L'Italia ha appena acquistato altri 8 F-35: che farà la ministra Trenta?

Stampa

L’Italia ha ordinato almeno altri otto cacciabombardieri F-35. Lo rivela l’Osservatorio Milex. Lo scorso 25 aprile infatti il Pentagono ha siglato con Lockheed Martin un nuovo contratto che contiene anche l’ordine italiano per un nuovo pacchetto di cacciabombardieri F-35. Secondo Enrico Piovesa, l’esperto di Milex, «si tratta di un piccolo acconto da 10 milioni di dollari, relativo ai velivoli dei lotti produttivi a basso rateo (LRIP) 13 e 14, cioè almeno altri otto nuovi aerei: 6 nella versione convenzionale e 2 a decollo corto e atterraggio verticale». Ameno otto perché il più recente profilo di acquisizione reso noto l’anno scorso dalla Corte dei Conti dà dettagli per il Lotto 13 ma non per il 14, «che potrebbe essere composto da un numero pari o maggiore di velivoli».

Se l’acconto versato poche settimane è di dieci milioni di dollari, gli otto aerei complessivamente dovrebbero costare 730 milioni di dollari se si confida nelle previsioni, contestate da molti esperti del settore, della casa produttrice Lockheed Martin (85 milioni di dollari per la versione convenzionale e 110 per quella imbarcata); cifra che - continua Milex - sale a circa 1,3 miliardi di dollari secondo stime più realistiche (150 milioni di dollari per la versione convenzionale e 180 per quella imbarcata tenendo conto dei costi del motore e degli interventi correttivi di retrofit).

Con questi altri 8 esemplari di JSF, il totale degli F-35 finora acquistati dall’Italia sale almeno 26 macchine, di cui dieci già consegnate (nove all’Aeronautica e uno alla Marina). Il costo medio reale di ogni aereo è stato finora di circa 150 milioni di euro, ma per rendere pienamente operativi i velivoli pre-serie già consegnati (e quelli in prossima consegna) sarà necessario aggiornarne il software (elemento fondamentale per ottenere livelli operativi da battaglia, e dal costo rilevante) allo standard ‘Block 4’ spendendo all’incirca 40 milioni di dollari in più per ciascun aereo.

Il costo complessivo dei 90 cacciabombardieri F-35 che l’Italia prevede di comprare è di almeno 14 miliardi di euro (di cui 4 miliardi già pagati), cui vanno aggiunti almeno 35 miliardi di euro di costi operativi e di supporto logistico per i trent’anni di vita di questi aerei. Si calcoli dall’ultima relazione disponibile redatta dalla Corte dei Conti, il programma produrrà ricavi per l’industria (non per lo Stato) nell’ordine del 57% dei costi sostenuti (la metà di quanto previsto inizialmente), con una ricaduta occupazionale totale di circa 1.500 posti di lavoro, la gran parte (900) nella FACO di Cameri, di cui almeno 600 precari. Lontanissimi dai 6.400 posti di lavoro promessi inizialmente da Difesa e industria (oltre che da diverse forze politiche) e grossomodo un decimo rispetto alla stima iniziale di 10.000 lavoratori.

Il Movimento 5 Stelle, formazione della neo-ministra della Difesa Elisabetta Trenta, nel suo programma iniziale prevedeva il taglio del Programma F-35. Un primo segnale concreto in tal senso potrebbe venire già dal prossimo Documento Programmatico Pluriennale: l’ultimo, redatto sotto la Ministra Pinotti, prevedeva un esborso di 727 milioni per quest’anno, 747 milioni nel 2019 e 2.217 milioni tra il 2020 e il 2022.

Da Vita.it

Ultime su questo tema

Rendere visibile il cambiamento

19 Settembre 2018
Prende il via un lungo e articolato percorso per dar vita al primo Forum sociale mondiale delle economie trasformative. Si terrà a Barcellona nel 2020 e cercherà di provare, partendo dalla dimensio...

Il puzzle della Corea del Nord si aggroviglia

07 Settembre 2018
Sarebbe bene che l’opinione pubblica riprendesse a esercitare una forte pressione, sia sul problema della Corea del Nord sia sulla disdetta unilaterale da parte degli USA dell’accordo sul nucleare...

Il fenomeno migratorio e il "differenziale paranoico"

04 Settembre 2018
In Europa noi italiani siamo tra quelli che più sovrastimano il fenomeno migratorio. Una paranoia con delle conseguenze… (Alessandro Graziadei)

«Contro la xenofobia, bisogna andare nelle periferie delle nostre città»

03 Settembre 2018
Il presidente di Amref: "Il divario tra percezione e realtà è al massimo in Italia, ma non basta denunciarlo. Per togliere le ragioni a chi lo alimenta bisogna conoscere da vicino cosa sta acc...

Le ‘verità social’, dire senza sapere e la politica della rabbia

31 Agosto 2018
Un susseguirsi velocissimo di avvenimenti e di trasformazioni anche politiche, oltre che sociali, sta stravolgendo la vita di molti, mentre alcuni continuano a reggere le fila di un teatrino che pr...

Video

Conversazione del Dalai Lama