La sindaco omosessuale e verde, Bogotà, l’America Latina cambia

Stampa

Claudia Lopez - Foto:  Remocontro.it

Donna omosessuale e verde

Donna omosessuale e verde. L’immagine più significativa delle elezioni per il sindaco della capitale colombiana Bogotà di domenica scorsa, quella che ritrae la vincitrice Claudia Lopez, neo sindaco, abbracciare e baciare la sua compagna Angelica Lozano. Per la prima volta una donna, dichiaratamente omosessuale, vince e si appresta a governare una delle maggiori città latinoamericane. Un cambiamento che come ha dichiarato alla stampa l’attivista e sostenitrice della neo sindaca, Raquel Sofia Amaya, rappresenta «un fatto che cambia la visione della città. Quando le donne governano, le società si trasformano». 

Una vittoria della sinistra

Claudia Lopez, 49 anni, di famiglia operaia, ex giornalista, già senatrice e candidata vicepresidente, appartiene ad Alianza Verde, un raggruppamento nato nel 2009 dove sono confluiti altre formazioni di sinistra, movimenti sociali, ecologisti, animalisti e anche alcuni fuoriusciti di Union Patriottica. La sua è stata una vittoria ottenuta con il 35% dei voti (oltre un milione di preferenze) contro il suo avversario di centrodestra del partito al potere, Centro democratico, Carlos Fernando Galan che si è fermato al 32%. La Lopez ha staccato anche l’altro candidato di sinistra Hollman Morris (Unione Patriottica) e il conservatore Miguel Uribe. 

Continente in movimento

Nonostante in Colombia oggi sembrano essere seriamente in pericolo gli accordi di pace del 2016 con la storica guerriglia delle Farc, raggiunti dall’ex presidente Manuel Santos, e sebbene il paese sia governato da un uomo di destra come Ivan Duque (i cui candidati non sono riusciti a conquistare la seconda città del paese Medellin dove ha prevalso l’indipendente Daniel Quintero o a Cali in cui ha vinto il centrista, Jorge Ivan Ospina), Bogotà sembra inserirsi in diversi movimenti di rinnovamento che stanno scuotendo il continente. Cile, Argentina, Ecuador hanno mostrato la faccia della violenza di piazza ma anche l’aspirazione al superamento delle fortissime diseguaglianze sociali. 

Lotta alla corruzione e salvaguardia dell’ambiente

Elementi che si ritrovano anche nel programma della neo sindaca verde. Innanzitutto la lotta alla corruzione (Claudia Lopez è stata artefice di numerose inchieste sulla “parapolitica”, l’appoggio che diversi candidati conservatori hanno ottenuto dalle organizzazioni paramilitari), le possibilità d’istruzione gratuita per i più poveri, il contrasto al lavoro minorile il miglioramento della condizione delle donne. Ma sicuramente i temi ecologisti costituiscono gran parte del suo patrimonio ideale, in un paese con la maggiore biodiversità del pianeta ma in cui molte aeree sono però a rischio e chiedono interventi urgenti. La Lopez si è concentrata su un’idea verde di gestione cittadina, a partire dalla volontà di istituire una rete metropolitana di trasporto, per diminuire l’inquinamento, fino alla protezione del principale polmone verde della città come la riserva di Van der Hammen. 

Alessandro Fioroni da Remocontro.it

Ultime su questo tema

Danzare – e vivere – in 3D

15 Giugno 2019
Sindri Runudde, ballerino e artista, ci parla della sua arte e del suo modo di interpretare la vita – da una prospettiva queer e legata alla disabilità.  (Novella Benedetti)

L’Islam del Brunei e i cristiani radicali degli Stati Uniti

08 Aprile 2019
L’Islam del Brunei e i cristiani radicali degli Stati Uniti: non è un buon momento per i diritti umani LGBT. “Amnesty International ha espresso gravi preoccupazioni per le modifiche del codice...

Scioperiamo per un tempo nuovo

08 Marzo 2019
A pochi giorni dallo sciopero femminista globale dell’8 marzo, in preparazione con assemblee di Non una di meno e assemblee nei luoghi di lavoro di tante città in Italia e nel mondo, per tv e stamp...

Milano città aperta

06 Marzo 2019
La grande manifestazione di sabato 2 marzo contro il razzismo rappresenta uno spartiacque per la società italiana. Presenti 1.200 enti e associazioni, oltre a 700 comuni. Ma attenti, non bolliamo l...

Brasile, vince il neofascista Bolsonaro. Greenpeace: «Scenario tragico e senza precedenti»

30 Ottobre 2018
Il più grande ed economicamente importante Paese del Sud America  ha un presidente nazifascista: Jair Bolsonaro ha vinto il secondo turno delle elezioni presidenziali con il 55,20% dei vo...

Video

Stop all'omofobia