E' morto Jean Vanier, "artigiano" della pace e della fraternità

Stampa

“Sono profondamente pacifico e fiducioso. Non sono sicuro di quale sarà il futuro, ma Dio è buono e qualunque cosa accada sarà la migliore. Sono felice e ringrazio per tutto. Il mio amore più profondo per ciascuno di voi”: è l'ultimo messaggio pronunciato nei giorni scorsi da Jean Vanier, fondatore delle comunità de “L’Arche” e “morto serenamente oggi, martedì 7 Maggio alle 2:10 a Parigi, circondato da alcuni parenti”, come hanno annunciato poco fa Stephan Posner e Stacy Cates-Carney, responsabili di l'Arche International. “Conosciamo tutti il ruolo di Jean nella storia di L'Arche, Faith and Light e nelle storie personali di molti di noi – aggiungono - La vita di Jean è stata di eccezionale fecondità”.

Fondatore de L’Arche nel 1964, Jean Vanier ha anche co-fondato il movimento Fede e Luce nel 1971 e ha ispirato la creazione di molte altre associazioni. “Artigiano della pace – si legge sul sito dell’Arche – non ha mai smesso di testimoniare la ricchezza della vita e la fraternità condivisa con i più fragili, contribuendo a restituire alle persone con disabilità intellettive la loro dignità e il loro posto nella società”.

L’Arche è oggi una Federazione internazionale che conta 154 comunità in 38 Paesi, con circa 10mila membri con disabilità mentali o senza. In Italia, oltre al Chicco d Ciampino (Roma) che Papa Francesco ha visitato nell’ambito dei Venerdì della Misericordia il 13 maggio del 2016, esiste un’altra Comunità dell’Arca, la Comunità l’Arcobaleno, nata nel 2001 a Quarto Inferiore, vicino Bologna. A Cagliari la Comunità La Casa nell’Albero è dal 2014 un Progetto dell’Arca.

Nato a Ginevra il 10 settembre del 1928, Jean Vanier aveva 90 anni. Indebolito dal cancro, era stato ricoverato in ospedale per diverse settimane presso il Centro medico Jeanne Garnier a Parigi.

Da Redattoresociale.it

Ultime su questo tema

La sindaco omosessuale e verde, Bogotà, l’America Latina cambia

04 Novembre 2019
Donna omosessuale e verde. Una nuova leadership si sta affermando in America Latina. Nel continente sconvolto dalle proteste di piazza e dal volto feroce della repressione emergono figure come quel...

Hevrin Khalaf, la vigliacca guerra sul corpo delle donne

28 Ottobre 2019
Guardando le immagini dell’uccisione di Hevrin Khalaf, lapidata e brutalizzata ricordo la Medea del mito delle origini. Serve sempre, allora come oggi, una donna da lapidare... (Francesca de Car...

Una svolta per il Kashmir indiano?

18 Ottobre 2019
Il territorio a maggioranza musulmana riapre scuole, confini e comunicazioni, ma continua la disobbedienza civile della popolazione. (Alessandro Graziadei)

Siria: Rojava, 200mila sfollati: «Acqua, cibo e medicine non bastano»

16 Ottobre 2019
In fuga verso l’interno, da Hasakeh a Raqqa. Ad accoglierli le organizzazioni locali, scuole abbandonate, stazioni di benzina, famiglie che aprono le porte. Quasi impossibile attraversare il confin...

Riparte l'azione NO F-35

08 Ottobre 2019
A dieci anni di distanza dal primo voto in parlamento che aveva sancito la partecipazione italiana al progetto JSF è stata rilanciata, in una Conferenza Stampa la mobilitazione della soci...

Video

Conversazione del Dalai Lama