Africa, cresce il terrorismo

Stampa

Foto: Nigrizia.it

Nelle ultime settimane hanno fatto discutere una serie di annunci dei vertici militari statunitensi come quello del capo di Stato maggiore dell’esercito, Mark Milley, di voler ridurre la presenza militare in Africa, dove sotto il comando dell’Africom sono impegnati circa 7mila effettivi nel contrasto ai gruppi jihadisti. La scorsa settimana poi, il capo del Pentagono Mark Esper, ha proposto di chiudere la nuova base aerea di Agadez, in Niger. Annunci che non sembrano tenere in considerazione la rilevante crescita dell’insorgenza islamista in Africa, che il Centro di studi strategici africani (Acss) con base a Washington, ha efficacemente documentato nel suo annuale bilancio degli episodi violenti compiuti nel 2019 dai diversi gruppi jihadisti attivi nel continente.

Un quadro preoccupante

L’autorevole think tank statunitense ha rilevato un record di attacchi nel 2019, registrando una rilevante espansione dell’attività terroristica nella fascia del Sahel e nel bacino del Lago Ciad.

In generale, il report comincia evidenziando che lo scorso anno sono stati registrati 3.471 eventi violenti collegati a formazioni estremiste islamiche, con un aumento del 14% rispetto al 2018 e di oltre il 50% in confronto al 2013. Nel 2019, i decessi causati da attentati terroristici sono stati 10.460, con un aumento del 7% rispetto all’anno precedente. Un dato che inverte una tendenza al ribasso della letalità, in atto dal 2015.

Importante anche sottolineare come la minaccia dei gruppi islamici militanti in Africa non sia unitaria, ma relativa all’attività scaturita da una combinazione, in continuo mutamento, di circa due dozzine di gruppi che operano in 14 paesi.

In precedenza, la Somalia era la nazione dove si registravano circa la metà di tutti gli attacchi terroristici in Africa, mentre oggi l’attività dei gruppi estremisti, oltre che nel paese del Corno d’Africa è più uniformemente presente nel bacino del Lago Ciad e nella regione del Sahel. Senza dimenticare la persistente attività di insorgenza, seppur di minore rilievo, in Nord Africa e nelle provincie settentrionali del Mozambico. 

Sensibile calo in Somalia

Nello specifico, l’Acss ha rilevato un significativo declino (quasi il 14%) dell’attività di al-Shabaab e una diminuzione ancora più marcata delle vittime causate dagli attacchi del gruppo somalo, che si traduce in un calo del 29% rispetto al 2018 e del 40% relativamente al 2017.

Nell’ultimo anno, gli episodi violenti attribuiti ad al-Shabaab rappresentano circa il 38% di tutti gli attacchi portati a termine dai gruppi militanti in Africa. Un sensibile decremento rispetto al 50% registrato nella gran parte dell’ultimo decennio. Il relativo declino della violenza estremista in Somalia è rappresentato da un miglioramento della sicurezza a Mogadiscio, anche se al-Shabaab continua a esercitare la propria influenza nelle aree periferiche.

In aumento Sahel e Lago Ciad

Il regresso dell’attività di al-Shabaab è stato compensato però dagli aumenti in tre delle altre “zone calde” del continente. Prima fra tutte quella del Sahel - in particolare le zone di confine tra Burkina Faso, Mali e Niger - che nel 2019 ha registrato il più rapido aumento della violenza estremista rispetto a qualsiasi altra regione africana. Gli 800 eventi violenti totalizzati lo scorso anno, cosituiscono la continuazione di un trend di raddoppio degli attacchi perpetrati ogni anno, dal 2015, dai gruppi jihadisti attivi nel Sahel.

In questa fascia di territorio le morti per eventi violenti sono stimate in circa 2.600, con un incremento di oltre il 50% rispetto all’anno precedente. Tre gruppi, il Fronte di liberazione della Macina, Ansaroul Islam e lo Stato islamico nel Grande Sahara (Isgs), hanno compiuto la stragrande maggioranza di questi attacchi.

Due gruppi, Boko Haram e la sua emanazione rivale che risponde alla sigla di Stato Islamico in Africa occidentale (Iswa), sono invece in gran parte responsabili degli attacchi nel bacino del Lago Ciad, ampia regione che si estende a ridosso di Nigeria, Niger, Camerun e Ciad. In quest’area nel 2019 sono stati segnalati 765 eventi violenti, con un aumento del 35% rispetto all'anno precedente.

I 3.225 incidenti mortali causati da attacchi operati da Boko Haram e dall’Iswa, rappresentano un aumento del 4% rispetto al 2018 e superano di gran lunga i 2.790 morti ascrivibili ad al-Shabaab e i 2.600 registrati nel Sahel.

Stabile il Nord Africa, peggiora il Mozambico

Nell’Africa settentrionale, invece, l’attività dell’Isis è rimasta praticamente invariata rispetto al 2018, con un numero di morti collegate ai gruppi locali fedeli all’ex califfato, sceso da 1.170 a 1.060 nel 2019.

Infine, l’Acss rileva che lo scorso anno sono triplicati gli attacchi legati a gruppi islamici militanti nel Mozambico settentrionale, con circa 710 morti associati. I gruppi attivi in ??questa regione, che prendono il nome di Ahlu Sunnah Wa-Jama (Aderenti alla tradizione del Profeta) hanno origini oscure.

Marco Cochi da Nigrizia.it

Ultime su questo tema

Il nostro welfare? Incapace di tutelare i diritti umani delle persone con disabilità

26 Marzo 2020
Intervista con Giampiero Griffo, presidente di DPI Italia e esperto di diritti delle persone con disabilità nelle emergenze. «Nei momenti di crisi risorgono vecchi schemi e stereotipi, la logica mi...

Tra i più deboli in guerra contro il virus

20 Marzo 2020
“L’impatto del Covid19 può essere fortemente aggravato dalle condizioni sociali, economiche e ambientali di chi vive senza un tetto, in baraccopoli, campi rom, carceri. In Italia è il caso di Foggi...

Più investimenti per la salute, meno spese militari

20 Marzo 2020
Non possiamo dimenticare che l'impatto di questa epidemia è reso ancora più devastante dal continuo e recente indebolimento del Sistema Sanitario Nazionale a fronte di una ininterrotta&nb...

India: formazione vs sfruttamento

20 Marzo 2020
Nel West Bengal l’educazione e la formazione sembrano le uniche soluzioni per evitare che le ragazze diventino preda dei trafficanti di esseri umani. (Alessandro Graziadei)

Il vergognoso accordo Usa-taleban sul corpo delle donne

18 Marzo 2020
L'intervento militare occidentale doveva servire anche a liberare le donne dal burqa, secondo Bush. Dopo diciotto anni di guerra le donne non sono più nell'agenda dei negoziati. (Giuliana Sgrena...

Video

Diritti Umani