Italia: migrare "in e out"

Carta degli arrivi via mare attraverso il Mediterraneo (fonte: UNHCR)

Quando si dice “migrazioni” la tendenza è a pensare agli sbarchi o agli arrivi di migranti richiedenti qualche forma di protezione internazionale. Il riferimento quindi è all’immigrazione, cioè ai flussi in entrata. Ad entrare in Italia però non ci sono solo i migranti in situazione irregolare (nel 2015 sono stati 103.792, dati del Ministero dell’Interno), ci sono anche lavoratori, studenti ed altre persone che giungono per diversi motivi e che qui stabiliscono la loro residenza per un periodo breve, medio o lungo. Senza dimenticare però che anche il "dentro" è uno spazio di migrazione: molte persone si spostano all'interno del Paese. La migrazione è inoltre un fenomeno che raccoglie i dati in uscita, cioè le persone che lasciano temporaneamente o con un progetto più duraturo il Paese per motivi differenti, lavoro, studio, famiglia, ecc. Nel 2015 gli espatri di italiani e italiane sono stati 107.529, 35,8% di questi aveva un’età compresa tra i 18 e i 34 anni. In totale, secondo i dati del Rapporto italiani nel mondo (2015) della Fondazione Migrantes, nello stesso anno sono 4.636.647 gli italiani, prevalentemente uomini anche se il numero delle donne è in crescita, che vivono all’estero. L’Italia sta riprendendo ad emigrare: è sempre il grande sogno di una vita migliore, laddove si pensa di trovare opportunità di crescita, di futuro. 

Continua l’approfondimento su atlante.unimondo.org.

Commenti

Ottobre 2019

Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31