Stop al pesticida della Bayer

Stampa

cbgnetwork.org

Gli apicoltori e i gruppi ambientalisti tedeschi hanno chiesto una proibizione ad interim in Germania per il pesticida "Gaucho" e per altri prodotti contenenti il principio attivo imidaclopride. L'imidaclopride è seriamente sospettato di essere il responsabile dell'alta mortalità tra le popolazioni di api in gran parte dell'Europa. L'Associazione degli Apicoltori Professionisti Tedeschi (DBIB), il Naturschutzbund (NABU) e la Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer (CBG) hanno chiesto al ministro federale per i consumatori, Kuenast, di ritirare la concessione al pesticida fino a che le conoscenze attuali siano state pienamente verificate. "Kuenast deve seguire l'esempio francese di togliere dal mercato ogni pesticida che pone a rischio la popolazione apiaria" sostiene Manfred Hederer, presidente dell'Associazione degli Apicoltori Professionisti Tedeschi.

Il comitato tecnico scientifico in carica nel governo francese ha recentemente dichiarato che il trattamento dei semi con "Gaucho" comporta un rischio significativo per le api. L'esperto di agricoltura del NABU, Florian Schoene, ha detto al riguardo: "Per una protezione preventiva di ambiente e consumatori, si deve verificare anche in Germania l'ammissibilità di questa sostanza." L'imidaclopride è prodotto dalla Bayer Corporation con sede a Leverkusen . In Germania esso viene usato coi nomi di Gaucho e Chinook principalmente nella coltivazione della rapa, della barbabietola da zucchero e del mais. Negli ultimi anni in Germania come in Francia quasi il 50% delle api sono morte. Anche le api selvatiche e altri insetti hanno sofferto significative perdite di popolazione in questo periodo di tempo.

Secondo la Bayer uno studio recente eseguito dall'AFFSA, un dipartimento del governo francese, invalida le critiche contro "Gaucho". Tale affermazione è stata smentita da un portavoce dell'AFFSA. "Con un giro di affari annuale di oltre mezzo miliardo di euro, l'imidaclopride è tra i prodotti più importanti della Bayer. Per questa ragione, malgrado i seri danni ambientali, la Bayer combatte "coi denti e con le unghie" contro ogni appello al divieto di usarlo" afferma Philip Mimkes, portavoce della Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer.

Fonte: Coalizione contro i pericoli derivanti dalla Bayer

Ultime su questo tema

Il traffico di tartarughe non è più in mare!

14 Gennaio 2020
È urgente sostenere l’attuazione e l’applicazione delle normative nazionali e internazionali per proteggere le tartarughe marine. E fare qualcosa di più... (Alessandro Graziadei)

L’insostenibile leggerezza della zoomafia

10 Gennaio 2020
Combattimenti tra cani, corse clandestine di cavalli, pesca di frodo, traffico di fauna selvatica, traffico di cuccioli… È la zoomafia all’italiana! (Alessandro Graziadei)

La sfida più complessa per il Mediterraneo: la plastica!

03 Dicembre 2019
La plastica in mare si conferma un nemico per tutto il Mediterraneo. Che fare? (Alessandro Graziadei)

Insetti alla riscossa (in Germania)!

10 Ottobre 2019
La protezione dagli insetti è un compito fondamentale per preservare il nostro ecosistema, ma non è gratis. (Alessandro Graziadei) 

Spazio al bosco, e le specie spariscono

23 Settembre 2019
Che l’uomo intervenga o si assenti, per la sopravvivenza dell’ecosistema avrà sempre una responsabilità. (Anna Molinari)

Video

I Diritti degli animali