“Donna al volante…” chissà se in Africa…

Non ci crederete, ma anche in molti paesi africani i taxi viaggiano sulle due ruote: trasportano merci, ma sopratutto persone o meglio persone e merci. Sono i moto taxi: convenienti, rapidi, non sicurissimi, anche se gli sforzi per renderli tali ci sono. Zemidjan in Benin, clando in Ciad, Kabou-Kabou in Niger, boda-boda in Kenya. Chi li guida sono generalmente uomini, ma la professione di autista attira sempre più le donne. A Nairobi sono numerose ad aver deciso di sfidare i pregiudizi per riuscire a salire in sella. Devono lottare per veder accettata la loro scelta con la convinzione che non esistono lavori adatti alle donne e lavori adatti agli uomini. Forse più prudenti dei compagni maschi, le donne nella capitale keniana interrompono il servizio alle 18, mentre alcuni autisti fanno anche il servizio notturno. L’insicurezza e i pericoli però non fanno differenze di genere: i decessi dei motociclisti incidono per oltre il 10% sui morti delle strade, in alcune città si arriva al 13-15%. C’è da lavorare molto sull’educazione stradale, sul tipo di carico che una moto dovrebbe portare, sullo stato di salute dell’autista, ecc. La vita vale di più di una corsa.

(Foto: http://www.monitor.co.ug/)

Commenti

Novembre 2018

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30