali, le misure a breve termine e gli inganni opportunistici. Chiediamo il diritto alla vita: siamo la natura che difende sé stessa".

"In questo momento ci sono 7,7 miliardi di persone in attesa di un’azione decisiva; tutto il mondo sta osservando", dice Dan Acher, l’artista che ha creato la bandiera del WeAreWatching. Dan è un “artivista”, Ashoka Fellow e fondatore di “Happy City Lab”. Al centro del suo lavoro c’è l’arte come generatore di cambiamento sociale tra le comunità locali e globali. Dan usa la città come parco giochi per creare un senso di appartenenza; le sue installazioni su larga scala creano spazi dove gli estranei si incontrano e si connettono al di là delle loro differenze. Dan vive a Ginevra, in Svizzera, ed è anche il creatore di “Borealis - The Northern Lights on Demand”.

Una volta raggiunta la destinazione della Marcia Dan è salito sul palco per parlare poco prima di Greta Thunberg e Javier Bardem. Un momento bello ed emozionante, in cui persone di tutto il mondo, di tutte le età e culture hanno tenuto insieme il grande occhio.

Questa è stata la prima apparizione della bandiera. In seguito, l’installazione seguirà i principali eventi dedicati ai cambiamenti climatici in tutto il mondo, tenendo gli occhi del mondo saldamente addosso a coloro che sono i decisori politici.

Valeria Valverde Traduzione: Elisa Poletto da Stampagiovanile.it

L'agenzia di stampa giovanile è un'iniziativa di partecipazione giovanile attraverso l'uso creativo dei nuovi e tradizionali strumenti di comunicazione e informazione. In Italia, l'Agenzia di Stampa Giovanile è attiva a Trento e Bologna. 

Ultime su questo tema

Disuguaglianza, ecco perché l’Italia non è un Paese per giovani

21 Gennaio 2020
Oxfam: «L’Italia si colloca tra i Paesi con una forte influenza delle origini familiari sul successo occupazionale dei figli e la persistenza generazionale dei redditi». Una performance attrib...

Transumanza: a piedi sui sentieri di un patrimonio dell’umanità

20 Gennaio 2020
Riconosciuta patrimonio Unesco, la transumanza è vettore di cultura e legami. (Anna Molinari)

Il motivo per cui i media indipendenti sono così importanti

20 Gennaio 2020
#FreeAssange! Questa richiesta dovrebbe essere letta su tutti i giornali, sentita in tutte le radio e vista in tutte le televisioni, ma la maggior parte dei media mainstream non ne parla e se lo fa...

Educazione alla terrestrità

15 Gennaio 2020
Educazione alla terrestrità. Appello a collaborare con una sezione televisiva di formazione dei formatori per la rete ICAN. (Alfonso Navarra, Fabrizio Cracolici, Laura Tussi - Coordi...

Direzione Caucaso

15 Gennaio 2020
Allungo i documenti attraverso il pallido vetro del botteghino. Rapide domande, timbro sul passaporto e via verso Tbilisi. (Matthias Canapini)

Video

Global Campaign for Education