Natale di guerra in Sud Sudan

Non sono in Sud Sudan, sono qui, nel mondo di Twitter, che può essere un modo per captare le notizie prima che lo diventino per i nostri media abituati a parlare di certe vicende solo quando ci va di mezzo qualcuno di “noi”. Forse per questo le bande che stanno creando panico e distruzione in Sud Sudan hanno sparato ad un aereo americano che stava evacuando gli “internazionali”. Purtroppo le notizie dal campo sono terribili. 15.000 sfollati nel compound di UNIMISS, 60.000 persone almeno che scappano per sfuggire alla violenza scoppiata almeno dieci giorni fa ma solo ieri arrivata nelle pagine interne dei giornali italiani. Rassegnati: un’altra guerra africana. E invece no, non ci rassegniamo, a noi interessa anche questo conflitto, perché ci interessano le centinaia di migliaia di sud-sudanesi che – secondo Toby Lanzer – rappresentante UN a Bor – avranno bisogno di aiuto molto ma molto presto. A Natale.

Commenti

Febbraio 2020

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29